Expo Milano: il mese di agosto sorprende tutti con 3 milioni di visitatori

In un solo giorno si è toccato il picco di 153.249. Il record è avvenuto il 20 agosto

28/08/2015

Expo Milano: il mese di agosto sorprende tutti con 3 milioni di visitatori
Milano 28 agosto 2015. Si sta chiudendo il mese di agosto e per l'Expo si va verso gli ultimi due mesi (fino al 31 ottobre per l'Esposizione Universale di Milano).

Si cominciano anche a conoscere le prime statistiche.
I treni della linea rossa della metropolitana milanese sono i più utilizzati dai visitatori per raggiungere l'area di Expo. Sono 2,970 milioni le persone che a oggi da inizio Expo hanno utilizzato la metropolitana della linea M1 per raggiungere Rho-Fiera Expo.

Gli ultimi dati sui passeggeri sono riportati in una nota di Atm: "Nel mese di agosto sono state registrate in arrivo alla stazione Rho Fiera Expo più di 27 mila persone in media nei giorni feriali e quasi 24 mila in media nei week end (la più alta dall'apertura, il 27,6% in più della media di luglio). Durante tutto il mese, i giorni in cui si è registrato il maggior numero di passeggeri trasportati verso il sito espositivo sono stati infatti quelli feriali. Il picco di passeggeri si è registrato il 20 agosto, con quasi 40 mila persone (39.218 passeggeri) che si sono recate ad Expo con la metro, sfiorando il record dall'apertura del 1° giugno quando furono 43.917 trasportati. Sempre assai elevata - prosegue Atm - la percentuale di viaggiatori che hanno utilizzato la metro dopo le ore 18, anche se l'incidenza in agosto è più bassa rispetto a luglio (dal 29,9% si è scesi al 26,2%). Assai forte l'affluenza anche in agosto fino dalle prime ore del mattino: entro le ore 11 la metropolitana ha trasportato ben il 44% dei trasportati totali giornalieri, una percentuale in forte ascesa rispetto ai mesi precedenti".
 

Il Boom di visitatori nel mese di agosto
Per l’Expo il mese di agosto si chiuderà con un numero inatteso: 3 milioni di visitatori, con una media di 100mila ingressi al giorno. È questo il dato che ci si aspetta per il 31 di agosto. Molto di più rispetto a quei 2 milioni circa inizialmente inseriti nel cronoprogramma, basati più su calcoli statistici che su vere e proprie proiezioni. Dopo un luglio sotto tono (ufficialmente chiuso con 2,8 milioni di visitatori, ma con un sito espositivo visibilmente spopolato), agosto ha sorpreso un po’ tutti.
In un solo giorno si è toccato il picco di 153.249. È avvenuto il 20 agosto, un record. Nonostante il caldo, il mese di agosto è andato al di là delle più rosee aspettative a detta degli stessi responsabili di Expo.

Quello che risulta visibile, ha scritto nei giorni scorsi il Sole 24Ore, è la diversa composizione del turisti. Nei primi due mesi almeno un milione di visitatori è da attribuire alle iniziative scolastiche, e da maggio a luglio il 15% degli ingressi era rappresentato dal solo pubblico serale, quello cioè che entra alle 19 ed esce a mezzanotte per la “movida” dell'Expo, con un biglietto a costo nettamente inferiore (5 euro contro i 30 medi per l’intera giornata). Tra giugno e luglio, inoltre, ci sono stati anche incontri istituzionali e politici, con l’arrivo di molti capi di Stato internazionali e un’attività convegnistica intensa.
Dal primo d’agosto il pubblico è cambiato: più famiglie e visite individuali, con la maggior parte della gente che rimane nel sito espositivo tutto il giorno, mettendosi in fila ai tornelli già dalla mattina, prima dell’apertura delle ore 10. Ad agosto, contrariamente alle aspettative, sono arrivati tanti italiani: erano attesi per l’autunno, ma molti sono già presenti adesso. Si parla almeno del 60 per cento di visitatori nazionali.
Nel restante 40% di stranieri, si cominciano intanto a vedere i primi cinesi, a cui i tour operator hanno venduto un milione di biglietti ma che per ora non avevano dato segni di vita.

Gli ingressi del sito espositivo, adesso, sono tutti quanti presi d’assalto, mentre fino a giugno le file si sono concentrate nella porta Ovest (Fiorenza) e nella porta Triulza, dove è possibile arrivare rispettivamente con la metropolitana di Milano e con i treni Frecciarossa, lasciando invece praticamente vuoti l’accesso a Sud di Cascina Merlata (dove si arriva in auto e con i pullman) quello a Est (dove arrivano taxi, mezzi di trasporto locali e, da pochi giorni, anche i pullman). I flussi si sono naturalmente ridistribuiti, e questo fa pensare che gli arrivi siano effettivamente provenienti da tutta Italia. Tanto che nel parcheggio di Arese (a Nord del sito) si riversano ogni giorno una media di 5mila auto, mentre fino a luglio era praticamente vuoto (e per incentivarne l’utilizzo la società Expo ha cominciato a regalare un biglietto serale per chi lascia lì l’auto).
Allo studio c’è la possibilità di anticipare l’ingresso di un’ora per i turisti che viaggiano in autobus. Si sta valutando in questi giorni, la società vorrebbe iniziare subito ma prima c’è bisogno di un giro di consultazione con i paesi ospiti per allineare l’apertura dei padiglioni.
Più o meno tutti i ristoranti vengono utilizzati e, come nei mesi precedenti, ci sono file di fronte ad alcuni padiglioni. Per quello del Giappone si è arrivati in questo mese a punte di 3 ore di attesa. Oltre alla struttura nipponica, ad agosto le più gettonate sono state quelle del Brasile, del Kazakistan, della Colombia e dell’Angola. Molto amato anche il Padiglione Zero, considerato da tutti uno dei più belli, posizionato subito all’inizio del Decumano, la strada maestra lunga la quale sono disposti i paesi ospiti. Così amato da far riflettere proprio in questi giorni la stessa società Expo sull’opportunità di lasciarlo in vita anche dopo la fine dell’esposizione universale, o almeno durante la fase transitoria da novembre a giugno 2016, prima della restituzione dei terreni alla società proprietaria Arexpo. File anche lungo il Cardo, la strada verticale tutta dedicata al nostro paese, che porta a Palazzo Italia.

Ora si attende il rush finale di autunno.
Ufficialmente, a fine luglio, gli ingressi dichiarati dalla società di gestione sono arrivati a 8,6 milioni, mentre i biglietti venduti sfiorano i 9,5 milioni. Con il mese di agosto si dovrebbe dunque arrivare a quota 11,6 milioni. In base alle attese attuali, infine, con i mesi di settembre e di ottobre si dovrebbe arrivare a 19 milioni, cioè molto vicini all’obiettivo dei 20 milioni di visitatori dichiarati dal commissario unico dell’Expo Giuseppe Sala.
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner