A Bergamo svelati i Dieci Sole della nuova edizione della Guida Oro I Vini di Veronelli

A Bergamo, all’Accademia Carrara, il Seminario Veronelli ha presentato in anteprima la nuova edizione della prima guida ai vini d’Italia e ha conferito i dieci Sole, premi speciali della redazione

di Silvia Armati

Ultima Modifica: 22/10/2020

Bergamo onora la memoria di Gino Veronelli con la presentazione della “Guida Oro I Vini di Veronelli 2021”.

All’interno delle meravigliose sale dell’ Accademia Carrara di Bergamo, il Seminario Permanente Luigi Veronelli ha presentato in anteprima la Guida 2021, volume erede degli storici cataloghi firmati, sin dagli anni Cinquanta, dal padre della critica enologica italiana.

Questa mattina, a partire dalle 11.30 in diretta Facebook, sono stati comunicati i dettagli della nuova edizione che conta ben 16.679 etichette recensite, per un totale di 2.099 produttori descritti.

Grande era l’attesa per i Sole, premi speciali assegnati dalla Redazione ad altrettanti “racconti in forma di vino” rappresentativi della competenza, della creatività e dell’impegno dei produttori italiani.

I Sole di Veronelli

Ad aggiudicarseli sono stati, quest’anno, il Lessona 2016 di Noah Andrea Mosca (Brusnengo, BI), l’ Areum Malvasia di Candia Aromatica Passito 2017 di Antonio Panigada (San Colombano al Lambro, MI), l’ Alto Adige Pinot Noir Riserva Renaissance 2016 di Gump Hof e Markus Prackwieser (Fiè allo Sciliar – Vols am Schlern, BZ), il Friuli Colli Orientali Verduzzo Friulano 2017 di Jacùss (Torreano, UD), Le Pupille Toscana Syrah 2015 di Le Pupille (Grosseto), il Ruggine Marche Rosso 2014 di Clara Marcelli (Castorano, AP), il Majolo Bianco Umbria 2015 di Zanchi (Amelia, TR), il Katà Catalanesca del Monte Somma 2019 di Cantine Olivella (Sant’Anastasia, NA), l’ Etna Bianco Superiore Contrada Villagrande 2017 di Barone di Villagrande (Milo, CT), lo Jù Isola dei Nuraghi Rosso 2017 di Cantine di Dolianova (Dolianova, CA).

A conquistare le Tre Stelle Oro, in ragione d’un punteggio uguale o superiore a 94/100 assegnato dai curatori Andrea Alpi, Gigi Brozzoni, Marco Magnoli e Alessandra Piubello, sono stati, invece, 400 vini e, nel consueto confronto regionale, è la Toscana a condurre la classifica per numero di premi conseguiti con ben 111  Tre Stelle Oro, seguito dal Piemonte con 110 e, molto staccato, dal Veneto con 28 vini “orostellati”.

Ventisette, inoltre, sono i vini che hanno ottenuto il titolo di Grande Esordio avendo raggiunto o superato la soglia dei 94/100 alla loro prima apparizione in Guida.

Cinque, per definizione, i Migliori Assaggi, vini che, nella rispettiva tipologia, hanno conseguito il più elevato giudizio in centesimi

Si tratta, in particolare, del Trento Extra Brut Giulio Ferrari Riserva del Fondatore 2009 di Ferrari F.lli Lunelli (Miglior Vino Spumante), dell’ Alto Adige Bianco Riserva LR 2016 di Colterenzio (Miglior Vino Bianco), del Diciotto Fanali Salento Rosato 2017 di Apollonio (Miglior Vino Rosato), del Brunello di Montalcino Madonna delle Grazie 2015 di Il Marroneto (Miglior Vino Rosso), del Vin San Giusto Toscana Bianco Passito 2012 di San Giusto a Rentennano (Miglior Vino Dolce o da Meditazione).

Alla presentazione hanno partecipato Andrea Bonini, Direttore del Seminario Permanente Luigi Veronelli, e Andrea AlpiGigi BrozzoniMarco Magnoli e Alessandra Piubello, Curatori della Guida Oro I Vini di Veronelli 2021.

Verso la presentazione….

La Guida Oro I Vini di Veronelli 2021: oggi la presentazione a Bergamo

Condividi L'Articolo

L'Autore

Redattore