Il VI Congresso mondiale della World Association of Agronomists a Expo dal 14 al 18 settembre

Agronomi, una carta mondiale dei principi per nutrire il Pianeta

09/09/2015

Il VI Congresso mondiale della World Association of Agronomists a Expo dal 14 al 18 settembre
Milano Expo 2015. Attesi a Milano oltre 800 partecipanti da tutto il mondo con 48 tavoli di lavoro dislocati in altrettanti padiglioni dei Paesi e dei partecipanti ufficiali.
Una Carta mondiale dei principi che pone limiti etici alla ricerca agronomica per ridurre la pressione dell'uomo sull'ambiente e misurare il livello di benessere della Terra nel corso del tempo.
E' quanto sarà redatto dalla World Association of Agronomists, l’associazione che raccoglie oltre 380mila agronomi in tutto il mondo, in occasione del VI Congresso mondiale degli agronomi in programma a Expo Milano dal 14 al 18 settembre e dal titolo “Cibo e identità”.

La Carta dell’Agronomo è il documento che sarà consegnato nella mani del Ministro per le politiche agricole, alimentari e forestali Maurizio Martina come contributo tecnico e professionale alla Carta di Milano, a conclusione della cinque giorni all’interno dell’Esposizione Universale con lo svolgimento di 48 tavoli di lavoro e il coinvolgimento di 48 tra Paesi e partecipanti ufficiali di Expo.
«L’obiettivo finale – spiega Andrea Sisti, presidente CONAF e participant director WAA – è formulare una Carta dei principi della governance (pianificazione, progettazione e monitoraggio) della “Fattoria Globale” utile per il confronto professionale e scientifico, ma soprattutto utile alle comunità locali e ai cittadini consumatori del mondo».

Il VI Congresso Mondiale
I lavori si svolgeranno sotto il coordinamento del Comitato Accademico internazionale per il programma. Il congresso si articola in cinque giornate, nella prima verrà presentato il manifesto del VI Congresso, nella seconda, le relazioni delle autorità, degli specialisti e dei coordinatori delle sei sessioni. Per ogni sessione sono stati individuati sei coordinatori che avranno il compito di redigere la carta dell’agronomo mondiale da portare all’approvazione dell’Assemblea dell’AMIA. La terza giornata le sei sessioni articolate ciascuna per otto tavoli verranno associate a 48 Paesi partecipanti ad EXPO che hanno trattato temi similari. In questa giornata il tavolo di lavoro ospitato da Paese sarà una vera e propria delegazione che articolerà i propri lavori con ospiti e personalità. Il tavolo di lavoro sarà costituito da un coordinatore, da un rappresentante WAA, da un rapporteur, da ospiti nazionali, internazionali e agronomi iscritti al Congresso per un massimo di 15-18 partecipanti. La quarta giornata prevede la redazione della Carta mondiale dell’agronomo mentre per gli altri partecipanti le visite guidate ai padiglioni EXPO attraverso i volontari agronomi. Nel pomeriggio seguirà l’assemblea WAA con l’approvazione della Carta e l’elezione del nuovo Presidente mondiale. A seguire la cena di gala. La giornata conclusiva coinciderà anche con il National Day in EXPO dell’Associazione Mondiale degli agronomi.
In questa giornata verrà presentata la Carta dell’Agronomo Mondiale e verrà sottoscritta la Carta di Milano. «Quello che si sta per aprire sarà un congresso con numeri record per la nostra categoria – spiega Rosanna Zari, vice presidente CONAF e communication manager WAA – raggiungeremo, infatti, gli 800 partecipanti provenienti da ogni parte del mondo con particolare riferimento all’Europa e al Sud America. Così come è straordinaria l’adesione da parte dei 48 Paesi di Expo al nostro progetto che consentirà, nei cinque giorni, di avviare un confronto fondamentale su temi di interesse per il Pianeta».

Le sessioni di lavoro Biodiversità e miglioramento genetico
La biodiversità ed il miglioramento genetico rappresentano l’indicatore per la misura della complessità ecosistemica di una Fattoria. Misurano le criticità della semplificazione dei processi produttivi, della monospecificità delle scelte agronomiche, dell’uso delle risorse genetiche modificate. Sostenibilità e produttività La sostenibilità e la produttività rappresentano l’indicatore dell’efficienza dell’uso delle risorse naturali ed antropiche di una Fattoria. La valutazione dell’efficienza si basa sulla contabilizzazione della produzione in rapporto al consumo di risorse. Sviluppo e identità locale Lo sviluppo e l’identità locale rappresentano l’indicatore dell’organizzazione territoriale dei processi produttivi. La rilevanza delle modifiche antropiche determina la riconoscibilità paesaggistica, la perdita di suolo, le relazioni di comunità. Alimentazione e scarti alimentari Il rapporto tra quanto prodotto e quanto utilizzato a scopi alimentari rappresenta l’indicatore dell’efficienza produttiva della Fattoria. Infatti la bontà della filiera agroalimentare si valuta rispetto al rapporto produzione-consumo riferito ai diversi ambiti culturali. Cambiamenti climatici e territori di produzione L’adattabilità delle colture all’ambiente di produzione è l’indicatore dell’efficienza dei territori di produzione ai cambiamenti climatici. La resilienza delle colture ai cambiamenti climatici rappresenta la capacità di perpetuazione della produzione agricola. Cultura progettuale e responsabilità sociale Senza la cultura progettuale dell’agronomo e l’assunzione di un elevato grado di responsabilità sociale nelle sue scelte non si promuove lo sviluppo sostenibile: le buone pratiche professionali, l’applicazione di nuove tecnologie, la definizione di standard professionali sono risposte concrete al miglioramento del sistema produttivo a livello globale.

