Il Congresso della Federazione Italiana Cuochi ai nastri di partenza

Una pioggia di chef stellati per il XVII Congresso Nazionale dal 7 al 10 ottobre

07/10/2013

Il Congresso della Federazione Italiana Cuochi ai nastri di partenza

Metaponto 7 ottobre 2013E’ iniziato il countdown del 27° Congresso Nazionale della Federazione Italiana Cuochi che aprirà i battenti oggi lunedì 7 ottobre a Metaponto in Basilicata. Oltre 600 partecipanti tra convegnisti ed ospiti, questi i numeri della kermesse che sarà incentrata sulla pesca sostenibile.

Tra gli eventi della quattro giorni, vi è grande attesa per i cooking show tenuti dai grandi interpreti della cucina italiana Pino Cuttaia (in partnership con Identità Golose), Marcello Leoni (in partnership con Identità Golose),PinoLavarra, la Nazionale Italiana Cuochi, i Maestri di Cucina, l’Ateneo di Cucina Italiana,le Lady Chef FIC e le nuove leve guidate dallo chef della Rai, nonchè responsabile del Dipartimento Giovani FIC, Alessandro Circiello che schiererà Niko Sinisgalli, Simone Loi e Gianluca Drago. Il primo è uno dei giovani più brillanti del panorama italiano con un bagaglio di esperienze che va dalla Rai a Sky per finire alla galassia della Boscolo Hotel.

Oggi gestisce il ristorante gourmet Tazio. Simone Loi, chef di punta Rai, presenza fissa a la Prova del Cuoco su Rai 1, è un valente professionista che ha conquistato premi internazionali ed è docente presso rinomate scuole di cucina della Capitale. Gianluca Drago è esponente di punta della Federazione Italiana Cuochi, ove riveste la carica di componente di giunta esecutiva. Vice presidente dell’Unione Cuochi Toscani e componente del Dipartimento Giovani, Drago ha vissuto le cucine fin da piccolo, venendo da una famiglia di affermati e stimati ristoratori. Patron del ristorante Il Casale di Pieve a Quarto, ama la cucina tradizionale del territorio che esalta anche nelle sue innumerevoli partecipazioni a concorsi, manifestazioni ed eventi internazionali.

Ma il giorno 8 ottobre andranno di scena sul palco anche due stelle della pizza napoletana: Franco Pepe e i fratelli Francesco e Salvatore Salvo. Ad accompagnarli in un abbinamento tra pizza fritta, mozzarella di bufala campana DOP e prodotti lucani ci sarà il giornalista enogastronomico Albert Sapere. Franco Pepe è un artigiano moderno con l’antica passione per la pizza. Le sue competenze si fondano su tre generazioni di maestri panificatori ed ha subito notevoli sviluppi negli anni grazie anche alla sua passione ed alla continua ricerca sia sulle farine che sui prodotti di eccellenza che adopera. Francesco e Salvatore Salvo, titolari dell’omonima pizzeria, sono due ragazzoni di due metri che rappresentano la terza generazione familiare di pizzaioli. Annoverati anch’essi come innovatori del mondo Pizza napoletana portano da ormai oltre due anni avanti un discorso di ricerca sugli impasti e sui prodotti sostenendo realtà territoriali e piccole produzioni. Albert Sapere, ideatore e patron assieme a Barbara Guerra dell’evento internazionale “Le strade della mozzarella”. Un parterre di stelle che, però, non si esaurisce qui. Al 27° Congresso Nazionale della F.I.C. infatti ci saranno eventi a catena ogni giorno. Gli chef e gli ospiti, oltre a seguire i convegni sulla valorizzazione dei pesci poco usati in cucina, parteciperanno anche ad altri seminari di formazione come quello organizzato sul mondo degli Istituti Alberghieri che vedrà presenti eminenti autorità del mondo dell’Istruzione, come Rossella Mengucci direttore tecnico degli affari internazionali del MIUR. Tra i relatori da segnalare il presidente dell’RENAIA (rete nazionale degli Istituti Alberghieri) prof. Ilario Ierace. Il 27° Congresso Nazionale FIC sarà, tra l’altro, una grande vetrina per il meglio della produzione agro-alimentare italiana grazie alla partecipazione di decine e decine di aziende che sono il vanto italiano nel mondo. L’intero evento sarà presentato nella conferenza stampa che si terrà domani a Metaponto alle ore 16.00, presso il Magna Grecia Hotel Village, sede del Congresso, alla presenza dell’assessore l’assessore regionale Nicola Benedetto, responsabile del Dipartimento Agricoltura, Sviluppo Rurale, Economia Rurale della Regione Basilicata. Nei giorni 8 e 9 ottobre, in occasione dei convegni e dei Cooking Show, il congresso sarà trasmesso in diretta streaming.

Per seguirlo basterà collegarsi con il sito della Federazione.

INformaCIBO è Media partner del Congresso.

www.fic.it

 

http://congresso.fic.it/

 

l Presidente della FIC Paolo Caldana sul XXVII Congresso Nazionale della Federazione Italiana Cuochi

Per i cuochi italiani sarà, prima di tutto, un momento di confronto su tematiche importanti. Su tutte vi è quella del consumo e della trasformazione dei prodotti ittici, che fungerà da traccia all’intera manifestazione.

Mai come oggi, i cuochi sono chiamati ad assolvere al compito di cucinare un piatto saporito, gustoso e bello da vedere e che, allo stesso tempo, salvaguardi la salute del consumatore stesso. Nella dieta Mediterranea i pesci la fanno, non a caso, da padrone.

Ecco perché è sempre più importante che noi cuochi approfondiamo le conoscenze sulle varietà, sui loro pregi ma anche sui difetti che potrebbero creare problemi al momento in cui ci si accinge a presentarli ai clienti. Con l’aiuto degli esperti della filiera ittica, nel nostro Congresso discuteremo anche dei problemi che derivano dall’approvvigionamento e del perché rivolgere la nostra attenzione su pesci poco conosciuti ma che hanno un alto valore, anche gastronomico. Su tutto il pesce “azzurro” che oltre ad avere un basso costo, che in questo periodo di crisi economica non è certo male, vanta un valore nutrizionale senza eguali e che dovrebbe essere presente sulle tavole dei clienti sempre più con maggiore frequenza. In tale ottica, anche lo show cooking, strumento fondamentale per il nostro aggiornamento professionale, affidato a grandi chef della nostra Federazione e non solo, sarà incentrato su tale tematica. Altro momento saliente sarà il seminario dedicato alla formazione dei docenti ITP degli Istituti alberghieri.

Su “La didattica laboratoriale, una metodologia con radici lontane” interverranno esponenti del ministero della Pubblica Istruzione e docenti esperti della materia. Come si può dedurre dal programma, quindi, il Congresso Nazionale si presenta come un momento non solo di tipo ludico e di socializzazione, il che non guasta, ma principalmente come alto momento di formazione ed aggiornamento professionale per tutta la categoria dei cuochi italiani. Una scelta precisa del nostri Dipartimenti, ad iniziare da quello degli Eventi che da mesi lavora al Congresso, che porterà certamente grandi benefici per tutti. Per questa ragione auspico che, a Metaponto saremo in tanti a partecipare.

Paolo Caldana

Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner