Francobollo del cioccolato di Modica Igp presentato a Roma

“E’ stata una grandissima emozione, ha dichiarato sul palco della Zecca dello Stato il Sindaco di Modica. La scommessa di legare il brand del cioccolato a quello della Città è stata una scommessa vincente”

di Silvia Armati

Ultima Modifica: 15/10/2020

Un francobollo dedicato al cioccolato di Modica Igp presentato oggi a Roma.

Sono stati il Ministro dell’Agricoltura, Teresa Bellanova ed il Sindaco di Modica, Ignazio Abbate, questa mattina a scoprire il primo francobollo della storia dedicato al cioccolato.

E il soggetto non poteva che essere il primo cioccolato al Mondo Igp, il Cioccolato di Modica. Nella sede storica della Zecca dello Stato a Roma, il luogo dove fu coniata la prima moneta dell’Italia unita, erano presenti, tra gli altri, il Ministro per le Politiche Agricole, Teresa Bellanova, e a rappresentare la Città di Modica il Sindaco, Ignazio Abbate, il direttore ed il presidente del CTCM, Nino Scivoletto e Salvo Peluso. Prima della scopertura il giornalista Giorgio Caruso che ha condotto l’evento,  ha letto un messaggio da parte del Presidente della Repubblica che ha voluto congratularsi con tutta la squadra per il prestigioso traguardo raggiunto.

Il commento del Sindaco di Modica Ignazio Abbate

E’ stata una grandissima emozione – ha dichiarato sul palco della Zecca dello Stato il Sindaco – poter rappresentare Modica su un palcoscenico così importante. La scommessa di legare il brand del cioccolato a quello della Città è stata una scommessa vincente. Se oggi dici Modica dici cioccolato e viceversa. Chi viene a trovarci per assaggiare il nostro prodotto rimane affascinato da tutto il resto. Il cioccolato riesce a promuovere le quattro eccellenze più importanti dell’economia italiana: il turismo, il commercio, l’artigiano e l’agricoltura. Grazie ad una barretta siamo riusciti a fare sistema, sono nate tante nuove imprese di giovani legati all’enogastronomia. Siamo passati dalle 70 attività ricettive del 2013 alle 700 dei giorni nostri. Modica è conosciuta a tutti i livelli  nazionali, anche grazie alla collaborazione di tantissime figure istituzionali che hanno ricoperto un ruolo importante per il taglio di questo traguardo. Il francobollo porta con se la storia di Modica, non solo il cioccolato.

La Città deve essere grata a tutta la squadra che ha portato avanti il progetto all’interno del Consorzio del Cioccolato rappresentato dal direttore Nino Scivoletto,dalla professoressa Grazia Dormiente e dai componenti dei CdA che si sono susseguiti negli anni e che hanno investito anche economicamente per raggiungere un risultato che è diventato un vanto per tutti noi. Vogliamo dedicare questa pubblicazione a tutti i modicani che sono profondamente innamorati delle loro origini ed in particolare a tutti gli artigiani, nessuno escluso,  che negli anni hanno portato avanti la causa del cioccolato di Modica. Mi viene in mente il nome di Franco Ruta e con lui tutti gli artigiani affiliati al Consorzio, il cui ruolo è stato fondamentale per la crescita della popolarità del nostro prodotto. Un riconoscimento particolare oggi alla figura del Maestro Di Lorenzo che, in qualità di più anziano cioccolatiere in attività, è diventato il soggetto simbolo del mestiere di cioccolatiere a Modica”.

Saranno 500 mila i francobolli stampati. Per qualche giorno sarà disponibile per i collezionisti lo speciale annullo che verrà poi distrutto per dare maggiore valore collezionistico all’emissione di questo francobollo.

L’intervento della ministra Teresa Bellonova

Oggi, a distanza di due anni dalla registrazione, posso dire che aver creduto nei valori territoriali e culturali che il cioccolato di Modica esprime e rappresenta, è stata la scelta vincente. I produttori di cioccolato di Modica sono decuplicati; sono stati ampliati i canali distributivi e di vendita; il cioccolato di Modica è entrato nella composizione di altri prodotti, esaltandone la qualità nell’indicazione in etichetta. Alle realtà artigianali si affianca la grande distribuzione sia italiana che estera, ed infine – ma non per ultimo – il cioccolato di Modica è diventato un importante volano di turismo e commercio per la zona, la Sicilia e l’Italia tutta. Da parte nostra vi è la forte consapevolezza delle potenzialità, del valore economico e culturale del Cioccolato di Modica e della relativa realtà territoriale”.
Così la Ministra Teresa Bellanova intervenendo oggi all’Istituto Poligrafico dello Stato.

Insieme alle Istituzioni, il Consorzio di tutela”, ha proseguito Bellanova, “sarà un altro degli strumenti che consentirà a Modica, ai produttori di cioccolato, alla Sicilia di potenziare e moltiplicare le iniziative volte alla promozione di questo prodotto in tutto il mondo e alla tutela e protezione del suo nome contro ogni tentativo di evocazione e imitazione. Non è certo un caso se oggi siamo qui, ospiti dell’Istituto Poligrafico dello stato, a celebrare l’emissione di questo francobollo, perché si possa con forza testimoniare anche attraverso questi strumenti il valore e la conoscenza di questo prodotto in Italia e nel mondo”.
“Ho da poco firmato”, ha ricordato la Ministra, “la modifica al decreto che consente anche a questa filiera di poter procedere al riconoscimento ed incarico del Consorzio ai sensi di legge. E voglio sottolineare come abbia accompagnato con professionalità ed impegno tutto il percorso sin qui realizzato”.

Con orgoglio”, ha detto ancora Bellanova nel corso del suo intervento, “possiamo dire di essere uno dei Paesi leader, nel mondo,  con il maggior numero di  indicazioni geografiche, contribuendo, con forza e determinazione, ad affermare questo sistema nell’Unione europea ed a livello multilaterale. L’Italia, fatemelo dire, parla al mondo anche così. Soprattutto così. Con questo vero e proprio sistema che tutela e valorizza i territori, i loro prodotti ed i loro nomi, il patrimonio enogastronomico e culturale, le conoscenze tradizionali delle popolazioni e le diverse filiere produttive, creando allo stesso tempo sviluppo economico e occupazione stabilmente nel tempo. E che può dare ancora molto, specialmente oggi, aiutandoci a superare le difficoltà che la filiera agroalimentare sta vivendo”.

Oggi 15 ottobre 2020 viene emesso dal Ministero dello Sviluppo Economico un francobollo ordinario appartenente alla serie tematica “le Eccellenze del sistema produttivo ed economico” dedicato al Cioccolato di Modica IGP, relativo al valore della tariffa B pari a 1,10€.

Tiratura: cinquecentomila esemplari. Foglio da quarantacinque esemplari. Il francobollo è stampato dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A., in rotocalcografia, su carta bianca, patinata neutra, autoadesiva, non fluorescente. Bozzetto a cura di Claudia Giusto. Vignetta: sullo sfondo della Torre dell’orologio, adiacente il Castello dei Conti di Modica, raffigura, in primo piano, un artigiano intento a preparare il cioccolato; in basso fave di cacao, si mescolano a una barretta di cioccolato di Modica mentre, in alto a sinistra, sono riprodotti il marchio dell’Indicazione Geografica Protetta “Cioccolato di Modica” e il marchio che contraddistingue i prodotti IGP nell’Unione Europea. In alto a destra, è presente un codice QR per l’attivazione del video “Il Passaporto Digitale del Cioccolato di Modica IGP” – Nuovi traguardi per la tracciabilità agroalimentare.

Completano il francobollo la leggenda “CIOCCOLATO DI MODICA IGP” la scritta “ITALIA” e l’indicazione tariffaria “B”. L’annullo primo giorno di emissione sarà disponibile presso lo sportello filatelico dell’ufficio postale di Modica. Il francobollo e i prodotti filatelici correlati, cartoline, tessere e bollettini illustrativi saranno disponibili presso gli Uffici Postali con sportello filatelico, gli “Spazio Filatelia” di Firenze, Genova, Milano, Napoli, Roma, Roma 1, Torino, Trieste, Venezia, Verona e sul sito poste.it. Per l’occasione è stata realizzata anche una cartella filatelica in formato A4 a tre ante, contenente una quartina di francobolli, un francobollo singolo, una cartolina annullata ed affrancata e una busta primo giorno di emissione, al prezzo di 15€.

Condividi L'Articolo

L'Autore

Redattore