Gli agronomi in Expo
Gli agronomi hanno voluto sviluppare questi grandi temi di discussione nel contesto del Padiglione della Fattoria Globale 2.0 (pad. 142) per evidenziare le migliori pratiche ma soprattutto la comparazione nei diversi contesti territoriali dei flussi di innovazione e del loro trasferimento, le modalità di produzione di cibo in relazione al proprio territorio per verificare nel contempo la crescita sostenibile delle comunità locali. Dove il ruolo dell’agronomo e della sua professione appare determinante nella costruzione di questa rete. Sono stati trattati i temi sia dal punto di vista scientifico ma soprattutto dal punto di vista professionale, con particolare riferimento all'aspetto reale della produzione di cibo e dei modelli organizzativi aziendali.

Gli agronomi nel mondo
Nel mondo, operano 380mila agronomi. Qual è il loro ruolo? Progettare il cibo, assistere le aziende sulla sicurezza alimentare e ambientale, organizzare il lavoro agricolo in modo da assicurare la disponibilità delle risorse nel tempo. Possiamo quindi dire che si tratta di una figura professionale chiave per garantire il nutrimento del Pianeta. Per questo l’Associazione mondiale degli agronomi (WAA -World Association of Agronomists), attraverso Conaf-Consiglio dell'Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali, è presente a Expo Milano 2015 come esponente della Società Civile.

Tutte le info e la diretta streaming del congresso mondiale su:
http://congress.worldagronomistsassociation.org/ e http://expo.worldagronomistsassociation.org

VI Congresso Mondiale degli Agronomi

CIBO ed IDENTITA’ – 14/18 settembre 2015

Expo 2015 Milano

Lunedì 14 settembre

EXPOGATE – MILANO, piazza CASTELLO  

ORE 18,00 - Cocktail di Benvenuto

ORE 20,30 - Presentazione del Manifesto del VI Congresso Mondiale Agronomi – EXPO2015

Martedì 15 settembre

Auditorium - Expo

Ore 10,30 - APERTURA VI CONGRESSO MONDIALE AGRONOMI

Saluti delle autorità e interventi

Ore 15,00 Presentazione organizzazione congresso mondiale e dei lavori dei giorni seguenti

Ore 15,15 – Relazioni coordinatore sessione 1 - Gialla

Biodiversità e miglioramento genetico

Ore 15,35 - Relazioni coordinatore sessione 2 – Blu

Sostenibilità e produttività

Ore 15,55 - Relazioni coordinatore sessione 3 - Rossa

Sviluppo e identità locale

Ore 16,15 - Relazioni coordinatore sessione 4 - Arancio

Nutrizione e scarti alimentari

Ore 16,35 - Relazioni coordinatore sessione 5 - Nero

Cultura del progetto e della responsabilità sociale

Ore 16,55 - Relazioni coordinatore sessione 6 - Marrone

Il cambiamento climatico e la Zona di produzione

Ore 17,30 chiusura dei lavori

Mercoledì 16 settembre

Auditorium e Padiglioni Expo

ORE 11.30 Apertura lavori

Fra l’Auditorium e i Padiglioni di Expo si svilupperanno le 6 Sessioni in 8 tavoli di lavoro per ciascuna sessione. Parteciperanno agronomi provenienti da tutto il mondo, rappresentanti dei padiglioni di Expo, delle istituzioni e addetti ai lavori.

Ore 17 –Chiusura lavori

Giovedì 17 settembre

Ore 11.30 - Visita guidata in EXPO per tutti i partecipanti

Ore 11. 30 – Padiglione Agronomi : lavori per la definizione della Carta Mondiale dell’ Agronomo,

Ore 17.00 - Assemblea World Association of Agronomists

Ore 21,30 - Cena di Gala


Venerdì 18 Settembre

Auditorium

NATIONAL DAY WORLD ASSOCIATION OF AGRONOMISTS

ORE 10,30 – Apertura lavori

  • Saluto delle autorità

  • Relazione past-president World Association of Agronomists – Maria Cruz Diaz Alvarez

  • Relazione presidente paese ospitante VII Congresso mondiale degli Agronomi

  • Conclusioni del presidente della World Association of Agronomists

  • Presentazione Carta degli Agronomi – Expo 2015 Milano

  • Sfilata da Auditorium a Padiglione Fattoria Globale Expo 2015

  • Inno e spettacolo sbandieratori

  • Ore 13,00 Chiusura VI Congresso mondiale

Pomeriggio: Festa degli Agronomi al padiglione La Fattoria Globale del Futuro

Tag: Expo 2015

Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner