Terza edizione

In Puglia torna il BiolFish

Dal 2 al 5 giugno a Monopoli, tra gastronomia, cultura, convegni e premi

   

 

  

BiolFish

 

 

 

 

 

Olio biologico, il XVI Premio Biol al sardo “S. Andrìa”

Secondo posto in classifica generale al “Dop Valli Trapanesi” di Titone. Miglior packaging a un olio croato, BiolBlended all’umbro “Bios” di Monini, BiolKids al californiano “Mistral Apollo”. Questi e altri riconoscimenti per la chiusura della kermesse che da martedì ha visto Andria epicentro dell’olivicoltura internazionale biologica


Andria 28 aprile 2011. – Gli oli biologici isolani confermano l’Italia ai vertici d’eccellenza dell’olivicoltura bio mondiale. E’ infatti l’extravergine sardo “S. Andrìa” dell’Oleificio Sandro Chisu di Orosei (Nuoro) il miglior olio biologico del 2011: lo sancisce il principale verdetto del Premio Biol, la kermesse internazionale riservata ai migliori oli bio, che da sedici anni assegna in Puglia i più importanti riconoscimenti mondiali del settore.

 

Il “S. Andrìa” è risultato il migliore assoluto tra gli oltre 380 oli in gara giunti da 19 paesi, per una copertura pressoché completa dell’olivicoltura internazionale. E da un’altra isola, la Sicilia, arriva il secondo posto, aggiudicato al “Dop Valli Trapanesi” dell’azienda biologica Titone. Terzo piazzamento per il moraiolo toscano dell’azienda Cesare Buonamici di Fiesole (Firenze). Miglior blended, l’umbro “Bios” di Monini, imbottigliato da S.I.O. a Carpino, sul Gargano. Tra gli altri riconoscimenti principali, il Biolpack  (miglior accoppiata etichetta-packaging assegnato da una specifica giuria di esperti in comunicazione e consumo) è stato vinto dall’olio croato “Zlatno Ulje”. La giuria di bambini ha invece assegnato il BiolKids all’olio californiano “Mistral Apollo”. Miglior olio straniero, al sesto posto, lo spagnolo “Rincon della Subbetica”.

 

Sempre ottima la qualità degli oli di casa, i pugliesi: quest’anno ad aggiudicarsi il BiolPuglia, grazie a un dodicesimo posto in classifica generale, è stato l’olio bio della “Tenuta Piantatella” di Statte, nel Tarantino, giunto anche secondo nel BiolKids. L’elenco completo di tutti gli altri riconoscimenti territoriali e delle menzioni sarà online su www.premiobiol.it.

 

La proclamazione dei vincitori è avvenuta oggi nel Chiostro di San Francesco, al termine di un Forum scientifico sulle prospettive dell’olivicoltura biologica, che ha anche lanciato la nuova associazione di produttori BiolItalia: “La giuria internazionale - ha dichiarato il coordinatore del Biol Nino Paparella - ha rilevato l’alta qualità dei sessanta oli giunti all’ultima scrematura finale, con distacchi minimi tra loro. La giuria, che si è avvalsa di un nuovo software presto online sul sito, quest’anno ha evidenziato una forte crescita della qualità italiana, e sottolineato la valenza della partecipazione di oli giunti da aree del Mediterraneo che stanno attraversando un travagliato momento storico. L’ulivo, insomma, come segno di pace”. I vincitori ritireranno i premi l’8 maggio nella manifestazione B-To-Bio, alla Fiera di Milano. Tutti i partecipanti saranno pubblicati sul tradizionale Catalogo del Biol, poi presentato alle principali fiere internazionali di settore, dal BioFach di Norimberga al Sana di Bologna.

 

Si chiude dunque la kermesse organizzata dal CiBi, che tra forum (con la presentazione dell’associazione di produttori BiolItalia), seminari di degustazione, visite guidate, incontri BtoB, mostre e momenti conviviali, allestimenti artistici di design ecosotenibile, per tre giorni ha reso Andria epicentro internazionale del movimento olivicolo biologico.

 

Il Premio Biol è patrocinato da Ifoam e Ministero delle Politiche Agricole, e si svolge in collaborazione con Regione Puglia, Città di Andria, Icea - Istituto per la Certificazione Etica e Ambientale e Consorzio Puglia Natura.


Premio Biol, Andria capitale
mondiale dell’olio biologico

Tutto pronto per la XVI edizione, cha vanta il record di partecipanti: oltre 380 extravergini bio da 19 Paesi. Apertura alle 13 a Oliveti d’Italia. Fino al 28 aprile, in parallelo al concorso, anche un forum, un seminario di degustazione, visite guidate, incontri BtoB, mostra degli oli e momenti conviviali


Gli Oli vincitori in una vecchia edizione di BiolAndria 26 aprile 2011. – Tutto pronto ad Andria per il varo del XVI Premio Biol, che dal 26 al 28 aprile porrà a confronto i migliori oli extravergini biologici del mondo, in una kermesse che darà anche spazio a forum, seminari di degustazione, visite guidate, incontri BtoB, mostre e momenti conviviali (programma e ultime iscrizioni agli eventi su www.premiobiol.it).

 

Battuto il record di iscrizioni degli oli in concorso, oltre 380 - contro i 350 dell’ultima edizione - giunti da 19 Paesi: con l’Italia - che registra la novità degli extravergini trentini, mentre la Puglia, “padrona di casa”, ne porta in finale più di 50 - anche Albania, Arabia Saudita, Argentina, Australia, Cile, Croazia, Grecia, Israele, Libano, Marocco, Palestina, Portogallo, Siria, Slovenia, Spagna, Tunisia, Turchia e Usa. Fra questi la giuria internazionale - formata anche da buyers provenienti da Grecia, Giappone, Germania, Usa e Inghilterra - riunita ad Oliveti d’Italia stabilirà i migliori oli dell’annata e delle categorie parallele, dai blended ai premi territoriali; specifiche giurie assegneranno poi anche riconoscimenti al packaging più altri tematici, come la novità BiolDesign. E proprio in collegamento al design, tutti gli allestimenti del Biol 2011 saranno all’insegna dell’ecosostenibile, con installazioni di taglio artistico e strutture create con materiali di riciclo, dal cartone al pvc, curate da Alfio Cangiani - Made in Puglia, e interventi di verde spontaneo pugliese.


Il programma - Organizzato dal CiBi, il Biol si aprirà martedì 26 alle 13 nella sede di Oliveti d’Italia (via Murge 57) con i saluti del sindaco di Andria Nicola Giorgino, dell’assessore comunale alle Attività produttive Benedetto Miscioscia e del presidente della Camera di Commercio di Bari Sandro Ambruosi, che daranno il via ai lavori della giuria, guidata dal capopanel Giorgio Cardone. Alle 18, meeting dei giurati che hanno preso parte anche agli eventi esteri del Biol nell’ambito del progetto BiolMed, per omologare una scheda-panel unica. Intanto alle 14 nell’Oleificio coop. della Riforma Fondiaria (via Maggior Galliano 76), partirà la due giorni del seminario d’assaggio degli oli in concorso, preceduto in mattinata da un BiolTour in frantoi e oliveti biologici di Andria. Mercoledì 27, alle 9, seconda sessione di assaggio della Giuria e chiusura del seminario di degustazione; nel pomeriggio BiolTour e cena sociale (posti esauriti).


Giornata clou giovedì 28: si aprirà alle 9 ad Oliveti d’Italia col BiolKids, dove un panel formato dalle quinte elementari andriesi, dopo un percorso di formazione ad hoc, affiancherà i giurati per stabilire l’olio più gustoso per i giovani palati. Quindi dalle 10 trasferimento al Chiostro di San Francesco del Palazzo municipale, per l’esposizione “Un Mondo d’Olio”, con la selezione delle bottiglie più rappresentative dei vari Paesi, incontri fra buyers e produttori e degustazioni; quindi dalle 11 alle 18, in collaborazione con l’associazione dei produttori Biolitalia, il Forum “Olivicoltura biologica tra innovazione e tradizione”, dove tra gli altri interverranno il vicepresidente del Consiglio Regionale pugliese Nino Marmo, docenti delle Università di Bari, Pisa e Firenze, rappresentanti del Ministero delle Politiche agricole e di enti di settore, dallo Iamb, a Icea. Alle 18, chiusura con la proclamazione dei vincitori del concorso.


Il Premio Biol è patrocinato da Ifoam e Ministero delle Politiche Agricole, e si svolge in collaborazione con enti locali come Regione Puglia e Città di Andria, e vari organismi di settore tra cui Icea - Istituto per la Certificazione Etica e Ambientale e Consorzio Puglia Natura.

 

Il Premio Biol (www.premiobiol.it) è patrocinato da Ifoam e Ministero delle Politiche Agricole e si svolge in collaborazione con enti locali e vari organismi di settore tra cui Regione Puglia, Città di Andria, Icea - Istituto per la Certificazione Etica e Ambientale, Consorzio Puglia Natura.

C.I.Bi. – Consorzio Italiano per il Biologico  E-mail: info@premiobiol.it

 

   

 

[home page]

[mission]

[redazione]

[collabora]

[contattaci]

[link]

2003 ©opyright ::  INformaCIBO.it