Giuseppe Sala dopo l'incontro 'Expo dopo Expo: "più di 10 padiglioni saranno smantellati e ricostruiti altrove, nei loro Paesi o in città"

Raffaele Cantone: Expo finirà e non sapremo neanche allora quanto ci sarà costata

10/10/2015

Giuseppe Sala dopo l'incontro 'Expo dopo Expo: "più di 10 padiglioni saranno smantellati e ricostruiti altrove, nei loro Paesi o in città"
Milano Expo 10 ottobre 2015. "Più di 10 padiglioni saranno smantellati e ricostruiti altrove, nei loro Paesi o in città, come quello della Coca Cola o di Don Bosco. Ma la maggior parte verrà distrutta. Escludo che l'Albero della vita possa essere spostato in città, e per quando riguarda Padiglione Italia ne discuteremo presto. Sarebbe però un peccato buttare già padiglione Zero".
 
Comincia a prendere forma il quadro delle possibilità del post-Expo. Alcuni punti fermi sono stati descritti dal commissario unico Giuseppe Sala a margine dell'incontro 'Expo dopo Expo', organizzato per cominciare a delineare il da farsi in vista della chiusura dei cancelli il 31 ottobre.
 
All'incontro ha partecipato anche il presidente dell'Anticorruzione Raffaele Cantone.
Amara la sua considerazione: Expo finirà e non sapremo neanche allora quanto ci sarà costata.
 
Il punto sono gli extracosti, le spese extra dovute ai ritardi e alle modifiche in corsa nella gara contro il tempo che a maggio ha permesso di aprire l'Esposizione universale dopo gli scandali. Partita ancora tutta da giocare. Non è detto che entro la fine dell'esposizione universale si saprà quanto è costato in più costruirla rispetto al previsto, ha spiegato Cantone, sottolineando di non essere "così ottimista nel dire che possiamo chiudere entro il 31 ottobre".
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner