Chiude la migliore Fieragricola degli ultimi 10 anni, con oltre 140mila visitatori

Il presidente di Veronafiere, Ettore Riello: l’agricoltura ha le potenzialità per risollevare l’economia

09/02/2014

Chiude la migliore Fieragricola degli ultimi 10 anni, con oltre 140mila visitatori
Verona 9 febbraio 2014. Questa è stata la migliore Fieragricola degli ultimi 10 anni, con oltre 140mila visitatori e una presenza estera del 14 per cento, con operatori provenienti da 103 Paesi e 900 incontri b2b con buyer stranieri. Sono risultati oltre ogni aspettativa ed è la conferma, come è emerso in questi quattro giorni a Verona, che l’agricoltura ha le potenzialità per risollevare l’economia». Lo dice il presidente di Veronafiere, Ettore Riello, nella giornata conclusiva della 111ª edizione Fieragricola, rassegna internazionale dedicata al comparto primario, con una copertura trasversale, grazie a più di 1.000 espositori nei segmenti della meccanica agricola, zootecnia, energie rinnovabili, agroforniture, vigneto e frutteto.

Numeri record. Gli ingressi hanno registrato una crescita dell’8 per cento rispetto al 2010 (ultima edizione utile per il confronto, dal momento che la rassegna agricola nel 2012 venne pesantemente penalizzata dal maltempo). «Fieragricola – osserva il direttore generale di Veronafiere, Giovanni Mantovani – ha dato le risposte che gli espositori stavano cercando in termini di specializzazione dei visitatori, provenienti da tutte le regioni italiane e con un forte incoming estero, in particolare da Austria, Svizzera, Germania, Romania, Russia, Finlandia, Francia, Giappone, ma anche dall’area Balcanica e dal Nord Africa». E alla Fieragricola con il più ampio numero di visitatori delle ultime cinque edizioni, c’è spazio per una presenza dalla Repubblica di Nauru, Stato-isola dell’Oceania.

Accordi e presenze internazionali. Nel corso della rassegna sono stati siglati due importanti accordi per lo sviluppo ulteriore di Fieragricola. «Veronafiere ha infatti stretto una partnership con U.I.V. per portare Enovitis, evento dedicato al vigneto, all’interno di Fieragricola 2016 – precisa Mantovani -. Si rafforza allo stesso tempo la nostra presenza su mercati interessanti come il Nord Africa, grazie a Medinit Agro, salone del Made in Italy agricolo, in programma dal 5 al 7 giugno».

Verona è stata davvero la capitale italiana e mondiale dell’agricoltura, non soltanto per le tematiche trattate in oltre 90 convegni – che hanno posto Fieragricola sulla stessa lunghezza d’onda delle attuali esigenze di mercato – ma anche per la partecipazione dei sottosegretari alle Politiche agricole, Maurizio Martina e Giuseppe Castiglione e del presidente della commissione Agricoltura al Parlamento europeo, Paolo De Castro.

Presenti anche ministri e autorità straniere, fra i quali il ministro all’Agricoltura della Lituania, Vigilijus Jukna, il console generale della Repubblica Islamica dell’Iran in Italia, Seyed Mohammad Jozi, il direttore dell’agenzia governativa del ministero dell’Agricoltura del Marocco, Mohamed El Guerrouj.
Riscontro positivo anche dagli espositori. Dall’agrimeccanica alla zootecnia, aziende altrettanto soddisfatte. Marco Mazzaferri, business director di New Holland, parla di stand «sempre pienissimi, sia nel settore della grande meccanica che nell’area dedicata a vigneto e frutteto, con un interesse elevato del pubblico a tutte le nostre novità».
Stefano Tacchinardi, direttore commerciale Italia della Same di Treviglio, conferma che «Fieragricola è andata benissimo, oltre alle aspettative. Al nostro stand, non soltanto visitatori italiani, ma presenze rilevate anche dall’Europa e Sudamerica».
Ha vinto la specializzazione, secondo Maria Carolina Balbusso, marketing communication manager di Maschio Gaspardo, che parla di «quattro giorni di afflusso consistente di tecnici, concessionari, agricoltori e allevatori».
Una Fieragricola così non se l’aspettava nemmeno l’amministratore delegato di Antonio Carraro spa, Marcello Carraro: «È andata sorprendentemente bene, grazie al nuovo ruolo della fiera, non solo occasione di vendita, ma momento per richiamare l’attenzione e ampliare la platea di pubblico competente».
Ha fatto il pieno di contatti l’azienda Pellenc, specializzata nella viticoltura. Lo dichiara l’amministratore delegato, Paolo Salvestrini: «Il dato estremamente positivo è che abbiamo avuto diversi nuovi contatti, anche nell’area legata alla manutenzione delle aree verdi».
Il grande afflusso di operatori specializzati è un segnale che «il mercato è in movimento», rileva Massimo Bordone, direttore generale marketing and sales di Claas. Sulla stessa lunghezza d’onda anche Maria Grazia Timpanaro, network development and marketing support di Case IH: «Quest’anno è andata molto bene, con un’ottima affluenza, specchio di una realtà che riparte anche in agricoltura».

Bilancio positivo anche per Massimo Burnelli, responsabile commerciale Italia di Nobili Macchine Agricole: «In Italia, solo qui si possono realizzare tutti questi contatti. A Fieragricola mancavamo da alcune edizioni, ma di questa siamo ampiamente soddisfatti».
Fra i grandi ritorni, Agco, che con Massey Ferguso
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner