Consorzio del Prosciutto di Parma: importante risultato a tutela del marchio negli Stati Uniti

Il Consorzio ha contrastato l’utilizzo improprio del marchio “Parma”

18/11/2014

Consorzio del Prosciutto di Parma: importante risultato a tutela del marchio negli Stati Uniti
Parma, 18 novembre 2014 – Importante risultato ottenuto negli Stati Uniti a la tutela del marchio “Prosciutto di Parma”: grazie alla costante opera di monitoraggio e all’opposizione promossa dal Consorzio, l’ufficio marchi e brevetti statunitense (USPTO – US Patent Office) ha infatti ufficialmente rigettato la domanda di registrazione del marchio “Parmatutto”, depositata da una società statunitense che importa e distribuisce prodotti alimentari.

Ancora una volta il Consorzio ha dovuto contrastare l’utilizzo improprio e la banalizzazione del marchio “Parma” e così prevenire qualsiasi possibile confusione tra i propri marchi già registrati negli Stati Uniti e i prodotti della società americana.

Siamo molto soddisfatti che l’Autorità americana abbia riconosciuto l’ampia notorietà dei nostri marchi nel loro Paese e ribadito soprattutto agli occhi dei consumatori la provenienza certa e garantita del nostro prodotto – ha dichiarato Paolo Tanara, presidente del Consorzio.
Il nostro impegno all’estero è sempre stato quello di diffondere la conoscenza dei prodotti a denominazione di origine protetta. I mercati internazionali hanno infatti bisogno di essere informati sul settore alimentare di prodotti tipici e sul significato che si cela dietro i nostri marchi, perché il termine DOP sottintende e racchiude molteplici aspetti, tutti riconducibili a un unico e più ampio significato che è quello della qualità.
Questo risultato crea un precedente che ci tutela per eventuali future richieste di registrazione di marchi in abbinamento a prodotti a base di carne che non potranno in alcun modo ricordare nell’aspetto e nella forma il Prosciutto di Parma. Riteniamo che la pronuncia dell’USPTO rappresenti un’ulteriore tassello per la salvaguardia del valore del nostro marchio e la conferma della sua forza e della sua solidità anche a livello internazionale.

Il Consorzio del Prosciutto di Parma è da sempre impegnato a proteggere l’uso della denominazione “Prosciutto di Parma” e dei relativi marchi e a reprimere qualsiasi tipo di contraffazione o utilizzo illecito con numerose azioni di contrasto tra cui attività informative a scopo preventivo nei confronti del trade e attraverso la classica attività di vigilanza.
A questi controlli si aggiunge l’attività di tutela di tutta la filiera svolta in collaborazione con il Ministero competente, il Corpo Forestale dello Stato oltre che con i Carabinieri del Nucleo Anti Sofisticazione (NAS) e del Nucleo Anticontraffazioni (NAC).

Il marchio “Prosciutto di Parma” è attualmente registrato in circa 90 Paesi.
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner