Alessandro Iacomoni riconfermato Presidente del Consorzio di Tutela della Finocchiona Igp - InformaCibo

Alessandro Iacomoni riconfermato Presidente del Consorzio di Tutela della Finocchiona Igp

La nuova vice presidente sarà Antonella Gerini, al suo terzo incarico in Consorzio e già facente parte del Consiglio di Amministrazione

di Silvia Armati

Ultima Modifica: 30/10/2020

Il Consiglio di Amministrazione del Consorzio della Finocchiona Igp ha riconfermato alla presidenza il 43enne di Monte San Savino Alessandro Iacomoni.

Tra i più giovani presidenti alla guida dei consorzi di tutela dei prodotti Dop e Igp italiani, manterrà la carica per altri tre anni, dopo aver contribuito a proiettare il marchio della Finocchiona ai più alti livelli di crescita sui mercati nazionali e internazionali. La nuova vice presidente sarà Antonella Gerini, al suo terzo incarico in Consorzio e già facente parte del Consiglio di Amministrazione.

«È per me motivo di grande soddisfazione essere stato confermato come Presidente del Consorzio della Finocchiona Igpafferma il rieletto Presidente Alessandro Iacomoni Questo triennio ci ha regalato grandi soddisfazioni. Insieme al Consiglio di Amministrazione abbiamo lavorato con unità di intenti per promuovere e tutelare la nostra Finocchiona Igp. Voglio ringraziare il CDA uscente per l’ottimo lavoro svolto. Ci aspettano tre anni importanti di fronte, ora non ci resta che rimboccarsi le maniche con il nuovo consiglio e cominciare a lavorare per portare avanti un percorso già intrapreso negli anni passati».

Una scelta, la riconferma di Iacomoni alla Presidenza, che mette la continuità e il pragmatismo alla base delle scelte del CdA per proseguire nei trend di crescita del marchio e, al tempo stesso, affrontare con fermezza l’emergenza sanitaria in atto.
In tal senso il Consorzio di tutela della Finocchiona Igp ha messo in campo tutte le risorse possibili per continuare a supportare l’attività produttiva, sostenere la filiera e i posti di lavoro ad essa legati, ed è ora pronto a gettare le basi per ripartire.

«I volumi sono cresciuti regolarmente da Giugno in poi, e anche in questo anno difficile, ci stiamo adoperando per far si che il successo della produzione degli anni passati sia ripetuto» conclude Iacomoni.

Il Consorzio di tutela della Finocchiona Igp

Il Consorzio tutela, nato nel 2015 per valorizzare, promuovere e tutelare la Finocchiona IGP, riunisce oggi 40 produttori che esportano il meglio del Made in Italy in oltre 30 paesi del mondo. La valorizzazione, la promozione e la tutela della Finocchiona IGP, in Italia e all’estero, sono attività fondamentali portate avanti ogni giorno. Il Consorzio garantisce che ogni Finocchiona con marchio IGP sia: prodotta in Toscana; controllata in ogni fase della produzione grazie ad un organismo di controllo terzo; di altissima qualità, grazie a una ricetta tradizionale, semplice e genuina, che si tramanda di generazione in generazione; riconoscibile e unica per il caratteristico gusto e profumo di finocchio. I consumatori, grazie all’attività del Consorzio e al marchio IGP, hanno la sicurezza di portare sulla tavola un prodotto dalle caratteristiche uniche per qualità e gusto.

Condividi L'Articolo

L'Autore

Redattore