L'Unità nazionale vista a tavola

Una Mostra a Torino ideata dagli scrittori e giornalisti

Clara e Gigi Padovani

 

L'inaugurazione, con Gualtiero Marchesi, il 7 ottobre

 

Gualtiero Marchesi negli anni '80

 La foto è ripresa da Grand Gourmet degli anni 80


Torino 28 settembre 2011. Dopo il Libro ora arriva anche una Mostra. Non perdono tempo gli scrittori e giornalisti torinesi Clara e Gigi Padovani per far ricordare agli italiani le date fondamentali dell'identità alimentare del nostro Bel e Buon Paese.


Gli autori del libro "Italia Buon Paese - Gusti, cibi e bevande in 150 anni di storia" stanno preparando una Mostra ispirata proprio agli stili alimentari degli italiani dal 1861 ai giorni nostri. Il cuore del libro contiene infatti quindici ricette che scandiscono i mutamenti delle tendenze culinarie del Buon Paese da Artusi agli chef della Nuova Cucina Italiana.


La Mostra, commissionata dal Comune di Torino e dal Comitato Italia 150, insieme a due video (uno realizzato dalla Armando Testa con i vecchi "Caroselli" e spot dedicati al cibo) sarà inaugurata
venerdì 7 ottobre 2011 a Torino presso le OGR, le Officine Grandi Riparazioni dove si trova la mostra "Fare gli italiani" inaugurata lo scorso mese di marzo dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e visitata già da 300 mila persone.


In pratica si tratta di una "appendice" della mostra "Fare gli italiani", -che rimarrà aperta fino al 20 novembre- dedicata al cibo, proprio il tema che mancava (con ingresso libero, nell'atrio delle OGR).

All'inaugurazione sarà presente il Maestro
Gualtiero Marchesi, Alberto Capatti, storico dell'alimentazione, Lamberto Vallarino Gancia, presidente della Federvini, oltre a vari altri ospiti.


Durante la vernice saranno preparati alcuni cocktail futuristi da Fulvio Piccinino, accompagnati da stuzzichi della Cooperativa Pausa Cafè e dai formaggi del grande Beppino Occelli. Inoltre la Cedrata Tassoni e lo spumante Gancia 36 Mesi Alta Langa Metodo Classico.


Ecco qui sotto la descrizione di due cocktail futuristi ripresi dalla Taverna del Santopalato del 1931


- ROSA BIANCA

a base di Campari, succo d’arancia, bioliquore di rosa


Fu  inventato dallo chef Angelo Giachino, per la cena di inaugurazione del  ristorante futurista "Taverna del Santopalato" (situato a Torino in via Vanchiglia 2, quasi all’angoo con piazza Vittorio Veneto), l’8 marzo 1931.


- GIOSTRA D'ALCOL (POLIBIBITA LEGGERA )

a base di Barbera d’Asti, Campari, Cedrata

Fu inventato negli Anni Trenta dal pittore futurista Enrico Prampolini: è l'unica miscela al mondo a contenere Barbera d'Asti.


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Libro "Italia Buon Paese" su INformaCIBO

  

 

 

 

[home page]

[mission]

[redazione]

[collabora]

[contattaci]

[link]

 

 

2003 ©opyright ::  INformaCIBO.it