La guida essenziale dei vini italiani 2017 di Daniele Cernilli

12/10/2016

La guida essenziale dei vini italiani 2017 di Daniele Cernilli
Il Doctor Wine, alias Daniele Cernilli, ha presentato a Milano la terza edizione, della <Guida Essenziale ai Vini d’Italia 2017” (11 premi speciali, 210 faccini, 90 Tre Stelle).

Dopo le prime due edizioni edite da Mondadorì sarà la <Doctor Wine> a curare la distribuzione di questa edizione che è stata presentata con grande successo sabato scorso all'hotel Principe di Savoia.

“Quest’anno abbiamo deciso, di comune accordo, di separare i nostri destini”, ha affermato Daniele Cernilli.
E così l'anno 2016 vede l’esordio sul mercato di DoctorWine (MD Comunication) anche in veste di editore di libri cartacei, oltre che del sito omonimo http://www.doctorwine.it

Successo alla presentazione di Milano
Una sala piena di produttori e di giornalisti hanno fatto da cornice alla brillante presentazione di Cernilli che insieme ad un gruppo di bravi degustatori gira per Anteprime e Fiere del vino per selezionare le migliori etichette da recensire e inserire nella Guida.

Stefania Vinciguerra, presente a Milano con tutti i numerosi collaboratori, è la curatrice della Guida.

Dopo Milano (erano presenti ben 133 aziende per la degustazione) il prossimo appuntamento sarà Roma il 23 Ottobre all’Hotel Parco dei Principi con la degustazione che sarà preceduta da una Conferenza Stampa.

I caratteri della Guida
Si tratta di una guida molto differente dalle altre in commercio. È diversa nella sua essenzialità, infatti non è la completezza enciclopedica il suo obiettivo ma la presentazione e selezione di cantine e di vini di valore.
Il sistema di valutazione è avvenuto su tre livelli. Uno è quello aziendale, con un punteggio che va da zero a tre stelle. Uno è qualitativo su ogni singolo vino, ed è espresso in centesimi. Il terzo è sul rapporto qualità/prezzo, ed è espresso con il simbolo della pollice alzato, il famoso like, in pratica.

220 "Faccini" di DoctorWine (cioè vini con un punteggio superiore ai 95/100)
La regione con più Faccini è la Toscana (51) seguita da Piemonte (42), Veneto (20), Friuli Venezia Giulia (18), Alto Adige (14), Marche (12), Sicilia (11), Campania (10), Sardegna (7), Puglia (6), Lazio e Lombardia (5), Abruzzo, Emilia Romagna, Trentino e Umbria (4) e infine Basilicata e Calabria con un Faccino l’una.
I produttori e i giornalisti durante la presentazione della Guida
Nel corso della presentazione/premiazione sono stati annunciati i produttori italiani che hanno ottenuto le tre stelle, il massimo possibile: sono 90.
  • ·         Allegrini, Veneto
  • ·         Elio Altare, Piemonte
  • ·         Antinori, Toscana
  • ·         Antoniolo, Piemonte
  • ·         Argiolas, Sardegna
  • ·         Barone Ricasoli - Castello di Brolio, Toscana
  • ·         Bellavista, Lombardia
  • ·         Bertani, Veneto
  • ·         Biondi Santi - Tenuta Il Greppo, Toscana
  • ·         Borgogno, Piemonte
  • ·         Brovia, Piemonte
  • ·         Bucci, Marche
  • ·         Ca’ del Bosco, Lombardia
  • ·         Cantina San Michele Appiano, Alto Adige
  • ·         Cantina Terlano / Terlan, Alto Adige
  • ·         Cantine Ferrari, Trentino
  • ·         Capezzana, Toscana (new entry)
  • ·         Arnaldo Caprai, Umbria
  • ·         Casanova di Neri, Toscana
  • ·         Castel Juval Unterortl, Alto Adige
  • ·         Castellare di Castellina, Toscana
  • ·         Castello della Sala, Umbria
  • ·         Castello di Ama, Toscana
  • ·         Castello di Fonterutoli, Toscana
  • ·         Castello di Monsanto, Toscana
  • ·         Cerbaiona, Toscana
  • ·         Còlpetrone, Umbria
  • ·         Giacomo Conterno, Piemonte
  • ·         Coppo, Piemonte
  • ·         Cottanera, Sicilia
  • ·         Cusumano, Sicilia
  • ·         Romano Dal Forno, Veneto
  • ·         Marco De Bartoli, Sicilia
  • ·         Falesco, Lazio
  • ·         Fattoria Zerbina, Emilia Romagna
  • ·         Livio Felluga, Friuli Venezia Giulia
  • ·         Gianfranco Fino, Puglia
  • ·         Fontanafredda, Piemonte (new entry)
  • ·         Fontodi, Toscana
  • ·         Gabbas, Sardegna
  • ·         Gaja, Piemonte
  • ·         Gioacchino Garofoli, Marche
  • ·         Bruno Giacosa, Piemonte
  • ·         Elio Grasso, Piemonte
  • ·         Gravner, Friuli Venezia Giulia
  • ·         Il Pollenza, Marche
  • ·         Illuminati, Abruzzo
  • ·         Isole e Olena, Toscana
  • ·         Jermann, Friuli Venezia Giulia
  • ·         Köfererhof, Alto Adige
  • ·         Lungarotti, Umbria
  • ·         Bartolo Mascarello, Piemonte
  • ·         Masciarelli, Abruzzo
  • ·         Masi - Serego Alighieri, Veneto
  • ·         Massolino, Piemonte
  • ·         Mastroberardino, Campania
  • ·         Miani, Friuli Venezia Giulia
  • ·         Monsupello, Lombardia
  • ·         Montevetrano, Campania
  • ·         Muri-Gries, Alto Adige
  • ·         Nino Negri, Lombardia
  • ·         Oasi degli Angeli, Marche
  • ·         Palari, Sicilia
  • ·         Pieropan, Veneto
  • ·         Pietracupa, Campania
  • ·         Pio Cesare, Piemonte
  • ·         Planeta, Sicilia
  • ·         Poggio di Sotto, Toscana
  • ·         Poliziano, Toscana
  • ·         Produttori del Barbaresco, Piemonte
  • ·         Querciabella, Toscana
  • ·         Giuseppe Quintarelli, Veneto
  • ·         Roagna I Paglieri, Piemonte
  • ·         San Leonardo, Trentino
  • ·         San Patrignano, Emilia Romagna
  • ·         Luciano Sandrone, Piemonte
  • ·         Schiopetto, Friuli Venezia Giulia
  • ·         Tasca d’Almerita, Sicilia
  • ·         Tenuta dell’Ornellaia, Toscana
  • ·         Tenuta San Guido, Toscana
  • ·         Tenuta Sette Ponti, Toscana
  • ·         Franco Toros, Friuli Venezia Giulia (new entry)
  • ·         Umani Ronchi, Marche
  • ·         Valentini, Abruzzo
  • ·         Venica & Venica, Friuli Venezia Giulia (new entry)
  • ·         Vie di Romans, Friuli Venezia Giulia
  • ·         Vietti, Piemonte
  • ·         Roberto Voerzio, Piemonte
  • ·         Volpe Pasini, Friuli Venezia Giulia
  • ·         Elena Walch, Alto Adige

Ma ci sono stati anche dei premi speciali:
  • ·         Vino rosso dell’anno: Taurasi Riserva 2007, Perillo, Campania
  • ·         Vino bianco dell’anno: Castelli di Jesi Verdicchio Riserva Classico Villa Bucci 2013, Bucci, Marche
  • ·         Vino vivace dell’anno: Trentodoc Giulio Ferrari Riserva del Fondatore 2005, Cantine Ferrari, Trentino
  • ·         Vino dolce dell’anno: Vecchio Samperi, Marco De Bartoli, Sicilia
  • ·         Vino dal miglior rapporto qualità/prezzo: Tellus Syrah 2015, Falesco, Lazio
  • ·         Premio qualità diffusa: Chianti Classico Gran Selezione Riserva Ducale Oro, Ruffino, Toscana
  • ·         Azienda dell’anno: Cantina Terlano / Terlan, Alto Adige
  • ·         Il produttore emergente: Vallepicciola, Toscana
  • ·         Premio cooperazione: Cavit, Trentino
  • ·         L’enologo dell’anno: Dottor Lorenzo Landi
  • ·         Premio vitienologia compatibile: Professor Attilio Scienza
La guida essenziale dei vini italiani 2017 di Daniele Cernilli

Questi i numeri della guida:

979 Cantine selezionate
2.436 Vini recensiti

220 "Faccini" di DoctorWine (cioè vini con un punteggio superiore ai 95/100), di cui:

5 vini con 99/100
11 vini con 98/100
33 vini con 97/100
62 vini con 96/100
109 vini con 95/100
11 Premi Speciali
90 Cantine premiate con 3 stelle

Come lo scorso anno, insieme all'edizione italiana, è disponibile anche l'edizione in inglese, stesso prezzo di copertina.

Guida Essenziale ai Vini d’Italia 2017
di Daniele Cernilli - DoctorWine

Pagine 582
Prezzo di copertina 15 Euro

Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner