Fisiologia del gusto di Anthelme Brillat-Savarin

21/08/2016

Fisiologia del gusto di Anthelme Brillat-Savarin
Impareggiabile «homme d'esprit», secondo la definizione di Balzac, Brillat-Savarin del cibo non coglie tanto l'aspetto edonistico, ma soprattutto quello sociale, ed è questo che rende la sua opera così moderna.

"Nel considerare i piaceri della tavola sotto i più diversi aspetti, m'ero reso conto da tempo che in questo campo c'era da fare qualcosa di meglio di un semplice libro di cucina, e che molto si poteva dire su funzioni così essenziali, così continue e che influiscono così direttamente sulla salute, sulla felicità e persino sugli affari. Una volta stabilita quest'idea madre, tutto il resto è venuto da sé: mi sono guardato intorno, ho preso appunti, e spesso, in mezzo ai più sontuosi banchetti, il piacere di osservare mi ha salvato dalla noia conviviale. Certo, per tener fede agli impegni che m'ero prefisso, ho dovuto improvvisarmi fisico, chimico, fisiologo e persino, in una certa misura, erudito".

Pubblicata anonima nel 1825, la Fisiologia del gusto alterna a riflessioni sui cinque sensi, descrizioni e aneddoti, digressioni filosofiche e di costume, notazioni scientifiche. Impareggiabile «homme d'esprit», secondo la definizione di Balzac, Brillat-Savarin del cibo non coglie tanto l'aspetto edonistico ma soprattutto quello sociale ed è questo che rende la sua opera così moderna.


Anthelme Brillat-Savarin (1755-1826) magistrato, diplomatico, musicista. Rifugiatosi a Losanna, e poi a New York, nel 1794, rientrò due anni dopo in Francia e venne nominato Consigliere alla Corte di Cassazione. Scrisse saggi di carattere giuridico ed economico, ma la sua notorietà è legata alla Fisiologia del gusto, pubblicata l’anno prima della morte.


Fisiologia del gusto di Anthelme Brillat-Savarin
A cura di Michel Guibert

Traduzione di Roberta Ferrara
Lingua originale: francese
Titolo originale: Physiologie du goût
Sellerio Editore Palermo

 
Fisiologia del gusto di Anthelme Brillat-Savarin

La scienza è servita di Fiorenzo Conti (Domenicale del Sole 24 Ore)

Gli aforismi di Anthelme Brillat-Savarin:
  1. L’unica cosa che conti nell’universo è la vita, e tutti gli esseri viventi si nutrono;
  2. Gli animali si sfamano, l’uomo mangia, solo l’uomo d’ingegno sa mangiare;
  3. Il destino delle nazioni dipende dal loro modo di nutrirsi;
  4. Dimmi ciò che mangi e ti dirò chi sei;
  5. La scoperta di una nuova pietanza contribuisce alla felicità del genere umano più della scoperta di una stella;
  6. Un dessert senza formaggio è come una bella donna senza un occhio.
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner