I Maestri della Gelateria Italiana e la Scuola italiana di gelateria di Perugia presentano al Sigep il progetto: I Gelati con un ridotto carico glicemico!

Sabato una sfida tra gusti normali e gusti a carico glicemico ridotto affrontata ad occhi chiusi

15/01/2015

I Maestri della Gelateria Italiana e la Scuola italiana di gelateria di Perugia presentano al Sigep il progetto: I Gelati con un ridotto carico glicemico!
Rimini 15 gennaio 2015. Anche quest'anno l’Associazione I Maestri della Gelateria Italiana sarà presente a Sigep, il grande salone mondiale dedicato al dolciario artigianale, con un fitto programma di eventi e iniziative da sabato 17 a mercoledì 21 gennaio,

La parola d'ordine dell'associazione, trasformata in un vero e proprio progetto salutistico, si chiama: “La Salute vien mangiando…gelati! Gelati funzionali nell’alimentazione moderna”.
Una alleanza tra gusto e salute che passa anche attraverso lo studio continuo di nuovi ingredienti (i legumi e il fungo shiitake) per questo dolce prodotto, amatissimo da grandi e piccini.

I Maestri della Gelateria Italiana e la Scuola italiana di gelateria di Perugia, prima di altre scuole hanno recepito questa domanda del mercato e già dallo scorso anno insieme alla collaborazione della dottoressa Roberta De Sanctis, Biologa Nutrizionista, hanno presentato il progetto “la salute vien mangiando….gelati” puntando sull’idea di fare del gelato un alimento addirittura funzionale ovvero un gelato capace di veicolare non solo nutrienti ma anche altre sostanze capaci di migliorare alcune specifiche funzioni dell’organismo, ad esempio probiotici per il miglioramento della salute intestinale o betaglucani per abbassare il colesterolo sanguigno.

Quest’anno i Maestri della Gelateria italiana si sono cimentati, sempre in collaborazione di Roberta De Sanctis (nella foto), in un nuovo progetto che sarà presentato a Rimini Fiera: I Gelati con un ridotto carico glicemico.
Una novità assoluta!
“Oggi il mercato richiede sempre più prodotti con una connotazione salutare -afferma la dottoressa De Sanctis, consulente scientifico del progetto- ed è giusto che anche il gelatiere artigiano sia pronto a rispondere a questa esigenza. L’impegno è stato portato avanti con l’intenzione di recepire le ultime raccomandazioni dietetiche ufficiali espresse dai LARN, pubblicate solo nell’autunno 2014 e così è stato ridotto il carico glicemico del gelato!”

Il carico glicemico è un indice fisiologico che indica l’impatto che l’insieme dei singoli zuccheri nelle loro diverse quantità ha sulla glicemia.

“Considerando che il gelato si fa con tre ingredienti principali: acqua, aria, zucchero ed essendo lo zucchero determinante, poiché dalla sua presenza otteniamo il potere anticongelante della miscela che contrasta quello dell’acqua (tanto che la ricettazione in gelateria passa proprio attraverso un preciso bilanciamento degli zuccheri), si capisce -precisa Roberta De Sanctis- l’importanza della sfida. Qualcuno in anni recenti ci ha già provato, ma male, perché ha usato il fruttosio, che effettivamente riesce ad ottenere l’obiettivo di un contenimento del carico glicemico ma non deve essere usato, come chiaramente indicato dalle stesse indicazioni nutrizionali, in quanto favorisce la deposizione di grassi nel fegato e nel torrente circolatorio e può provocare un aumento dell’acido urico con conseguente gotta”.

“I maestri della Gelateria Italiana -continua De Sanctis- si sono cimentati nella sfida e hanno ottenuto questo obiettivo senza usare fruttosio né edulcoranti sintetici ma semplicemente usando un maggior carico di fibre, opportunamente scelte per non perdere la dolcezza del gelato, o in alternativa utilizzando i legumi, ingrediente anomalo per la gelateria ma ottimo come struttura e neutro come sapore in quanto si presta ad essere poi arricchito con vari aromi. I legumi, per esempio, contengono un’ottima percentuale di fibre e proteine vegetali quindi si prestano anche ad assecondare il pubblico dei vegan”.

Questo è quanto I Maestri della Gelateria Italiana, in collaborazione di Roberta De Sanctis biologa nutrizionista dell'Università degli Studi di Urbino, presenteranno a Sigep 2015.

Si comincerà sabato 17 dalle ore 10.30 – 11.30 in una sfida, tra gusti normali e gusti a carico glicemico ridotto, affrontata ad occhi chiusi, accompagnata dai saggi consigli dei Maestri della Gelateria Italiana (nell'occasione i Maestri Gianpaolo Cianuri e Paolo Bettelli), che sapranno svelare a tutti i golosi i segreti per riconoscere il vero gelato artigianale…diffidando dalle imitazioni!

Gli appuntamenti dell’Associazione I Maestri della Gelateria Italiana a Sigep 2015

Il sito de I Maestri della Gelateria Italiana

Facebook Scuola Italian di gelateria

Facebook Roberta De Sanctis

Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner