fbpx

5 febbraio, #iorecupero: campagna di sensibilizzazione antispreco

Life-Food.Waste.StandUp: iniziative con le aziende agroalimentari, Grande distribuzione organizzata e consumatori

di Silvia Armati

Ultima Modifica: 02/02/2019

Si avvicina martedì 5 febbraio,  la sesta giornata nazionale contro lo spreco alimentare.  Proseguono le iniziative di mobilitazione: dopo quella della Fondazione Barilla che, come ha scritto nei giorni scorsi InformaCibo (Ogni anno nel mondo vengono sprecati 1,3 miliardi di tonnellate di cibo), ha proposto uno studio su come lo spreco di cibo impatta sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, ora diamo notizia delle iniziative nell’ambito di Life-Food.Waste.StandUp, il progetto co-finanziato dal programma Life 2014-2020 volto a informare e sensibilizzare sul tema delle eccedenze alimentari.

L’iniziativa è promossa da tutta la filiera alimentare italiana (Federalimentare capofila, Federdistribuzione, Fondazione Banco Alimentare Onlus e Unione Nazionale Consumatori).

Per farlo, Life-Food.Waste.StandUp lancia una campagna di sensibilizzazione attraverso una serie di iniziative digital e social, tutte pubblicate sulla pagina dedicata alla Giornata nazionale antispreco.

In particolare, per il 5 febbraio è previsto una survey dedicata a tutti i consumatori. L’indagine verterà su come ognuno di noi contrasta lo spreco alimentare e ogni consumatore sarà chiamato a scrivere suggerimenti e consigli sul tema. Le idee migliori saranno pubblicate sul sito come “Best practices”.
Sarà anche riproposta la sfida in cucina su come preparare piatti sfiziosi con ciò che troviamo in frigo o in dispensa, fotografarli e condividerli sui social con l’hashtag #iorecupero.

Iniziative con le aziende agroalimentari, Gdo e consumatori

Continua così il progetto di filiera multitarget (aziende agro alimentari, distribuzione moderna organizzata e consumatori,) che mira a coinvolgere circa 20.000 imprese italiane agroalimentari, 12.000 punti vendita (diretti e in franchising) e 1.500.000 consumatori nella campagna di sensibilizzazione anti-spreco alimentare e per diffondere informazioni e modelli per la gestione delle eccedenze alimentari a circa 200.000 imprese alimentari europee, formare almeno 200 aziende agroalimentari e 65 aziende della Grande Distribuzione Organizzata sulle procedure di donazione e di gestione delle eccedenze alimentari e 59 info point in tutta Italia su informazioni contro lo spreco alimentare domestico per i consumatori.

Noi siamo convinti che il cibo abbia un grandissimo valore e che, anche quando sembra destinato a diventare spreco, possa acquisire ancora più valore.
Ma questo dipende da tutti noi!

Il sito #IoRecupero

 

Condividi L'Articolo

L'Autore

Redattore