Convegno TUTTOFOOD: "La filiera alimentare dopo Expo"

Corrado Peraboni: “L’obiettivo di TuttoFood è quello di raccogliere l'eredità di Expo”

19/04/2016

Convegno TUTTOFOOD:  "La filiera alimentare dopo Expo"
Milano, 19 aprile 2016 Manca oltre un anno a TuttoFood 2017 (si terrà dall’8 all’11 maggio) e Fiera Milano comincia a scaldare i motori.

Questa mattina Corrado Peraboni, ad di Fiera Milano in occasione del convegno “La filiera alimentare dopo Expo. Strategie d’Impresa ed esigenze del consumatore” che si è tenuto a Palazzo delle Stelline, ha messo i piedi nel piatto affermando che dopo “il trionfo del design al Salone del Mobile e della Design Week, la sfida è quella di costruire con Tuttofood 2017 una Food Week”.

“Bisogna dare un contenuto diverso al settore fieristico -ha spiegato Peraboni-, non solo presentazione di soli prodotti ma condividere con il settore contenuti e conoscenze, fare cioè una grande operazione di sistema a sostegno del food italiano. L’esempio della Design Week appena conclusa - ha aggiunto - insegna che la contaminazione internazionale arricchisce, non solo economicamente, i settori di punta del made in Italy. Il food non ha ancora la visibilità che merita e l’obiettivo di TuttoFood è proprio quello di raccogliere l'eredità di Expo, la parte meno scenografica e mettere in primo piano quella dei contenuti dell'Expo”.


Corrado Peraboni, Ad di Fiera Milano, durante il suo intervento

Quest'anno parte Spazio Nutrizione
E all'interno di questo percorso si pone l’impegno alla condivisone di conoscenze di TUTTOFOOD che in partnership con Akesios, lancia Spazio Nutrizione, un nuovo spazio di approfondimento culturale e scientifico sulle tematiche più scottanti del food & beverage.
Negli anni dispari l’evento sarà ospitato all’interno della manifestazione, mentre negli anni pari si terrà al Centro Congressi Mi.Co. Il primo appuntamento è proprio quest'anno dal 5 al 7 maggio prossimi.
 

Dopo l'intervento del l’AD di Fiera Milano, Corrado Peraboni sono state illustrate due ricerche, promosse da TUTTOFOOD e presentate in anteprima oggi: La crescita dell’alimentare tra opportunità e rischi, condotta da IRI, e Il futuro vien mangiando. Tradizioni e rivoluzioni dalla spesa alla tavola, realizzata da Ipsos Italia.

Tra i numeri più interessanti presentati da IRI si segnala la crescita dei cibi funzionali, spinta dalla ricerca del “benessere”, che nel 2015 è stata doppia della media di settore con un +4,7%. In particolare, i cibi free-from sono saliti del +5,6% e valgono ormai 1.847 milioni di euro. Tra i comparti tradizionali spiccano le bevande, con il +9,9%, e il fresco con il +2%.

Interessante la differenziazione del carrello – ha commentato Marco Limonta, Business Insight Director di IRI – che ha portato a una crescita in valore superiore a quella in volumi. Un altro terzo della crescita viene dalla maggiore efficienza della filiera e solo 0,2 punti dall’aumento del PIL”. (vedere qui sotto la sua ricerca)

A livello di tendenze – ha aggiunto Jennifer Hubber, CEO di Ipsos Italia – la cucina domestica ‘esce di casa’ con applicazioni per il delivery at home e in poco tempo e l’online è sempre più mobile e vicino allo scaffale. Per studiare queste evoluzioni abbiamo messo a punto uno Shopper Lab, un vero supermercato-test dove studiamo le attitudini di acquisto con le neuroscienze e le tecniche di eye-tracking”.
I 10 trend del nostro futuro alimentare dalla ricerca Ipsos
La ricerca Ipsos Italia Il futuro vien mangiando, presentata dal Coe Jennifer Hubber all’odierno convegno organizzato da TuttoFood (da Mark Up)
 

La Tavola Rotonda
Molti gli spunti emersi nella tavola rotonda seguente, dallo chef stellato del D’O Davide Oldani pone l’accento su quanto “occorra etica per fare squadra e incrementare la qualità rispetto alla quantità, rispettando le stagionalità e i metodi naturali della tradizione”.

Un impegno che coinvolge in prima linea la distribuzione moderna: “Il cibo fresco, sicuro, buono e diversificato deve essere accessibile a tutti – ha affermato Marco Pedroni, Presidente di Coop Italia -. È importante la trasparenza per far percepire il valore, ad esempio con le informazioni in etichetta”.
Tipicità e regionalità valgono 450 milioni di export – ha spiegato Lorenzo Beretta, Direttore Commerciale di Salumificio Beretta – . L’informazione specie online è certo importante ma, specie per i prodotti freschi, richiede di appoggiarsi a una logistica veloce ed efficiente”.

Il lato industriale è stato sottolineato anche da Alberto Balocco, Presidente e Amministratore Delegato di Balocco: “Noi italiani siamo soprattutto trasformatori su ricetta. Adottare ingredienti di filiera corta e di maggiore qualità, come il latte fresco italiano, significa anche rendere più efficienti i processi produttivi”. Alberto Balocco ha anche annunciato che al Parco del cibo di Bologna (F.I.C.O.) ideato da Oscar Farinetti nascerà la Fabbrica del Panettone targato Balocco: uno spazio dove oltre al Museo dei lievitati i visitatori potranno in diretta assistere alla lavorazione del panettone.

Etica e sensibilità hanno tanto da dire – ha rilanciato Alberto Frausin, AD di Carlsberg Italia – ma bisogna comunicarlo. Sono temi non facili ed Expo è stata l’occasione per mettere a punto processi di comunicazione innovativi e basati sui risultati tangibili”. Ha concordato Sergio Veroli, Vicepresidente di Federconsumatori: “È importante non lasciare la comunicazione online agli algoritmi. Noi ci impegniamo a fare ‘controinformazione’ valorizzando il potenziale di trasparenza della concorrenza insieme con le informazioni scientifiche”.

Molte nuove mode – ha concluso il prof. Gian Vincenzo Zuccotti, Direttore della Clinica pediatrica e Dipartimento pediatrico Ospedale dei bambini di Milano, Università Statale – nascono da ingiustificati timori di patologie piuttosto che da vere intolleranze. Bisogna rimettere al centro gli aspetti scientifici di una sana nutrizione e trovare a livello di industria una chiave per farli ‘passare’ al consumatore”.

 
L’intervento di Marco Limonta, Business Insights Director di IRI
La crescita dell’alimentare tra opportunità e rischi

In occasione del convegno organizzato da TuttoFood Marco Limonta, Business Insights Director di IRI, evidenzia alcuni fenomeni chiave che caratterizzano l’andamento delle categorie di Alimentari e Bevande nel canale moderno.

In particolare Limonta illustra come il 2015 abbia registrato dei trend decisamente positivi per i macro comparti di Alimentari e Bevande (Rispettivamente +3% a valore e +1,8% a volume in a Ipermercati, Supermercati, Libero Servizio-Piccolo, Discount) che hanno potuto beneficiare di un risollevamento del contesto economico, di una fiducia dei consumatori in ripresa e di un clima estivo eccezionalmente caldo che ha impattato positivamente numerose categorie.

Altro fattore determinante nel rilancio della domanda è stato un processo di revisione e di incremento di efficienza da parte di tutta la filiera, che ha favorito il ritorno alla crescita: un’inversione di trend che pensiamo continuerà anche nel 2016 anche se con tassi più moderati.
Nel 2015 tutti i segmenti sono in crescita, trainati da Bevande e Fresco (che registrano rispettivamente un +9,9% e un +2% a volume in Ipermercati, Supermercati, Libero Servizio-Piccolo). I primi mesi del 2016 si presentano meno dinamici, con Freddo e Drogheria in leggera flessione.

L’analisi di IRI vuole inoltre indagare quelli che sono i principali trend setter che caratterizzano i comparti di Alimentari e Bevande, i quali implicano nuove scelte e nuove attitudini del consumatore. Le evidenze quantitative mostrano, infatti, cambiamenti radicali negli acquisti di prodotti alimentari nella Grande Distribuzione.
Siamo di fronte ad uno shopper più consapevole che riduce gli sprechi e mette più valore nel suo carrello, prediligendo referenze premium (in crescita del 6,2% invece che prodotti di primissimo prezzo (in calo del 2% durante il 2015)

La ricerca di «benessere» sostiene la crescita dei cibi funzionali.
Nel 2015 la crescita è doppia (+4,7%) rispetto alla media del Food.
Tra questi sono soprattutto quelli definiti “Free” (che valgono ben 1.847 mio€ e che registrano un +5,6% durante lo scorso anno)
I nuovi stili alimentari e la maggior informazione a disposizione del consumatore favoriscono anche la crescita di prodotti con caratteristiche specifiche. I prodotti alimentari “Integrali” registrano ben un +12,7%, i prodotti a base soia un +24,9% e i biologici un +19,6% negli andamenti a valore.
In questo mutato contesto la filiera deve sostenere l’auspicato  rilancio della domanda di comparto attraverso una lettura sempre più attenta e mirata dei trend dei mercati e dell’innovazione seguendo quelle che sono le richieste di un nuovo consumatore, attento, informato ed orientato a mettere valore nel proprio carrello della spesa.

 
TUTTOFOOD 2017: ANCORA PIÙ RICCA
LA MAGGIORE FIERA FOOD&BEVERAGE IN ITALIA

Milano, 19 aprile 2016 – Il momento di matching tra domanda e offerta più internazionale in Italia, in costante evoluzione per anticipare e interpretare tutte le tendenze più interessanti. Questa la formula vincente di TUTTOFOOD, che si tiene con cadenza biennale, negli anni dispari, presso il quartiere fieramilano a Rho.

Articolata in 12 settori che coprono tutte le specializzazioni del settore, di cui due new entry nel 2017, in sole 5 edizioni TUTTOFOOD ha conquistato la terza posizione tra le fiere agroalimentari B2B in Europa ed è di gran lunga al primo posto in Italia. Un primato fatto dalla qualità del business insieme con i (grandi) numeri.

A dirlo è la viva voce degli operatori, praticamente all’unanimità: il 94% degli espositori è soddisfatto della qualità dei visitatori allo stand, l’88% dell’affluenza e l’86% dei contatti generati. I visitatori di TUTTOFOOD, infatti, sono decisori del mondo food & beverage che qui scelgono dove investire: il 38% decide in autonomia sul budget, il 44,7% contribuisce al processo e solo il 17,3% non è coinvolto nel processo di acquisto.

Un riscontro che si riflette nella riconferma con largo anticipo della presenza nel 2017 di numerosi grandi player, delle principali regioni produttive italiane, nonché di rilevanti associazioni dell’agroalimentare, oltre che di aziende e collettive internazionali. A oggi – a più di un anno alla prossima edizione – è già stato prenotato oltre il 40% della superficie espositiva occupata nel 2015, pur senza la concomitanza con Expo. A sottolineare il ruolo centrale assunto nel panorama europeo, cresce ancora la partecipazione di produttori internazionali, che associano ormai il food a Milano, grazie anche all’operazione Expo2015, che ha fatto della metropoli milanese il luogo deputato alle relazioni internazionali nel ambito del food e delle food policy.

Molte le novità nella prossima edizione. Nei settori merceologici Fruit Innovation – la fiera del comparto ortofrutticolo che abbina prodotti e tecnologie – completerà la manifestazione con la filiera del fresco. L’altra grande première sarà TUTTOHEALTH: un’area che va oltre il concetto bio – linea diffusa tra gli stand di quasi tutti gli espositori – per abbracciare un concetto di benessere a tutto campo, fino alla nutraceutica, con il coinvolgimento di un partner qualificato.

In crescita anche due degli storici fiori all’occhiello di TUTTOFOOD: TUTTODAIRY, il settore dedicato ai latticini, che oggi affronta nuove sfide come il free-from e i nuovi mercati che scoprono i formaggi italiani; e TUTTOFROZEN, l’area riservata al surgelato, una modalità salubre e sostenibile di conservare gli alimenti coniugando la freschezza e la naturalità con la comodità, quindi sempre più adatto agli stili di vita dei consumatori di domani.

Altra grande novità sarà Spazio Nutrizione: una vera e propria macro-area di conoscenza e condivisione che si esprimerà in 4 aree tematiche, ciascuna focalizzata su esigenze specifiche: Adult, dedicata al ruolo della nutrizione come prevenzione negli adulti; Kids, che toccherà invece gli aspetti inerenti ai più piccoli; Earth, per una nutrizione sana, naturale e sostenibile sotto tutti i punti di vista; Sport, che offrirà preziosi spunti e informazioni agli sportivi sia professionisti sia amatoriali. Realizzato con la partnership scientifica di Akesios Group, negli anni pari Spazio Nutrizione si terrà al Centro Congressi Mi.Co. dove debutterà dal 5 al 7 maggio prossimi.

L’appuntamento con la prossima edizione di TUTTOFOOD è in fieramilano a Rho dall’8 all’11 maggio 2017.
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner