La guida "Vinibuoni d'Italia 2013" del Touring compie dieci anni

Sarà presentata a Merano International Winefestival il prossimo 10 novembre

13/11/2012

La guida "Vinibuoni d'Italia 2013" del Touring compie dieci anni

La Guida Vinibuoni d’Italia, curata da Mario Busso e Luigi Cremona, con l’edizione 2013, compie dieci anni e di strada ne ha percorsa parecchia.

Nel 2004 l’internazionalizzazione dei vitigni stava ridisegnando il vigneto Italia e si stava perdendo un patrimonio di cultura e di colture di cui il Paese era depositario.

Allora parlare di vitigni autoctoni imponeva alla critica di settore una svolta ed una rottura verso gli indirizzi ideologici che provenivano in particolare dall’America, dove i valori di riferimento del giornalismo di settore riconoscevano nel Cabernet, nel Merlot, nel Pinot, nello Chardonnay e nel Sauvignon una sorta di monopolio qualitativo indiscutibile.

I vini che la critica osannava erano molto strutturati, spesso omologati nelle spezie e nelle vaniglie regalate dall’uso dei piccoli legni, ma ben poco riconoscibili nei loro riferimenti ai vitigni e ai loro territori di origine.


Vinibuoni d’Italia fu la prima Guida ad intraprendere un cammino in controtendenza

Quel primo anno vennero degustati poco più di 6 mila vini.

“In questi ultimi dieci anni le cose sono cambiate e -afferma Mario Busso, curatore nazionale della guida Vinibuoni d’Italia- i vini in degustazione per le selezioni sono più che quadruplicati. I produttori hanno preso coscienza dell’enorme tesoro rappresentato dai vitigni tramandati dal passato; hanno capito che dietro alla qualità del vino occorre raccontare il territorio e la cultura che ad esso si lega: gli interpreti di tale connubio sono i vini da vitigni autoctoni. Per rafforzare questo legame sono state svolte e sono tuttora in atto ricerche e sperimentazioni per fare esprimere al vino la sua corrispondenza con il vitigno e con il territorio in cui si origina; sono state tralasciate le grandi strutture e le corazzate corposità, per puntare sulla finezza e sull’eleganza, privilegiando nel vino la piacevolezza di beva e la fragranza. Caratteristiche che, fin dal suo nascere, Vinibuoni d’Italia pose come parametri di valutazione aggiunti all’intrinseca qualità organolettica del vino”.

“Oggi -conclude Busso- siamo fieri del percorso indicato perché il piccolo sentiero di dieci anni or sono è la via maestra che sta percorrendo l’enologia italiana. Quella che dieci anni fa sembrava un’impresa impossibile si è tradotta in un successo editoriale di cui vanno fieri tutti i collaboratori della Guida”.

Per caratterizzare in modo più concreto il radicamento che la guida ha con il territorio, proprio partendo da Merano International Winefestival, la guida svilupperà un programma di iniziative territoriali per avvicinare e conoscere meglio i produttori e i loro vini e per premiare quelle realtà che in questa edizione si sono particolarmente distinte.

La presentazione alla stampa e la premiazione delle aziende si svolgerà durante il Merano International Winefestival al teatro Puccini a Merano sabato 10 Novembre alle ore 10,30. Seguirà alle 12,30 un ricco buffet con la degustazione di oltre 500 tipologie di vini da vitigni autoctoni e spumanti metodo classico premiati con la Corona e con la Golden Star.


 

VINIBUONI D’ITALIA 2013 10 ANNI D’IMPEGNO E DI SUCCESSI

curata da Mario Busso e Luigi Cremona

TOURING EDITORE

 

img1.gifL’unica Guida italiana dedicata esclusivamente ai vini da vitigni autoctoni

Nella nuova edizione i vini dell’Istria Croata e della Primorska Slovena e gli Spumanti Metodo Classico selezionati da Onav.

Ispirata alla tradizione enologica italiana e volta a valorizzare le radici locali, il territorio e la tipicità, la guida dà un segnale preciso ai consumatori e al mercato (italiano ed estero), che apprezza sempre più i livelli qualitativi e il rapporto qualità-prezzo che gli autoctoni esprimono.


Le novità dell’edizione 2013

Vinibuoni d’Italia anche quest’anno ospita i vini della vicina Istria croata e, novità, anche quelli della Primorska slovena, ovvero i vini del Collio e del Carso Sloveno, di Vipacco e di Fiume a riconoscimento del grande lavoro che i vignaioli di oltrefrontiera, croati e sloveni, stanno portando avanti sui vitigni autoctoni, esattamente come fanno le aziende italiane.

Inoltre, per il secondo anno, è presente la sezione dedicata agli Spumanti Italiani Metodo Classico curata dall’Onav (Organizzazione Nazionale Assaggiatori Vino).


I riconoscimenti dell’edizione 2013

Tra i 4278 vini presenti in Guida, alcuni sono stati riconosciuti meritevoli di riconoscimenti particolari: 

  • 275 i vini che hanno ottenuto la Corona: massimo riconoscimento per i vini top dell’eccellenza, scelti con voto palese di maggioranza nella sessione finale di degustazione a commissioni riunite su scala nazionale.

  • 294 i vini che hanno ottenuto la Golden Star: secondo massimo riconoscimento per i vini che hanno espresso eleganza, finezza, equilibrio, qualità e precisa espressione del varietale e del territorio.

  • 221 i vini da non perdere: vini di particolare pregio che le commissioni regionali hanno voluto mettere in risalto, dedicando loro un’apposita sezione della Guida.


Il processo di selezione dei vini e le finali pubbliche

Per il quinto anno le finali per l’attribuzione delle Corone si sono svolte in sessione pubblica, aperta non solo alla stampa e agli operatori, ma anche ai semplici appassionati. Le finali si sono svolte a Buttrio, grazie alla collaborazione del Comune e dell’Ersa, l’Agenzia Regionale per lo sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia. 

Novità assoluta, con l’iniziativa Oggi le corone le decido io”, quest’anno il pubblico, in parallelo con le commissioni di Vinibuoni d’Italia, ha potuto indicare con il proprio voto i vini che avrebbe inviato a Corona.

Alla selezione che ha portato alle finali hanno lavorato, a livello locale, 25 commissioni regionali di degustazione guidate da esperti sommelier e giornalisti di settore, che per un intero anno hanno degustato oltre 25.000 vini.


I temi forti dell’edizione 2013

• L’assegnazione delle Corone di Platino

L’edizione 2013 di Vinibuoni d’Italia celebra i dieci anni di attività della Guida. L’occasione ha suggerito alla Redazione l’opportunità di evidenziare e premiare le aziende che nel corso del decennio hanno dimostrato maggiore continuità nell’ottenere l’ambito riconoscimento della Corona che viene attribuito alle eccellenze vitivinicole italiane. 14 le aziende selezionate che riceveranno a Merano la Corona di Platino: Argiolas, Boscarelli, Bruno Giacosa, Cantina Produttori Bolzano, Cataldi Madonna Luigi, Icardi, La Crotta di Vegneron, La Scolca, Maffini Luigi, Montevertine, Poggio di Sotto, Roccolo Grassi, Tramin, Zidarich.

  • Rapporto vino - cibo - territorio  - I riflettori sono stati puntati su:
  • Le ricette tipiche di 21 grandi chef del Friuli Venezia Giulia, presentate e promosse in collaborazione con Ersa(Agenzia Regionale per lo Sviluppo Rurale del Friuli Venezia Giulia), partner ufficiale della guida Vinibuoni d’Italia 2013 e il Consorzio “Friuli via dei sapori”, con la presentazione degli abbinamenti tra i piatti e i vini tipici della regione.
  • Vino e salumi realizzato in collaborazione con Levoni: il corretto rapporto tra salumi, pani e vini tipici del territorio italiano.
  • Le ricette proposte da Grana Padano con l’utilizzo di alcuni prodotti Dop-Igp-Pat delle del paniere tradizionale delle regioni italiane.

 

• Il vino - i valori dell’ecosostenibilità - il Premio Ecofriendly 2013

In collaborazione con Verallia, azienda leader nella produzione di bottiglie e vasi in vetro per alimenti, particolarmente attenta al tema dello sviluppo sostenibile e all’innovazione, è stato assegnato il Premio Ecofriendly 2013 a sei aziende virtuose, ad un Consorzio e ad un Comune Italiano che si sono particolarmente distinti per il loro impegno.

Il premio Ecofriendly 2013 dedicato agli Organismi e Istituzioni che si sono distinti nell'impegno e nei progetti realizzati a favore della sostenibilità va: al Consorzio Tutela del Vino Nobile di Montepulciano e al Comune di Rovereto.

 

Le aziende che hanno ottenuto il premio Ecofriendly 2013 in collaborazione con Verallia sono:

• Alto Adige - Abbazia di Novacella

• Trentino - Cavit

• Veneto - Cantina di Soave

• Toscana - Villa Calcinaia

• Umbria - Arnaldo Caprai

• Sicilia - Planeta


• Premio Michele D’Innella

Il premio Michele D’Innella 2013 viene assegnato al giornalista Bruno Gambacorta autore e conduttore del programma televisivo Eat Parade per l'impegno profuso nella promozione della cultura enogastronomica italiana.

Titolo Vinibuoni d’Italia 2013

Pagine 768

Prezzo 22,00 euro


Vinibuoni d’Italia – Via Santo Stefano 59 – 12043 Canale - Tel. 0173 95699 – www.vinibuoni.it  

Le Guide 2013

Le Guide 2012

Le Guide 2011

Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner