A Verona Fiere il battesimo dell'Enoteca Regionale "Casa dei Vini di Calabria"

Inizia a Vinitaly il percorso di valorizzazione della Calabria enologica

03/04/2014

A Verona Fiere il battesimo dell'Enoteca Regionale "Casa dei Vini di Calabria"

Lamezia Terma 3 marzo 2014. Manca poco al via ufficiale di Vinitaly 2014 (da domenica 6 aprile) e si avvicina anche il battesimo dell’Enoteca Regionale “Casa dei Vini di Calabria”, ente che persegue l’obiettivo di promuovere i vini regionali in Italia e all’estero.
La presentazione ufficiale della Casa dei Vini di Calabria avverrà lunedì 7 aprile alle 11,45 negli spazi della Regione Calabria. In questo contesto verrà raccontato il percorso che ha portato alla realizzazione di questo importante progetto, che mira a far conoscere l’immenso patrimonio enologico dell’antica Enotria.

La tradizione viticola-enologica calabrese, infatti, è cominciata circa 2700 anni fa con l’arrivo sulle coste dei greci, che portarono su questi suoli le prime piante di vite che diedero vita alle attuali varietà, quali: Greco Nero, Greco Bianco, Mantonico, Gaglioppo e Magliocco, solo per citarne alcune. Iniziò così la storia della viticoltura calabrese e dei vini prodotti in Calabria si hanno notizie certe anche in epoca latina e nel sec. XVI.
La Casa dei Vini di Calabria, grazie alla prestigiose sedi di Cirò e Lamezia Terme, si propone dunque come cornice ideale per scoprire i vini regionali, con tutte le loro peculiarità e particolarità.
Ma la Casa dei vini di Calabria sarà anche il punto di partenza per la promozione e la valorizzazione di un territorio prezioso, in cui natura, storia, cultura ed enogastronomia raccontano un patrimonio unico al mondo.

“Vogliamo dare il giusto riconoscimento ai vini e ai prodotti agroalimentari della nostra terra, che hanno potenzialità troppo spesso inespresse. Dobbiamo rendere più visibile l'immagine del vino calabrese e delle altre produzioni». Così ha detto, Gregorio Mungari Cotruzzolà, presidente della neonata Enoteca regionale, in una intervista apparsa sul quotidiano Italia Oggi.
“Abbiamo indubbiamente qualità riconosciuta e apprezzate, ma c'è la necessità di far emergere le produzioni e le loro peculiarità” ha aggiunto, Gregorio Mungari Cotruzzolà.

Ecco perchè ci troviamo di fronte ad un patrimonio storico e culturale immenso, che non è possibile perdere o mal conservare, e che merita di essere promosso e valorizzato ben oltre i confini regionali. Questo è proprio l'obiettivo principale della Casa dei Vini di Calabria.

°°°°°°°°

La cantina Ceraudo al Vinitaly si trova al Pad 9 (ex 8) stand C13

Per degustare i suoi vini prodotti sulla Costa ionica calabrese, a Strongoli Marina (Kr)
 

 

 La famiglia Ceraudo: da sx la chef Caterina Ceraudo, Giuseppe, Susy e il produttore Roberto Ceraudo
*********

 

Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner