Coldiretti: per il caldo i consumi di frutta al massimo da 17 anni

11/07/2017

Il caldo dell'estate 2017 cambia le abitudini degli italiani e spinge i consumi di frutta verdura al massimo con un balzo record del 9,6% nel 2017.

E' quanto afferma la Coldiretti nel sottolineare che gli acquisti non sono mai stati così rilevanti da almeno 17 anni sulla base dei dati Nielsen relativi a primi quattro mesi. Ad aumentare - sottolinea la Coldiretti - sono nel dettaglio i consumi di frutta secca (+11,9%), quelli di verdura (+11,9%) e quelli di frutta (+7,1%) per la tendenza a stili di vita più salutari ma anche per il clima bollente che fa aumentare la domanda di cibi dissetanti.

E questa estate cambiano anche i consumi alimentari, in particolare si afferma la moda degli smoothies, frullati e centrifugati consumati al bar, in spiaggia o anche a casa di frutta e verdura che - precisa la Coldiretti - soddisfa molteplici esigenze del corpo: nutrono, dissetano, reintegrano i sali minerali persi con il sudore, riforniscono di vitamine, mantengono in efficienza l'apparato intestinale con il loro apporto di fibre e si oppongono all'azione dei radicali liberi prodotti nell'organismo dall'esposizione al sole, nel modo più naturale ed appetitoso possibile. Antiossidanti "naturali" sono le vitamine A, C ed E che sono contenute in abbondanza in frutta e verdura fresca. Con il caldo tuttavia - sottolinea la Coldiretti - un frutto su quattro rischia di essere sprecato perché si verificano anche maggiori problemi nella conservazione con perdite di prodotto fino al 25 per cento, tra produzione, commercio e consumo, dovute all'eccessiva maturazione.
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner