Lettera aperta al Presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi del Cuoco Ristoratore Matteo Scibilia sull'Expo

I problemi: la chiusura alle 22 di sera e il biglietto serale di 5 Euro

02/03/2015

Lettera aperta al Presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi  del Cuoco Ristoratore Matteo Scibilia sull'Expo
Caro Presidente, caro Matteo
Ci accomuna il nome, anche io mi chiamo Matteo ed ho avuto l’onore di conoscerti ad un evento gastronomico a Firenze, quando eri ancora sindaco, complice Aldo Cursano della Fipe.

Ho 60 anni.
Ho diversi incarichi di responsabilità nel settore.
Sono un Cuoco Ristoratore, quindi un piccolo imprenditore in provincia di Monza e Brianza, svolgo questo lavoro da oltre 30 anni, insegno Cucina in un Istituto di Salesiani qui nel territorio.
Sono stato premiato, unico Cuoco in Italia, dall’allora Ministro dei Beni Culturali, Lorenzo Ornaghi, con la medaglia d’argento del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, per meriti di Cultura e di Scuola, con particolare riferimento alla diffusione della cultura enogastronomica nel nostro paese.

Sono un po Berlusconiano per fede politica, non senza riconoscere al nostro Silvio alcuni errori di percorso.

Ti scrivo perché ho, abbiamo in tanti, qualche perplessità sull’evento Expo a Milano.
Da mesi, anzi dal momento che l’allora sindaco, Letizia Moratti, aveva comunicato che la città aveva avuto la meglio su Smirne, in tanti abbiamo creduto veramente ad una opportunità di sviluppo e di ripresa legata all’evento, in tanti ed anche tu hai fatto la tua parte, avete promosso l’Expo come una reale, possibile opportunità di “ lavoro “ almeno per Milano e dintorni, addirittura per tutto il paese.
Naturalmente giudico tutto ciò per una difesa del nostro settore dell’enogastronomia e del nostro Turismo, sapendo che obbiettare su Expo non è politically correct.

Oggi sul Corriere della Sera a firma di Elisabetta Soglio, un articolo che illustra quanto sta accadendo intorno all’evento Expo. Già come dice Carlin Petrini l’ombra di un evento senza anima ed in mano alle grosse multinazionali e già diffuso nel sentimento comune.

La chiusura alle 22 di sera, contrariamente a tutti gli altri Expo con chiusura alle 20.
Un biglietto serale di 5 Euro per facilitare l’entrata postpomeridiana per frequentare e godere degli oltre 130 ristoranti interni.
Se questo è l’Expo il mercato milanese non avrà nessun vantaggio e beneficio, anzi con l’offerta di 5 Euro rischiamo di perdere anche i nostri clienti normali.
Siamo molto increduli dinanzi a quanto sta avvenendo.
Cosa chiedo, cosa ti chiedo, certo di un giudizio comune alla totalità dei miei colleghi, probabilmente una cosa impossibile, caro Matteo, se vuoi che l’Expo sia ricordato come un evento memorabile deve chiudere alle 20 e permettere alle centinaia di migliaia di visitatori di spalmarsi sulle nostre attività.
Questo sì sarebbe una boccata di ossigeno per tutti.

P.S. l’Expo è già di per se un evento non facile, almeno il nostro, è dedicato al cibo.

Con affetto e stima.
Matteo Scibilia
Cuoco e Ristoratore
Ornago (MB)
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner