Cibo sostenibile al Forum Internazionale Alimentazione e Nutrizione

I giovani e l'alimentazione sostenibile, il cibo e le città i temi che saranno affrontati all'incontro di Milano

di Silvia Armati

Ultima Modifica: 09/11/2018

Dopo aver fatto tappa a Bruxelles nel mese di giugno e a New York a settembre, il IX Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione, a cura della Fondazione Barilla (BCFN), si terrà a Milano il 27 e 28 novembre all’Hangar Bicocca.

I temi di questa edizione: i giovani e l’alimentazione sostenibile, il cibo e le città. Oltre ad affrontare una discussione sugli importanti accordi già siglati per contribuire agli obiettivi dell’agenda 2030 dell’Onu

L’accordo con il Miur

Serve, mai come prima, una rivoluzione alimentare in grado di mettere il cibo al centro del nostro modo di pensare. Da New York, insieme allo United Nations Sustainable Development Solutions Network (SDSN), abbiamo lanciato la roadmap per trasformare gli attuali sistemi agro-alimentari e i modelli alimentari in chiave sostenibile. Per riuscire nel nostro intento abbiamo deciso di guardare alla formazione dei leader di domani. Grazie all’intesa col MIUR, abbiamo dato vita all’iniziativa di Educazione Digitale “Noi, il cibo ed il nostro Pianeta”, che mira ad educare i nuovi cittadini globali tramite un percorso innovativo digitale incentrato sul ruolo del cibo e degli effetti che la sua produzione e consumo hanno su ambiente, salute, società fino al fenomeno migratorio”, ha spiegato Anna Ruggerini, Direttore Operativo della Fondazione BCFN.

Il programma multimediale, disponibile sul sito noiilciboilpianeta.it, è suddiviso in 4 moduli e parte da un assunto: è il cibo l’elemento che accomuna i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) stabiliti dalle Nazione Unite.

Infatti, mangiando in modo sano si incide sulla nostra salute, ma si potrebbero anche ridurre le emissioni di CO2 equivalente di 750 Kg all’anno (la stessa quantità di CO2 che un auto di media cilindrata emetterebbe in un viaggio andata e ritorno da Milano a Mosca ).

O ancora: considerando le sole emissioni di gas serra delle famiglie europee, è il cibo a dare il contributo maggiore al cambiamento climatico, con il 31% del totale, superando il riscaldamento (23,6%) e i trasporti (18,5%).

Per maggiori informazioni: www.noiilciboilpianeta.it

Condividi L'Articolo

L'Autore

Redattore