Il Rosato tipologia enologica più forte della crisi

Nel 2012 nella distribuzione moderna meglio di Bianco e Rosso

04/05/2013

Il Rosato tipologia enologica più forte della crisi

Bari, 4 maggio 2013. Vino Rosato più forte della crisi. Nel 2012, a fronte di un calo del 3,2% nelle quantità di vino vendute nella distribuzione moderna (ipermercati, supermercati e libero servizio) rispetto al 2011, il Rosato regge, facendo registrare una crescita delle vendite di etichette IGP dell’1,9% (per un totale di 120.000 ettolitri) e una sostanziale parità nel segmento DOP (poco più di 44.000 gli ettolitri venduti). Va ancora meglio per i Rosati nei valori delle vendite che segnano una crescita sul 2011 del 6,7% per i DOP (per 15,5 milioni di euro) e 6,1% per gli IGT (quasi 32 milioni di euro), performance triple rispetto a quella del vino in generale che ha registrato una crescita del 2% nel valore delle vendite.


Se questi dati testimoniano l’apprezzamento dei consumatori nei confronti di questa tipologia enologica, si assiste a un interesse crescente anche da parte dei produttori; sono, infatti, 292 le cantine in rappresentanza di 20 Regioni e 68 province per circa 370 etichette che stanno partecipando alle selezioni del secondo Concorso nazionale enologico dei vini Rosati, promosso dall’assessorato alle Risorse agro-alimentari della Regione Puglia, in partenariato con Assoenologi, Accademia Italiana della Vite e del Vino e Unioncamere Puglia e autorizzato dal Ministero delle Politiche Agricole.

Superati, dunque, i numeri dell’anno scorso quando a partecipare furono 280 cantine in rappresentanza di 18 regioni e 65 province; sottoposti al giudizio di una giuria composta dai maggiori esperti, enologi e giornalisti enogastronomici italiani, saranno 18 i vini Rosati tranquilli, frizzanti e spumanti a essere premiati con medaglie il prossimo 18 maggio a Otranto e in seguito valorizzati dalla Regione Puglia che li promuoverà in diverse manifestazioni in Italia e all’estero.

«Era difficile fare meglio dello scorso anno – ha spiegato Fabrizio Nardoni, assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia - ma una squadra rodata come quella dell’Assessorato che ho l’onore di guidare, è riuscita a sfidare la crisi e a rendere l’edizione 2013 ancora più ricca di cantine, cosa che da lustro alla seconda edizione di questo concorso nazionale». «Concorso – ha ribadito l’esponente della Giunta regionale che siede anche al tavolo nazionale della Conferenza Stato-Regioni come coordinatore degli assessori all’agricoltura di tutte le Regioni e Province autonome italiane – che riesce a essere punto di confronto e promozione svolgendo anche un ruolo per certi aspetti sussidiario a quello del MIPAAF nell’importante compito di valorizzazione dell’enologia italiana. Una responsabilità che lo scorso anno il senatore Dario Stefano e quest’anno io, abbiamo inteso assumere con passione consapevoli di quanto questo appuntamento possa trasformarsi in un’importante occasione di rilancio per il comparto che ci vede grandi produttori e sempre più di qualità».

«Il vino rosato – ha sottolineato Giuseppe Martelli, direttore generale dell’Associazione Italiana Enologi ed Enotecnici - è un prodotto molto complesso e tecnicamente la sua produzione non è certamente facile. Da qui la grande eterogeneità dei prodotti oggi sul mercato dove la Puglia ha un ruolo di primaria importanza visto che le caratteristiche di alcuni dei suoi vitigni autoctoni li rendono ideali per la produzione dei rosati. Sicuramente gli alti livelli qualitativi oggi raggiunti li si deve alla lungimiranza degli imprenditori e alla professionalità degli enologi pugliesi».

In prima linea nel valorizzare questo importante comparto vinicolo italiano, al quale la Puglia contribuisce con il 40% del totale della produzione, la Regione Puglia continuerà ad investire in questo percorso di promozione del Rosè, avviato dal senatore Dario Stefàno, ex assessore al ramo e artefice lo scorso anno della nascita dell’iniziativa.

***

Prima edizione Concorso enologico Vini Rosati: Abruzzo e Veneto i vini più rosati (INformaCIBO 2012)

Un successo per 200 rosati e per i prodotti pugliesi alla Mostra del Cinema di Venezia (INformaCIBO 2012)

Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner