Expo 2015: i contenuti del Padiglione Italia progettati da Marco Balich - Un Grand tour tra le eccellenze del Paese

Fiore all'occhiello del Palazzo Italia sarà ‘l’Albero della vita’ alta 35 metri in legno e acciaio

05/06/2014

Expo 2015: i contenuti del Padiglione Italia progettati da Marco Balich - Un Grand tour tra le eccellenze del Paese

Milano 5 giugno 2014. È stato presentato da Marco Balich, che ne ha ideato il concept e l’ha descritto come la sede di un viaggio allegorico che punta a coinvolgere i visitatori tramite il ricorso a un approccio simbolico, il Padiglione Italia ispirato all’idea del “vivaio”, la metafora che l'Italia ha scelto per trattare il tema di Expo Nutrire il pianeta, energie per la vita.

“Il Padiglione Italia sarà uno spazio grande e ricco di stimoli sui temi dell’esposizione universale. Sarà un lavoro sull’identità italiana e sulle potenze che vogliamo esprimere in una tensione rivolta prevalentemente al futuro” ha detto Balich durante la presentazione svoltasi la scorsa settimana.

“Abbiamo voluto immaginare il Padiglione Italia come un viaggio divertente attraverso luoghi, storie, racconti e provocazioni, con la voglia di emozionare tutti e stimolare una riflessione sul ruolo dell’Italia nel mondo. Chi verrà a visitarci, vedrà anche la nostra icona: una grande struttura che rappresenta l’Albero della Vita, un albero che raccoglie i nostri semi migliori e li porta in alto, per offrirli a tutto il mondo”.

L’Albero della vita sarà una struttura interattiva, alta 35 metri, in legno e acciaio. Una figura iconica, fortemente italiana e al tempo stesso presente in molte culture, così come nell'immaginario cinematografico: oltre a ospitare molti degli eventi previsti dal palinsesto del Padiglione, si trasformerà al trascorrere delle ore, creando uno straordinario show interattivo di luci, colori e musica.

Balich ha illustrato anche il percorso che i visitatori svolgeranno lungo il Cardo, un viale pavimentato largo 35 metri e lungo 325, che ospiterà una molteplicità di attività espositive ed istituzionali per rappresentare la varietà e la ricchezza dell’Italia. Il Cardo ospiterà un’installazione leggera e “intelligente”, fruibile anche attraverso un’app, che guida alla scoperta delle ricchezze del Padiglione; 6 stazioni-fermate, disegnate da Dante Ferretti, con ingredienti-icone di una ricetta italiana; una scultura/installazione raffigurante la bocca di un uomo, porta di ingresso alla mostra-esposizione sul tema del “cibo dei desideri”, che approfondirà la relazione tra cibo-alimentazione-salute-benessere.

Il percorso espositivo di Palazzo Italia, che nei 6 mesi di Expo ospiterà più di 2mila eventi, coinvolgerà i visitatori in un’esperienza immersiva ad alto contenuto simbolico ed emozionale per svelare l’essenza dell’identità italiana. In questo percorso il visitatore avrà l’opportunità di ammirare opere d’arte come La Vucciria di Renato Guttuso, sculture e installazioni volte a evocare la forza propulsiva del nostro paese e a mettere in scena 4 punti di forza tutti italiani:
la potenza del saper fare: uno spettacolo interattivo che racconta le donne e gli uomini impegnati, ogni giorno, nel rendere la terra ricca e produttiva;
la potenza della bellezza: turismo, qualità della vita, paesaggi d'Italia;
la potenza del limite: storie di persone, normali e straordinarie, che hanno vinto battaglie contro piccole e grandi avversità, trasformando gli ostacoli in idee che cambieranno il nostro futuro;
la potenza del futuro: una serra della biodiversità italiana, dove ogni seme racconta una storia di identità e ricchezza vegetale.

“Gli obiettivi che vogliamo raggiungere con il Padiglione Italia sono numerosi”, ha detto Diana Bracco, commissario generale del Padiglione Italia. “Vogliamo rafforzare la nostra vocazione turistica, avendo come obiettivo la valorizzazione dell’intero sistema paese, vogliamo potenziare gli strumenti al servizio dell’internazionalizzazione dei prodotti agroalimentari valorizzando e tutelando i marchi e le qualità italiane, vogliamo collegare sempre meglio le start-up ai circuiti internazionali di scienza, ricerca e tecnologia, vogliamo Integrare l'Italia-museo con l'Italia- laboratorio, vogliamo offrire al mondo una visione forte della qualità italiana per la salute e lo stile di vita e vogliamo, infine, riaffermare il contributo straordinario che l'Italia darà a questa Esposizione Universale restituendo fiducia e orgoglio ai cittadini a iniziare dai più giovani”.

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Maurizio Martina, ha dichiarato: “Il Padiglione Italia a Expo 2015 sarà il luogo fisico in cui il nostro Paese racconterà le sue potenzialità, attraverso le quattro potenze chiave individuate e presentate. Sarà il modo di far conoscere le nostre capacità, le storie delle donne e degli uomini che fanno grande questo Paese, superando i limiti, creando bellezza e progettando il futuro.

L’appuntamento di Milano rappresenta un momento fondamentale per il pianeta, nel quale l’Italia dovrà giocare un ruolo di primo piano. L’idea di mettere al centro il ‘Vivaio Italia’, come presentato nei giorni scorsi alla Triennale di Milano, dà il senso esatto della nostra volontà di coltivare il futuro.
Dobbiamo essere orgogliosi del nostro Paese e delle sue eccellenze. Siamo riusciti a primeggiare in tanti settori a livello mondiale e questo è il momento di un cambio di passo deciso. All’Expo arriveremo con tutte le nostre energie per mostrare a tutti i nostri talenti”.

Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner