Cinquanta per il Parma - Ricette esclusive per celebrare con gusto mezzo secolo di eccellenza

Conclusa l'iniziativa che ha coinvolto oltre centro ristoranti di Parma e provincia

28/10/2013

Cinquanta per il Parma - Ricette esclusive per celebrare con gusto mezzo secolo di eccellenza

Parma, 28 ottobre 2013 Si è conclusa da alcuni giorni Cinquanta per il Parma, l’iniziativa che, nell’ambito delle celebrazioni per i 50 anni della Corona, ha visto il coinvolgimento di oltre cento ristoranti di Parma e provincia impegnati nell’elaborazione di ricette inedite e creative per valorizzare uno dei più grandi interpreti dell'eccellenza italiana a tavola, il Prosciutto di Parma.

Tutte le ricette pubblicate sul sito internet dedicato www.cinquantaperilparma.com hanno partecipato a un concorso on-line rivolto sia ai ristoratori sia alla loro clientela per premiare la migliore ricetta dell’anniversario.

Ecco svelate le più votate che si aggiudicano i primi tre posti della classifica:
· Capesante gratinate con Prosciutto di Parma e parmigiano su misticanze al melone e riduzione di porto del ristorante Time out
· Scrigni di venere del ristorante Lo scoiattolo
· Capesante in crosta di pepe bianco con Prosciutto di Parma e fiori di zucca del ristorante La forchetta

Ai ristoranti vincitori sarà assegnata una fornitura di Prosciutto di Parma in base alla posizione in classifica, ma anche i clienti potranno godere di una cena gustosa in uno dei ristoranti aderenti.
L’iniziativa, in collaborazione con Ascom e Confesercenti, ha avuto come obiettivo principale quello di rafforzare la relazione con la ristorazione, una categoria che sta raccogliendo consensi e che acquisisce di anno in anno un’ importanza sempre crescente perché si dimostra un ottimo veicolo per avvicinare il target dei gourmet esaltando le qualità del Prosciutto di Parma e al contempo permette di valutare la reale diffusione raggiunta dal prodotto in Italia e nel mondo.

Cinquanta per il Parma è una delle attività messe in campo per festeggiare i 50 anni della Corona, fil rouge che sta caratterizzando il 2013 con un calendario di sobrie celebrazioni sia in Italia sia all’estero per promuovere e valorizzare sempre più il Prosciutto di Parma. Le iniziative si sono concentrate per la maggior parte nel periodo aprile-settembre, anche se sui mercati internazionali proseguiranno fino a fine anno laddove possibile, tutte con un’identità visiva coerente grazie all’utilizzo del nuovo logo celebrativo curato dagli studenti del Toschi declinato in diverse modalità su tutta la comunicazione e i materiali.

Cinquanta per il Parma si è svolto in concomitanza con il Festival del Prosciutto di Parma e insieme ad altre attività che hanno coinvolto principalmente il centro città: in particolare i Portici del Grano hanno fatto da palcoscenico alla mostra composta da oltre 700 reperti fra fotografie, oggetti, documenti distribuiti in 12 sezioni tematiche per raccontare la storia delle famiglie dei produttori che hanno reso celebre il Prosciutto di Parma. In piazza Garibaldi all’interno di teche vetrate, hanno trovato posto due esposizioni collaterali, una dedicata agli strumenti della lavorazione del Prosciutto di Parma e l’altra invece alla storia della pubblicità del Consorzio con la proiezione dei relativi spot e altre testimonianze.

La Piazza ha inoltre ospitato per 10 giorni il Bistrò del Prosciutto di Parma che ha permesso a circa 2000 persone di degustare il dolce Parma all’aperto nella splendida cornice del centro storico.

Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner