Il banchetto di nozze e altri sapori, l'ultimo libro di Carmine Abate

27/02/2017

Il banchetto di nozze e altri sapori, l'ultimo libro di Carmine Abate
di V. Angelo Colangelo

Si ripropone al pubblico dei suoi lettori con Il banchetto di nozze e altri sapori (Mondadori, Milano, 2016, pp. 166, E. 15), presentato a Parma il 24 febbraio scorso alla libreria “Voltapagina”, Carmine Abate, il prolifico scrittore di Carfizzi, paese arbëreshë del Crotonese.

Il prezioso volumetto inebria con un autentico tripudio di sapori. Sono i sapori dei cibi, ma anche i sapori della mente e dell'anima. Giova, infatti, sottolineare fin da subito che il libro non è un ricettario di cucina. Ai cibi, che hanno seguito l'autore nella sua erranza imposta da ragioni di studio, di lavoro o di scelte di vita, si legano indissolubilmente pensieri,  sentimenti, valori, emozioni. E ricordi. I ricordi di persone, luoghi, momenti significativi, che hanno segnato il percorso biografico di Abate tra la Calabria, la Puglia, la Germania, il Trentino.

Il cibo, quindi, assume in questo libro, che può essere considerato un delicato memoriale, un carattere identitario, che rifugge però dall'idea dell'esclusione. Anzi, esso si propone come una metafora che simbolicamente contiene e  rappresenta un ideale forte della ideologia umana e letteraria di Carmine Abate. Vale a dire, quel vivere per addizione, che è rinvenibile non solo nell'omonima raccolta di racconti, ma in gran parte della sua copiosa produzione narrativa.

Non a caso, ne Il banchetto di nozze, nella fantasmagoria di pietanze, legate alle tante realtà regionali familiari all'autore, s'impone per la sua valenza simbolica la polenta con la 'nduja, un piatto che sposa sapori estranei fra loro nel segno della convivialità e della solidarietà. A significare, appunto, l'opportunità di tenere insieme e far convivere armoniosamente tradizioni e culture diverse di genti che pur sono geograficamente lontane. Nel caso specifico la Calabria e il Trentino, ma più in generale il Nord e il Sud, l'Italia e l'Europa, l'Europa e il mondo.
Il banchetto di nozze e altri sapori, l'ultimo libro di Carmine Abate
L'ultimo libro di Abate, insaporito, come gli altri, dalla magia di una lingua felicemente contaminata di italiano, arbëreshë e gocce di lingua “germanese”, si avvale anche di una semplice ma raffinata architettura, che richiama la struttura canonica di opere teatrali. La parte più corposa è distinta in due sezioni di sette racconti ciascuna, quasi due atti suddivisi in 14 scene. Un racconto a mò di prologo, “Antipasto a Punta Alice”, ed un altro che fa da epilogo, “Dessert a Punta Alice”, intimamente legati fra loro, propongono due episodi pregnanti di significati profondi.

Nel primo protagonista è Carmine al mare all'età di sette anni. Con lui è  la nonna che lo accompagna al mare di Cirò Marina e, dopo essersi religiosamente chinata a baciare la sabbia, dove un giorno approdarono gli avi albanesi, fa mangiare al nipotino la frittata mare e monti da lei cucinata con amorevole premura.

Nel secondo Michele, il figlio settenne di Carmine, gusta a sua volta la cuzzupa con l'uovo rosso di robbia, preparato con altrettanto amore da sua nonna che, prima di iniziare il sontuoso banchetto pasquale, bacia la sabbia per perpetuare il rito appreso dalla madre. E' il passaggio ideale del testimone fra generazioni diverse.

Sono due narrazioni di straordinaria eticità e di struggente bellezza, che ci consegnano il messaggio di fondo del libro. Che il cibo è valore antropologico, storico, pedagogico e, si potrebbe dire, religioso. E' memoria individuale e collettiva, che si condivide con chi è intorno a noi e anche con coloro che sono stati prima e che verranno dopo di noi. In una continuità ideale, che abbatte le barriere dello spazio e del tempo.
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner