Combattere la piaga dell'agro-pirateria in un convegno a Roma promosso da IRVEA e Lex Alimentaria Studio Legale

«La prevenzione e la repressione dell'agro-pirateria: dal dire al fare»

18/05/2014

Combattere la piaga dell'agro-pirateria in un convegno a Roma promosso da IRVEA e Lex Alimentaria Studio Legale
di Giuliano Belloni

Roma 17 maggio 2014. Come combattere la piaga dell’agro-pirateria.  Al termine del Corso dedicato alla lotta contro le frodi agro-alimentari, promosso da IRVEA, Istituto per la Ricerca e la Valorizzazione delle Eccellenze Agroalimentari e Lex Alimentaria Studio Legale, si è svolta ieri, a Roma presso l'Auditorium Unicef, una Tavola Rotonda proprio sul tema specifico: «La prevenzione e la repressione dell'agro-pirateria: dal dire al fare».

I relatori hanno dibattuto appassionatamente l’argomento, apportando in ogni intervento preziosi contributi di riflessione.
Ognuno dal suo punto di vista, è riuscito a disegnare e delineare un panorama delle nuove sfide e un quadro delle nuove priorità e strategie che tutto il mondo agroalimentare dovrà affrontare, già ad iniziare dall'Expo di Milano, e poi, negli anni futuri.
 

Laura La Torre

Laura La Torre, già direttore generale della Vigilanza per la qualità e tutela del consumatore ICQRF, nel suo intervento ha auspicato idee più chiare nelle due fasi di prevenzione e di repressione. Lo Stato e tutti i soggetti interessati, ha affermato La Torre, dovrebbero mettere in campo anche un maggiore coordinamento nell'esercizio del controllo e nella tutela del consumatore.
 
Daniele Pisanello

Daniele Pisanello, avvocato specialista di Diritto Alimentare e titolare di Lex Alimentaria Studio Legale, ha sottolineato l’importanza, in prospettiva, della proposta di riforma della disciplina comunitaria sui controlli ufficiali sugli alimenti, in discussione al Parlamento Europeo. In particolare, l’avv. Pisanello ha richiamato il rafforzamento delle misure correttive delle non conformità e gli “obblighi di informazione” previsti nella proposta. Riguardo agli organismi di certificazione o controllo, l’avvocato ha posto in evidenza come il nuovo quadro normativo dovrebbe portare sì a un maggior coinvolgimento di “organismi e persone fisiche” nello svolgimento di talune porzioni del controllo ufficiale, ma con requisiti di trasparenza e obblighi di rapporto ben precisi.

Proprio l’importanza della trasparenza e dell’obbligo di informazione è stato sottolineato anche da Carla Brienza, Presidente del Consiglio Nazionale dei Tecnologi Alimentari, la quale ha chiarito come gli ordini professionali svolgono un ruolo fondamentale a garanzia dei cittadini e della società, puntualizzando il ruolo del codice deontologico del tecnologo alimentare, posto a tutela della salute pubblica.
Ulisse Vivarelli, Presidente Solos e consigliere Indicam, ha evidenziato come il mondo della contraffazione sia ben organizzato, tanto da costituire quasi una "industria del soffocamento della qualità". Andando oltre le solite raccomandazioni generiche, Vivarelli ha delineato un percorso virtuoso da compiere, sintetizzato in un acronimo: STAI.
Serielizzazioni, perchè ogni prodotto ha una identità.
Tracciabilità, ogni prodotto ha anche una storia.
Autenticità: ogni prodotto è unico col suo Dna.
Integrità: ogni prodotto rivela l'impronta genetica.

Antonio Limone, in rappresentanza della Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani, nel suo coinvolgente intervento, ha invitato tutti gli operatori di settore ad usare più cautela nella comunicazione. Cercando ogni volta, di dare al consumatore più certezze e meno allarmismi. Questo atteggiamento, per Limone,  porterebbe ad una maggiore tutela e salvaguardia della salute, della produzione e dei territori.
Ed è significativo che  proprio per ridare dignità agli alimenti, all'ambiente e al territorio, in particolare del Sud d'Italia, proprio in questi giorni che la Terra dei Fuochi è ritornata alla ribalta, oltre duemila Aziende si sono consorziate, aumentando tra di loro i controlli, proprio per una maggiore garanzia e tranquillità del consumatore finale.
Ognuno di noi al supermercato quindi, utilizzando il sistema QR CODE, (che non è altro la carta di identità del prodotto), può in tempo reale col suo telefonino, dinanzi ad una mozzarella di bufala, verificarne e valutare la sua qualità e bontà.

Il direttore esecutivo IRVEA, Mauro Martelossi, infine, ha auspicato, per ridare sicurezza e tranquillità al consumatore e più credibilità al settore, maggiori e più ampie sinergie e collaborazioni tra gli Organismi di controllo, anche con l’ausilio degli operatori dei vari Ordini Professionali, su tutti gli anelli delle diverse filiere.
Un auspicio tanto più importante ora che a grandi passi ci avviciniamo all'Expo 2015 e saremo sempre più sotto i riflettori di tutto il mondo.
Non è potuta essere presente e  intervenire al convegno l'onorevole Colomba Mongiello, della Commissione parlamentare di inchiesta sui fenomeni della contraffazione e della pirateria in campo commerciale, perchè trattenuta alla Camera in una giornata particolarmente impegnativa di lavori parlamentari.

Tag: IRVEA

Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner