I frutti degli alberi più antichi in mostra all'Expo

A cura dell'Associazione Nazionale Patriarchi della Natura

22/10/2015

I frutti degli alberi più antichi in mostra all'Expo
Milano Expo 2015. Dallo scorso 9 ottobre, grazie alla sensibilità della presidente Diana Bracco, una sala al terzo piano del Padiglione Italiano dell’Expo è dedicata per tre settimane alla esposizione dei frutti (mele, pere, uva, sorbe, olive, giuggiole, cotogne, melegrane, ecc.) dei Patriarchi vecchi di secoli o di millenni, con una serie di tele stampate in Romagna dalla Bottega Pascucci ideate dal poeta Tonino Guerra.

Tale esposizione è organizzata dalla Associazione Nazionale Patriarchi della Natura presieduta dall’agronomo Sergio Guidi.

Sono presenti i frutti di sei regioni, da Sud a Nord: Sicilia, Sardegna, Umbria, Emilia-Romagna, Lombardia, Trento-Bolzano.  

Fra i frutti più singolari: i grappoli dell’uva Versoaln prodotta dalla vite più grande, e forse più antica, del mondo (500 anni in un castello presso Merano, oltre trecento bottiglie di vino bianco all’anno) le noci del grande Noce dei Trocchi umbro (6 metri di circonferenza, trecento anni), le Pere cocomerine di Romagna, dalla stessa zona il Melograno di Faenza con frutti enormi, anche più di 1 chilo e mezzo, l’uva Corinto piantata dai Greci in Sicilia, le olive selvatiche dell’albero più antico d’Italia, l’Ogliastro di Luras presso Tempio Pausania, di almeno 3500 anni.

Tutti questi “gemelli” dei Patriarchi sono stati ottenuti per talea e conservati in un “archivio vivente” presso Forlì in circa 12.000 esemplari.

Con questa mostra si vogliono riproporre alcuni temi di fondo: a) la tutela e il recupero della biodiversità vegetazionale italiana, ancora ricca ma in fase di impoverimento; b) il riuso nelle colture normali di genomi resistentissimi ai secoli, ai mutamenti climatici, ai parassiti; c) la riscoperta di un arco stagionale di varietà – da quelle precoci a quelle tardive – che possono evitare la lunga conservazione in frigo; d) la scoperta per molti di sapori e di profumi che le colture di tipo “industriale” hanno appiattito o fatto sparire.

Per informazioni, sergioguidi19@gmail.com, 348 7334726 oppure Andrea Gulminelli 328 4234734, o anche Vittorio Emiliani emiliani35@alice.it

 

Tag: Expo 2015

Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner