Il Prosciutto di Parma contro i falsari

Condannati alcuni commercianti di prodotti alimentari campani

04/03/2013

Il Prosciutto di Parma contro i falsari

Parma, 4 marzo 2013 – Una sentenza esemplare quella ottenuta dal Consorzio del Prosciutto di Parma contro alcuni commercianti di prodotti alimentari campani che apponevano marchi falsi su prosciutti non genuini. Una condanna a due anni e sei mesi di reclusione, una multa di 6.000€ e altri 6.000€ per le spese processuali sostenute dal Consorzio che riceverà inoltre un risarcimento per i danni provocati all’immagine della DOP stabilito dal giudice civile in via provisionale pari a 15.000€

Frode in commercio, contraffazione del marchio e ricettazione i reati contestati

L’azione, risalente al 2005, è stata condotta dagli ispettori dell’Ufficio Affari Legali e Vigilanza del Consorzio congiuntamente alla Guardia di Finanza che hanno sequestrato circa 50 prosciutti contraffatti. L’oggetto della contraffazione è la “corona ducale”, il noto marchio a fuoco che contraddistingue il Prosciutto di Parma originale.

Il Consorzio e in particolare i nostri ispettori svolgono costantemente numerose azioni di contrasto per combattere l’agropirateria investendo tra l’altro molte risorse – ha commentato Federico Desimoni, vice direttore e responsabiledell’Ufficio Affari Legali e Vigilanza del Consorzio– ma non sempre sono sufficienti a fronteggiare adeguatamente questi fenomeni in tutti i Paesi del mondo. Questa sentenza è indubbiamente un risultato importante che riconosce il nostro operato e salvaguarda l’eccellenza del Prosciutto di Parma, ma riteniamo che sia necessario lavorare a livello comunitario con le altre DOP e sostenerci a vicenda per tutelare i prodotti di qualità anche agli occhi del consumatore.

Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner