Il ministro Martina scrive a INformaCIBO per l' “Anno nazionale del cibo italiano”

09/02/2018

In occasione della Borsa del Turismo (Bit), oltre alla lettera del ministro Martina offriamo ai nostri lettori una ricetta inviataci dagli USA dallo chef abruzzese Walter Potenza, per sottolineare l'importanza dell'Anno del cibo italiano nel Mondo e del nostro turismo enogastronomico
Il ministro delle Politiche Agricole, Maurizio Martina, e il Ministro del Turismo Dario Franceschini hanno eletto il 2018 “Anno nazionale del cibo italiano” e noi di INformaCIBO, come abbiamo già fatto durante l'Expo 2015, quando abbiamo “creato” l'E-Book “99 Ricette per EXPO. Mangiare all'italiana nel Mondo”, (sul portale della Regione Emilia Romagna si parla dell'E-Book di INformaCIBO con la prefazione del Ministro Martina e QUI si può sfogliare l'E-Book), anche in questo anno 2018  seguiremo con maggiore attenzione gli appuntamenti enogastronomici, in Italia e all'estero, attraverso interventi e iniziative che per valorizzare la vera produzione italiana dei ristoranti italiani all'estero che utilizzano materie prime e prodotti made in Italy, fino al sostegno di tutti i protagonsiti della fileria enogastronomica, dai cuochi alle aziende, fino al settore agricolo e ai prodotti certificati Dop e Igp.

E proprio in questi giorni, quando è in corso a Milano la Borsa del Turismo (Bit), vogliamo ricordare i successi della nostra offerta di turismo enogastronomico nell'ultimo anno è in crescita. (Su INformaCIBO: L’identikit del viaggiatore food lover)
Si ricorda il primato mondiale che l'Italia detiene nel settore delle produzioni certificate DOP, IGP, STG, pilastro del nostro modello agroalimentare, con ben 818 prodotti dei comparti Food e Wine.

Leggi anche "Primo Rapporto del turismo enogastronomico italiano 2017"

Il Ministro Martina e lo Chef italiano all'estero Potenza

In questo quadro abbiamo chiesto al ministro Maurizio Martina di “commentarci” l'Anno del Cibo italiano (qui sotto troverete il suo scritto), e ad un celebre chef abruzzese che lavora all'estero, Walter Potenza, risiede negli USA, a Providence nello Stato del Rhode Island, dove gestisce il Ristorante omonimo Potenza, una scuola di cucina (Chef Walters Cooking School), un’azienda manifatturiera (Chef Walters Fine Foods) di regalare ai nostri lettori un Piatto regionale dedicato all'Anno del Cibo italiano nel Mondo.

 

La lettera del Ministro Martina a INformaCIBO

"Apriamo il 2018 all’insegna del cibo, un patrimonio unico che dobbiamo tutelare e valorizzare sempre di più. Insieme al Ministro dei Beni culturali Dario Franceschini, abbiamo dichiarato quello appena iniziato “Anno nazionale del cibo italiano” con l’obiettivo di sostenere proprio la promozione delle nostre eccellenze e supportare la crescita dei territori. Perché scoprire i cibi significa conoscere l’identità delle nostre terre, entrare in contatto con saperi, tradizioni, comunità intere. Con la nostra storia, fatta di volti di uomini e donne che hanno trasformato la loro passione in un mestiere.

Non a caso il nostro Paese, patria della dieta mediterranea, è leader in Europa per numero di denominazioni protette e in tutti i mercati esteri il Made in Italy è sinonimo di qualità. Ce lo confermano i numeri dell’export che nel 2017 ha superato i 41 miliardi.
Notizie positive che evidenziano il crescente interesse per il settore, soprattutto da parte delle nuove generazioni, e quanto fatto fin qui, a cominciare dai controlli sulla filiera e sul web e dal grande lavoro sulla trasparenza dell'origine in etichetta per garantire più informazioni e maggiori garanzie ai consumatori.

Penso poi anche ai distretti del cibo, uno strumento nuovo di programmazione territoriale nel quale crediamo molto e attraverso il quale vogliamo coinvolgere tutti i protagonisti del comparto: agricoltori, allevatori, pescatori, cuochi.
Un lavoro di squadra che deve proseguire. Per il nostro agroalimentare. Per il nostro Paese”.
 
Maurizio Martina, ministro delle Politiche Agricole
Filetto di vitello al Montepulciano d'Abruzzo

La ricetta Filetto di vitello al Montepulciano d'Abruzzo

Dosi per 4 persone
Ricetta di media difficolta’ che offre un ottimo binomio fra la proteina ed il vino. Si suggerisce un buon Montepulciano d’Abruzzo per questa applicazione. Il vitello può benissimo essere sostituito da un filetto di manzo o di maiale.

Ingredienti per il filetto
Burro 50 grammi
Olio extravergine d'oliva quanto basta
Pepe verde in grani a piacere
1 rametto di Salvia
1 rametto di Rosmarino
Sale marino quanto basta
Filetti di vitello (4 filetti) 360 grammi circa

Per la salsa al Montepulciano
Vino rosso 250 grammi
1 scorza di limone
1 rametto di rosmarino
2 erbe cipolline
Burro 25 grammi

Preparazione
Per preparare il filetto di vitello con salsa al Montepulciano si inizia preparando la riduzione di vino rosso. Pulite, lavate e tritate finemente l’erba cipollina, prendete un pentolino e versateci il vino rosso, aggiungete la cipollina tritata, la buccia di limone grattugiata e un rametto di rosmarino; la salsa in questo procedimento acquisterà piu’ struttura e sapore. Portate il tutto ad ebollizione, fate cuocere per 5 minuti e aggiungete 25 grammi di burro e mescolate il tutto.
Il burro aiutera’ l’addensamento della salsa ed un pizzico di lucidita’ necessaria. Spegnete il fuoco, filtrate la salsa ottenuta con un colino a maglie strette e mettetela da parte, coprendola con un piatto o con della pellicola. Preparate ora il filetto: passate lo spago intorno al filetto e fermate la legatura con un nodo. Spolverate leggermente I filetti con della farina. In una padella antiaderente, scaldate un filo d’olio e i 50 grammi di burro, aromatizzate il fondo con del rosmarino e della salvia e poi aggiungete il filetto al quale avrete rimosso gran parte della farina. Quest’ ultimo passaggio vi creera’ una crosticina nella carne e’ manterra’ I sughi naturali all’interno del filetto.
Girate il filetto appena sarà dorato, all’incirca 5 minuti per ogni lato, aggiungete qualche grano di pepe a piacere e proseguite la cottura facendo cuocere il filetto anche sui bordi. La cottura deve avvenire velocemente e a fuoco vivo: il filetto risulterà pronto quando sarà dorato su entrambi i lati. Togliete lo spago e servite il filetto di vitello con salsa al vino accompagnato da penne in crema (o da verdure prcedentemente saltate), e da alcuni dadini di zucca precedentemente scottati in acqua salata per 2 minuti. Terminate il tutto con delle foglie di bieta condite con olio e sale e madorle tostate.
Il ministro Martina scrive a INformaCIBO per l' “Anno nazionale del cibo italiano”

CHI E' WALTER POTENZA

Lo Chef Walter Potenza originario di Mosciano Sant’Angelo in Abruzzo, risiede nella citta’ di Providence nello Stato del Rhode Island, dove gestisce il Ristorante omonimo Potenza, una scuola di cucina (Chef Walters Cooking School), un’azienda manifatturiera (Chef Walters Fine Foods), un agenzia di promozione e marketing (Italian Food Artisans), ed un gruppo di Travel e cultura gastronomica (Italian Culinary Experiences). Lo chef Potenza conduce inoltre lezioni di cucina a Dubai e Pechino, ed e’ il presentatore del programma televisivo “Flavors & Knowledge” in varie emittenti negli USA.

Inoltre Potenza ha ricevuto La Targa Insignia dai Presidenti Scalfaro (1999) e Napolitano (2009), le 5 stelle dall’ American Academy of Hospitality Sciences di New York dal sindaco Rudolph Giuliani ed a Berlino. Selezionato come uno dei 24 Chefs alle Olimpiadi Invernali di Salt Lake City (2001) Vancouver (2006) e Torino (2010). Nel 2007 Chef Walter e’ stato insignito da Hillary Clinton come cittadino onorario della Citta’ di Niagara Falls per il contributo offerto nella promozione della cucina Italiana in Western New York State. Nel 2010 ha ricevuto il titolo di Cavaliere del Casato Savoia, Maestro di Cucina dall’Associazione Professionale Cuochi Italiani (APCI), e dall’Academia Barilla (ICMC). Ha scritto numerosi libri ed anche sulla Cucina Ebraica Italiana (19 Ghetti) dopo il 1500.
 
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner