La prima edizione dell'Italian Talent Award: tra i premiati, Tony May, Presidente dei ristoratori italiani in USA e proprietario del Ristorante San Domenico a New York

Tra i premiati, lo chef Massimo Bottura e la “Signora della liquirizia” Pina Amarelli

04/12/2014

La prima edizione dell'Italian Talent Award: tra i premiati, Tony May, Presidente dei ristoratori italiani in USA  e proprietario del  Ristorante San Domenico a New York

Roma 4 novembre 2014. Si è svolto martedì 2 dicembre a Roma, presso la nuova aula dei Gruppi Parlamentari della Camera dei Deputati, la premiazione della prima edizione dell’Italian Talent Award. Il riconoscimento, promosso da “Italian Talent Association”, intende premiare i rappresentanti dei media e alle eccellenze che più contribuiscono alla promozione dell’immagine, del life style e dell’enogastronomia Made in Italy nel mondo. L’iniziativa è patrocinata dal Ministero della Salute, dall’ICE, dalla Regione Lazio e dal Comune di Roma.

La targa del premio è stata scelta attraverso la selezione dei lavori di 200 talenti italiani scelti dal Ministero della Gioventù, ed è opera di Ludovica Cirillo, giovane designer laureata a Londra alla Cass London Met University.
Sono sei gli Italian Talent Award della prima edizione: quello per l’Italian Style è andato ad Anna Fendi, quello alla carriera a Bruno Vespa, quello internazionale a Tony May, Presidente dei ristoratori italiani in USA e proprietario del prestigioso Ristorante San Domenico a New York, menzione speciale “Made in Italy solidale” allo chef Massimo Bottura, e un riconoscimento anche alla “Signora della liquirizia” Pina Amarelli. Infine premi ITA sono stati consegnati anche ad alcune scuole superiori del settore alberghiero.

L’idea degli ITA è nata per portare l’attenzione su luci ed ombre del Made in Italy. L’informazione svolge un ruolo determinante nel far conoscere l’Italia e i suoi prodotti, e al tempo stesso è utile per smascherare i falsi nel design, nella moda e nel food. Dai dati Eurispes, il valore dell’export del comparto agroalimentare è di 3 miliardi di euro solo in USA, mentre l’Italian Sounding, che conta un giro d’affari di 60 miliardi nel mondo (24 in nord America e 26 in Europa e nel resto del mondo), danneggia consumatori spesso inconsapevoli, e almeno due prodotti su tre commercializzati all’estero come italiani sono contraffazioni.

Le aziende estere che utilizzano impropriamente segni distintivi e descrizioni informative e promozionali che si rifanno in qualche modo al nostro Paese, adottano tecniche di mercato che inducono i loro acquirenti ad attribuire ai prodotti caratteristiche di qualità italiana inesistenti, concorrendo slealmente nel mercato ed acquisendo un vantaggio competitivo rispetto alla concorrenza non solo del nostro Paese.

Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner