inserisci la tua e-mail per ricevere le nostre news

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’olio a denominazione di origine protagonista del  premio Sirena d’oro di Sorrento organizzato  dall’Assessorato all’Agricoltura- Regione Campania, dalla Città di Sorrento, in collaborazione con l'Associazione nazionale Città dell'Olio, la CCIAA di Benevento, la CCIAA di Salerno e Oleum

 

Il Sirena d'Oro di Sorrento tiene a battesimo la Carta del paesaggio dell'olivo

 

La firma del documento al convegno di Caiazzo (Cs), 15 le Istituzioni che hanno aderito. Osservatorio permanente e mappatura  dei luoghi da tutelare tra i primi obiettivi

Nasce la Carta del paesaggio dell’olivo. Il documento è stato firmato dal presidente dell'associazione nazionale Città dell'Olio Enrico Lupi, dal dirigente del SeSirca della Regione Campania Michele Bianco, dal presidente dell'Atelier "Paesaggi mediterranei" Giorgio Pizziolo, dal presidente dell'associazione nazionale Città Paesaggio Nicola Sorbo, dal presidente della Comunità montana dell'Amiata grossetana Giovanni Alessandri e da altri amministratori italiani tra cui il sindaco di Caiazzo.

Si chiama ufficialmente "Itinerari per una Carta dei paesaggi dell'olivo e dell'olio", ed è stata sottoscritta ieri a Caiazzo (Caserta) a conclusione del seminario sul paesaggio olivicolo, al quale hanno partecipato i più noti esperti del settore.

L'iniziativa si pone l'obiettivo di delineare le strategie per il buon governo dei territori dove l'olivo rappresenta da sempre la cultura e la storia. E' stata realizzata nella cornice del Mese dell'Olio Dop in Campania e della seconda edizione del Premio Sirena d'Oro di Sorrento, il concorso per le migliori produzioni d'olio Dop, organizzato da Regione Campania - Assessorato all'Agricoltura, dalla Città di Sorrento, CCIAA di Benvento, CCIAA di Salerno, in collaborazione con l'Associone Nazionale Città dell'Olio e Oleum.

Gli obiettivi principali di questa Carta, per sua natura aperta a progressive modifiche e aggiornamenti, è l'iniziativa didattiche, la promozione del "prodotto extravergine", la valorizzazione di frantoi e musei e la realizzazione di un osservatorio permanenente per la mappatura di tutti i luoghi dell'olivo che hanno bisogno di tutele speciali.

 Il documento costituisce la traccia di un percorso che coinvolge l?ambiente, le popolazioni, le istituzioni e tutti i soggetti scientifici economici e culturali che si impegnano a tutelare e migliorare il paesaggio dell'olivo. L?itinerario proposto è solo il primo passo di un lavoro più complesso che vedrà l'intreccio delle tematiche relative ai paesaggi dell?olio e che sarà costituito da momenti di incontro per la ricerca di valori, conoscenze e capacità da parte dei diversi soggetti partecipanti. Si tratta pertanto di un cammino in divenire che non ha solo lo scopo di unire idealmente chi è interessato ad operare per il buon governo della campagna, ma anche di farsi strumento propositivo di lavoro, ponendo le basi per un approccio condiviso sul tema del paesaggio agrario e dell?olivo e aprire un dibattito con le istituzioni per chiedere interventi a difesa del delicato paesaggio dell'olivo.

 "Gli amministratori e rappresentanti del mondo ambientalista e scientifico hanno firmato la Carta del paesaggio dell?olivo e dell’olio per garantire l'inizio di un percorso che impegnerà sia le popolazioni che le istituzioni nel rispetto di questa produzione e del suo ambiente naturale", ha detto Nicola Sorbo, presidente dell'associazione Città Paesaggio.

Secondo Enrico Lupi, presidente dell'associazione Città dell'olio "la Carta sottoscritta è di alto livello, servirà ad avere una conoscenza preliminare del paesaggio, passo indispensabile per dare vita ad una mappatura di luoghi da tutelare. Il compito dell'asociazione nazionale Città dell'Olio è infatti proprio quello di valorizzare le aree a maggiore vocazione olivicola -prosegue Lupi - e questo include anche gli aspetti ambientali e paesaggistici, oltre che economici e culturali".

"Il paesaggio nasce dal mantenimento del territorio rurale non dall'abbandono, e tantomeno da interventi incoerenti con storia e tradizione - ha concluso Michele Bianco, dirigente del SeSirca (Servizio di sperimentazione informatica ricerca e consulenza) della Regione Campania - Per questo è importante sensibilizzare i proprietari, chi da sempre vive in queste terre e le coltiva, sulla necessità di recuperare il paesaggio e valorizzare gli originali prodotti tipici".

 

Segreteria Nazionale del Premio Sirena d'Oro di Sorrento Associazione nazionale

città dell'olio: tel. 0577.329109

 

 

 

[home page]

[mission]

[redazione]

[collabora]

[contattaci]

[link]

 

2003 ©opyright ::  INformaCIBO.it