Filiera Italia: “Ue sì all’ etichetta a batteria, buona notizia per Made in Italy”

“Oggi anche Nestlé condivide la proposta di escludere in ogni caso anche dal Nutriscore, sistema appoggiato dalla multinazionale, i prodotti Dop ed Igp”

di Silvia Armati

Ultima Modifica: 30/07/2020

L’etichetta a batteria, proposta dall’Italia fa proseliti. Anche la Commissione europea si schiera a favore.

“Una buona notizia per il Made in Italy”. Così Luigi Scordamaglia di Filiera Italia commenta la valutazione positiva della Commissione europea sul decreto interministeriale (Sviluppo Economico, Salute, Politiche Agricole) relativo a un sistema di etichettatura nutrizionale alternativa al Nutriscore.

Il commento di Luigi Scordamaglia, consigliere delegato di Filiera Italia

Ancora un passo avanti per la tutela delle nostre eccellenze, messe a rischio da un sistema che non premia i consumatori, ma solo l’interesse di poche multinazionali“. Sotto la mannaia del Nutriscore, infatti, finisce per essere bocciato l’85% del valore del nostro miglior Made in Italy, quello a denominazione di origine.

Non possiamo che applaudire alla valutazione della Commissione perché promuovendo l’etichetta a batteria premia un sistema volto a tutelare il consumatore e a promuovere una corretta educazione alimentare dove gli alimenti non vengono “promossi” o “bocciati” a seconda della presenza di un determinato ingrediente, ma sono valutati in un’ottica complessiva”. Particolare soddisfazione da parte di Filiera Italia per l’esclusione dal Nutrinform Battery, in virtù delle loro caratteristiche di eccellenza, dei prodotti Igp e Dop. E conclude Scordamaglia “Un riconoscimento importante alla distintività dell’agroalimentare italiano sempre più condivisa a livello europeo”.

A difesa dei prodotti Dop e Igp

Oggi, infatti, anche Nestlé, ha condiviso la proposta, sin dal primo momento sostenuta da Filiere Italia, di escludere in ogni caso anche dal Nutriscore, sistema appoggiato dalla multinazionale, i prodotti Dop ed Igp che già rispondono ad altissimi standard di qualità e sicurezza e che hanno capitolati rigidi ed immodificabili nell’interesse dei consumatori.

No al Nutriscore: la ministra Bellanova incontra i Ministri dell’Agricoltura rumeno e spagnolo

Etichette, No al Nutriscore: Bellanova incontra i Ministri dell’Agricoltura rumeno e spagnolo.

Condividi L'Articolo

L'Autore

Redattore