Asta del Barolo 11 e il 12 maggio

Arriva la XIV edizione nel cuore delle Langhe

02/05/2013

Asta del Barolo 11 e il 12 maggio

Si rinnova anche quest’anno il consueto appuntamento con l’Asta del Barolo, evento clou nel calendario delle proposte dell’Accademia del Barolo, l’associazione nata per divulgare la cultura del Barolo nel mondo. Quattordici delle più prestigiose aziende delle Langhe (Azelia, Conterno-Fantino, Cordero di Montezemolo, Damilano, Franco M. Martinetti, Gianni Gagliardo, Luciano Sandrone, Michele Chiarlo, Paolo Scavino, Pio Cesare, Poderi Luigi Einaudi, Prunotto, Vietti e Roberto Voerzio), insieme per promuovere il territorio attraverso la sua massima espressione: il Barolo Docg, sempre più affermato protagonista dell’enologia mondiale.

In attesa del weekend dell’11 e 12 maggio, quando i riflettori si accenderanno su Barolo e le Langhe, l’Asta del Barolo ha fatto tappa oltreoceano, a New York, riscuotendo un grande succeso: il 26 aprile, infatti, Zachys, la più rinomata Casa d’Aste americana di grandi vini, ha battuto all’asta il lotto ufficiale dell’Accademia presso il celebre Smith & Wollensky Restaurant, all’angolo tra 49th Street e Third Avenue.

Archiviata la trasferta americana, le Langhe torneranno protagoniste, con la possibilità di godere di un pacchetto weekend che offrirà agli enoappasionati la possibilità di trascorrere un fine settimana completamente immersi nel mondo del Barolo. Si comincia nel pomeriggio di sabato 11 maggio, con le visite esclusive nei vigneti e nelle aziende dei produttori dell’Accademia del Barolo, seguite da “Barolo Discovery”, una piacevole conversazione – guidata da un esperto – dedicata al Barolo, alla sua storia, al suo territorio e ai metodi di produzione; a chiudere la serata, la Cena dell’Accademia del Barolo, una serata speciale in compagnia dei produttori al ristorante La Rei presso il Boscareto Resort &Spa: lo chef Gianpiero Vivalda dell’Antica Corona Reale Da Renzo, Due Stelle Michelin, proporrà un menu dedicato ai 14 Barolo delle migliori annate delle aziende dell’Accademia del Barolo.

Domenica 12 maggio si entrerà nel vivo: alle ore 11.00 prenderà il via la XIV edizione dell’Asta del Barolo, nella splendida cornice del Museo del Vino, nel Castello di Barolo, dove saranno battuti all’asta 27 lotti eccezionali. Novità assoluta di quest’anno, nessun collegamento in diretta con Paesi esteri (anche se sarà possibile seguire in diretta l’Asta su Idea Web Tv), avendo come obiettivo quello di invitare i wine lovers a trascorrere un piacevole weekend immersi nel territorio, con la possibilità di apprezzare l’Asta dal vivo: quest’anno sono previste presenze importanti che si contenderanno i lotti banditi, di qualità eccezionale.

A seguire, il Pranzo dell’Asta, preparato dallo chef Roberto Cerea – Ristorante Da Vittorio (Brusaporto – BG), Tre Stelle Michelin: il menu sarà abbinato ai 14 Barolo 2009 dei produttori dell’Accademia del Barolo.

«In quest’epoca postindustriale, il turismo è una delle risorse economiche principali per il nostro Paese, sia per la qualità delle nostre eccellenze che per gli sbocchi potenziali sul mercato: le iniziative dell’Accademia del Barolo, qui sul territorio tanto quanto all’estero, cercano di avvicinare al Barolo quei consumatori che ancora non lo conoscono – afferma il presidente dell’Accademia del Barolo, Gianni Gagliardo –. Il Barolo sta vivendo un momento di particolare interesse a livello mondiale, specie verso i Paesi emergenti. Consideriamo però che quelli che per noi italiani sono mercati in ascesa, per i francesi sono realtà già consolidate: si tratta, quindi, di andare a conquistare nuovi consumatori di alto profilo, capaci di riconoscere nel Barolo uno dei vini italiani più di successo nel mondo. Il vino italiano ha tracciato la strada per una produzione agricola di eccellenza nel nostro Paese, una risorsa ancora tutta da sfruttare e con un potenziale enorme sia per la produzione che per il mercato».

Saranno poi 27 i lotti battuti all’Asta, cominciando con il lotto di E. Pira & Figli (un magnum da 1,5 L di Barolo DOCG Cannubi 2000), seguiti da due lotti di Damilano (il primo composto da tre bottiglie da 0,75 L di Barolo DOCG Riserva 1999 più tre bottiglie da 0,75 L di Barolo DOCG Riserva 2000, il secondo composto da tre magnum da 1,5 L di Barolo DOCG Riserva 1999 più tre magnum da 1,5 L di Barolo DOCG Riserva 2000). Quindi il lotto di Prunotto (sei bottiglie da 0,75 L di Barolo DOCG Bussia 1999) e quelli di Borgogno (sei bottiglie da 0,75 L di Barolo DOCG Riserva 1998 per il primo e sei bottiglie da 0,75 L di Barolo DOCG Riserva 1982 per il secondo). Il lotto numero 7 sarà firmato da Conterno-Fantino (un magnum da 1,5 L di Barolo DOCG Sorì Ginestra 1999 più un magnum da 1,5 L di Barolo DOCG Sorì Ginestra 2000), per poi proseguire con i due lotti di Poderi Luigi Einaudi (un magnum da 1,5 L di Barolo DOCG Cannubi 1997, il primo, e sei bottiglie da 0,75 L di Barolo DOCG Cannubi 2000). Quindi sarà la volta del lotto di Gianni Gagliardo (sei magnum da 1,5 L di Barolo DOCG Preve 2000) e dei due lotti di Azelia (tre magnum da 1,5 L di Barolo DOCG Bricco Fiasco 2000 e tre magnum da 1,5 L di Barolo DOCG Bricco Fiasco 1999). Ancora, La Spinetta (sei magnum da 1,5 L di Barolo DOCG Campé 2000) e LucianoSandrone (un doppio magnum da 3 L di Barolo DOCG Le Vigne 1999), per poi passare ai due lotti di Michele Chiarlo (un doppio magnum da 3 L di Barolo DOCG Triumviratum 1999 e sei bottiglie da 0,75 L di Barolo DOCG Cerequio 1996). Verranno poi battuti i due lotti di Paolo Scavino (un doppio magnum da 3 L di Barolo DOCG Bric del Fiasc 1989 più un doppio magnum da 3 L di Barolo Bric del Fiasc 1990 più un magnum da 1,5 L di Barolo DOCG Rocche dell’Annunziata 1990 e, per il secondo lotto, un magnum da 1,5 L di Barolo DOCG Bric del Fiasc 1996 più un magnum da 1,5 L di Barolo DOCG Rocche dell’Annunziata 1997 più un magnum da 1,5 L di Barolo DOCG Cannubi 1985) e il lotto di Cordero di Montezemolo (un doppio magnum da 3 L di Barolo DOCG Monfalletto 1985). I lotti 20 e 21 saranno invece targati Vietti (due bottiglie da 0,75 L di Barolo DOCG Brunate 1999 più due bottiglie da 0,75 L di Barolo DOCG Lazzarito 1999 più due bottiglie da 0,75 L di Barolo DOCG Rocche 1999 e, per il secondo lotto, un magnum da 1,5 L di Barolo DOCG Rocche 2000), arrivando quindi a Domenico Clerico (sei bottiglie da 0,75 L di Barolo DOCG Percristina 1999) e ai due lotti di Franco M. Martinetti (quattro magnum da 1,5 L di Barolo DOCG Marasco 1998 e un doppio magnum da 3 L di Barolo DOCG Marasco 1997), per chiudere infine con i lotti di Pio Cesare (sei bottiglie da 0,75 L di Barolo DOCG Classico 2000) e Bartolo Mascarello (tre bottiglie da 0,75 L di Barolo DOCG 1999 e tre bottiglie da 0,75 L di Barolo DOCG 2000).

A questi si aggiungerà il lotto speciale “1996-2005: dieci anni di Barolo”, composto da una bottiglia di Barolo DOCG per ogni produttore dell’Accademia, scelta appositamente per l’occasione: Riserva Villero 1996 Etichetta d’autore per Vietti, Cannubi 1998 per Poderi Luigi Einaudi, Monfalletto 1997 per Cordero di Montezemolo, Bussia 1999 per Prunotto, Rocche dell’Annunziata Riserva 2000 per Paolo Scavino, Classico 2000 per Pio Cesare, Sorì Ginestra 2001 per Conterno-Fantino, Cerequio 2001 per Michele Chiarlo, Cannubi Boschis 2003 per Luciano Sandrone, Fossati Case Nere 2003 per Roberto Voerzio, Margheria 2004 per Azelia, Marasco 2004 per Franco M. Martinetti, Preve Riserva 2004 per Gianni Gagliardo e Cannubi 2005 per Damilano.

Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner