Per acquistare il Libro di Licia Granello

 Il Gusto delle donne

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il libro di Licia Granello Il gusto delle donne

Il mestiere della tavola in venti storie al femminile

 

I ritratti di Camilla Lunelli, Carla Latini, Marella Levoni, Annie Féolde, Margherita Mastromauro, José Rallo, Maida Mercuri, Giannola Nonino, Nadia Santini e altri ancora...

 

Per Mario Pannunzio occorreva essere “progressisti in politica, conservatori in economia, reazionari nel costume” e, aggiungiamo noi, parlando di Gusto e Cibo, <innovatori in cultura gastronomica> per apprezzare <Il Gusto delle Donne - Il mestiere della tavola in venti storie al femminile>, il bel libro edito da Rizzoli e scritto da Licia Granello, che con le sue due pagine domenicali su la Repubblica ogni settimana ci presenta la gastronomia del mangiare e del bere come arte della cucina.


Licia Granello, che viene dalla Scuola di Gianni "Gioann" Brera, riesce mirabilmente a raccontarci con una prosa briosa e accattivante venti ritratti di grandi donne del Gusto, con una grande capacità di entrare nel (loro) mondo femminile con la prosa tersa della cronista di razza di un quotidiano.


Sole tre citazioni per capire la vivacità della prosa di Licia Granello.

La (usiamo l'articolo col.... permesso del ministro Elsa Fornero) Granello descrive, Camilla Lunelli, responsabile pubbliche relazioni delle Cantine Ferrari, come una donna “che ha il sorriso nella voce”, presenta poi la “sfacciata allegria” di Carla Latini, titolare del pastificio Latini, come una che “sa comunicare sostanza in modo lieve” e per finire, tuttodaleggere, un capitoletto su “Il gusto soave del peccato”, che racconta la storia di Marella Levoni, proprietaria e responsabile ufficio stampa e relazioni esterne del Salumificio Levoni, come “un panino con la martadella”.


Un libro/galleria di ritratti che riesce a colorare di rosa la vita.

Un libro scritto al femminile da una donna scrittrice che ama le altre donne e il loro mestiere.

Un libro bello, che racconta vite da ammirare in un volume tutto da divorare.


E che la Rizzoli ha presentato in questo modo per far riflettere sul "piacere a tavola" e sulla creatività tutta al femminile di alcune protagoniste del Food made in Italy:

Nutrire è un atto esclusivamente femminile. Nella lingua italiana esiste soltanto la nutrice, non il «nutore», così come c’è la balia ma non il «balio». Per una donna, quello dell’alimentazione è una sorta di codice genetico che si tramanda da millenni. Quando gli uomini si sono affacciati al mondo dell’alta gastronomia, hanno adottato il titolo di chef, ovvero «capo» in francese. Un bel salto di qualità rispetto a chi, come le cuoche, fa semplicemente da mangiare. Tuttavia, sono sempre donne le vere artefici del piacere a tavola. Donne che, con dolcezza e intransigenza, curano la qualità assoluta dei cibi, ricercano sapori antichi e nuovi.

Lo dimostra questa entusiasmante galleria di ritratti di venti grandi signore del gusto. Madri e nonne, single e sposate, hanno coltivato spesso nell’ombra ma con passione inesorabile ciascuna la propria vocazione, chi per il vino, chi per il Parmigiano Reggiano, chi per l’accoglienza e la ristorazione.

Come Annie Féolde che, giunta molti anni fa dalla Francia in Toscana per fare la ragazza alla pari, fu lasciata sulla strada dalla facoltosa famiglia di Fiesole che l’aveva chiamata, ma reagì con tanta forza e talento da diventare, qualche anno dopo, l’anima dell’Enoteca Pinchiorri, gioiello dell’enogastronomia che il mondo intero ci invidia.

Oppure come Margherita Mastromauro che ha saputo conciliare (capacità femminile!) la passione per il pastificio di famiglia e per la politica. O ancora come José Rallo, prima donna alla guida della grande azienda vinicola Donnafugata, che ha sposato l’amore per il vino con quello per la musica”.



Licia Granello, nata a Torino, scrive per il quotidiano “la Repubblica” dal 1981. Dopo vent’anni da inviata sportiva, in redazione con Gianni Brera, Mario Fossati, Gianni Clerici e Gianni Mura, nel 2001 ha scelto di diventare food editor, occupandosi di alimentazione a 360 gradi, dalla nutrizione all’agricoltura biologica, all’alta gastronomia.

Dal 2004 firma, sul quotidiano di Enzo Mauro, la doppia pagina domenicale “I Sapori”.

È docente di Antropologia dell'Alimentazione all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli. Nel 2007 ha pubblicato il volume, Mai fragole a dicembre (Mondadori editore).

Autore: Licia Granello

Titolo: Il Gusto delle donne

Editore: RIZZOLI

Pagine: 216

Prezzo: 16,00 euro

Anno prima edizione: 2012

 

 

La presentazione del libro di

Licia Granello a Milano e Napoli

 

A Milano il libro verrà presentato da Natalia Aspesi, Carlo Cracco e l’autrice il 13 marzo ore 18.30 alla Libreria Feltrinelli di Piazza Piemonte 2

 

A Napoli verrà presentato il 21 marzo alle 18 alla Libreria Feltrinelli

(Piazza dei Martiri)  

 

 

 

 

[home page]

[mission]

[redazione]

[collabora]

[contattaci]

[link]