home

 

 

 

La carne

 

 

 

 

 

La carne suina

 

 

 

La carne di maiale anticamente era molto usata ed apprezzata, ma pian piano divenne sempre meno consumata, perché ritenuta indigesta e dannosa al fegato.
Attualmente grazie alla selezione delle razze, si trova in vendita il maiale magro che non è più da considerare di difficile digestione e che tutti, ad esclusione delle persone che soffrono di malattie dell’apparato digerente, possono consumare anche più di una volta alla settimana e principalmente nelle stagioni fredde.
La carne di maiale si presenta color rosa chiaro e con il grasso bianco. È migliore se ben aromatizzata con aglio, rosmarino ed altri profumi dell’orto, che ne completano il sapore.
La dose di carne per persona è di 150-200 grammi, se si tratta di arrosto

 

I tagli del MAIALE

  1. La coscia (prosciutto)
  2. Filetto e lombata
  3. Carré o quadrello
  4. Spalla
  5. Piede

 

Pezzi indicati per la cottura in padella o alla griglia:

  • il quadrello (costolette)
  • i piedi

Pezzi grossi indicati per la cottura arrosto:

  • il filetto e lombata
  • la spalla
  • il quadrello (l’arista)
  • la coscia (prosciutto)

Ma soprattutto ricordarsi che del maiale non si butta via nulla!

Moltissime ricette tipiche sono ottenute con l’impiego delle diverse parti del maiale e spesso quelle ritenute meno nobili danno origine ai piatti più saporiti e tradizionali.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[home page]

[mission]

[redazione]

[collabora]

[contattaci]

[link]

 

2003 ©opyright ::  INformaCIBO.it