inserisci la tua e-mail per ricevere le nostre news

 

 

 

 

ATTIVATO UN TAVOLO INTERPROFESSIONALE PER IL SUINO BIO

 

I principali attori della filiera del suino bio nazionale (Italcarni, Coop Italia, Progeo, le associazioni dei produttori Cia e Confagricoltura, FIAO) sulle difficoltà determinate agli accordi di filiera dall'entrata in vigore del Reg. CE n. 2277/03.

 

Lo scorso 5 febbraio, annuncia “Notizie Fiao”, presso la sede dell'associazione produttori biologici e biodinamici dell'Emilia Romagna Pro.B.E.R. si sono riuniti i principali attori della filiera del suino bio nazionale, fra cui Italcarni, Coop Italia, Progeo, le associazioni dei produttori agricoli (Cia e Confagricoltura) e FIAO per affrontare le gravi difficoltà determinate agli accordi di filiera già sottoscritti dall'entrata in vigore del Reg. CE n. 2277/03.

Le dimensioni degli accordi stipulati, infatti, rendono necessario ancora per almeno 18 mesi l'inserimento in allevamento di suinetti convenzionali, in attesa che l'intero ciclo di produzione dei maiali possa essere fatto con metodo biologico nelle dimensioni richieste.
La possibilità di approvvigionamento di animali da altri Paesi europei è di fatto incompatibile con i marchi della GDO italiana e crea rilevanti problemi di costo, in quanto non consente di valorizzare le cosce e altre parti del suino nel circuito delle produzioni tipiche certificate.
E' stato quindi deciso di sollecitare la Regione Emilia Romagna affinchè intervenga presso il Ministero delle politiche agricole e forestali per chiedere all'Unione Europea di esaminare la concessione di una nuova deroga limitata ai territori delle produzioni tipiche certificate, nei quali al momento non esiste disponibilità di suinetti nati da scrofe allevate secondo il metodo biologico.

L'Assessore Tampieri ha già dato la sua disponibilità ad intervenire presso il Ministro Alemanno, vista la rilevanza della questione non solo per il suino bio ma per l'intera produzione suinicola nazionale, che potrebbe perdere con l'occasione di importanza nell'ambito delle politiche di marchio della GDO italiana.

 

 

 

[home page]

[mission]

[redazione]

[collabora]

[contattaci]

[link]

 

2003 ©opyright ::  INformaCIBO.it