KoelnMesse Italia, Fiere di Parma e Federalimentare ancora insieme a Thaifex e AnuFood China

Più forte la collaborazione fra Anuga e Cibus (Fiere di Parma e Federalimentare).

02/03/2016

KoelnMesse Italia, Fiere di Parma e Federalimentare ancora insieme a Thaifex e AnuFood China
Parma febbraio 2016. Prosegue la collaborazione fra Koelnmesse Italia, Fiere di Parma e Federalimentare per garantire alle imprese italiane del Food&Beverage l’opportunità di accedere in modo semplice ed efficace ai più importanti mercati del mondo.

“Una partnership per la globalizzazione che ci sta portando molto lontano”, ha commentato a questo proposito Thomas Rosolia, amministratore delegato Koelnmesse Italia. “Insieme abbiamo saputo trasformare quella che poteva sembrare una collaborazione occasionale in una alleanza strategica, grazie alla quale proporre alle imprese del “Made in Italy” un vero e proprio network di appuntamenti di successo”.

“Il nostro know-how, le professionalità, l’esperienza maturata in eventi di lunga tradizione e grande successo, come Anuga a Colonia e Cibus a Parma, ci permettono oggi di supportare concretamente i nostri espositori, di accompagnarli nelle piattaforme fieristiche internazionali consolidate, di metterli nelle condizioni migliori per aprire le porte di nuovi mercati”, ha aggiunto Antonio Cellie, amministratore delegato Fiere di Parma.

"Quest’alleanza con le due fiere leader del Food costituisce un canale privilegiato per veicolare la cultura alimentare italiana nel mondo ed esportare il modello “Made in Italy” all’estero – ha commentato Luigi Pio Scordamaglia, presidente di Federalimentare – aprendo all’industria alimentare del nostro Paese mercati strategici ancora poco presidiati e permettendo di raggiungere in modo diretto un gruppo di consumatori distanti per gusti e abitudini”. E prosegue: "Una partnership per la globalizzazione che non deve perdere di vista la vera mission delle nostre fiere e della nostra dederazione: essere al servizio delle aziende italiane".

E la macchina è già in moto per le sfide che gli organizzatori di Anuga e Cibus affronteranno insieme nei prossimi mesi. Il primo appuntamento sarà a Bangkok, dal 25 al 29 maggio, per l’edizione 2016 di Thaifex-World of Food Asia, un evento che è oramai un “must” per tutti coloro che si occupano di agroalimentare nel Sud-est asiatico. Per la quarta volta a Thaifex verrà organizzata una “Area italiana” che, a oggi, ospiterà 25 imprese su una superficie di oltre 400 metri quadrati, grazie anche al concreto supporto sul fronte dell’incoming di ICE-Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane.
Molti i marchi di riferimento presenti in questo spazio – fra cui Ambrosi, Auchan, Dolfin, Inalca Food&Beverage, San Carlo Europe, Wal-cor Corsanini – e le iniziative programmate per evidenziare la presenza del “Made in Italy”, fra cui una serata di networking fra gli espositori italiani e le delegazioni di buyer invitate.

Una presenza importante in una rassegna in costante crescita, che nel 2015 ha richiamato 35mila operatori in visita e che, nel 2016, si presenterà con un nuovo lay-out su 80mila metri quadrati di superficie espositiva, ben 20mila in più della precedente edizione, nei quali esporranno 1.800 aziende da 34 Paesi in quattrodici differenti aree tematiche.

Il secondo appuntamento sarà dal 16 al 18 novembre a Pechino per AnuFood China-powered by Anuga (ex World of Food Beijing), un cambio di nome che vuole significare il rinnovato impegno in quello che è il più importante appuntamento per la filiera nel nord della Cina, oltre a rappresentare la rete di eventi “powered by Anuga” nel mondo.
Anche qui Fiere di Parma, Federalimentare e Koelnmesse Italia organizzano, per la terza volta, una importante collettiva italiana per agevolare la presenza di tutte le aziende italiane interessate.

Per AnuFood China è stata scelta una nuova location, il China International Exhibition Center: 26mila metri quadrati di esposizione, strutturati in dieci saloni tematici, a cui si aggiungono 12mila dedicati a eventi, seminari e opportunità di business-matching che permetteranno agli espositori italiani di approfondire la loro conoscenza di questo mercato e di stabilire nuove relazioni.
L’ultima edizione, che si è conclusa lo scorso 20 novembre, ha occupato complessivamente 35mila metri quadrati e ha visto la presenza di 607 espositori da 34 Paesi e di 23,269 visitatori, di cui il 45 per cento stranieri.
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner