L'export dei salumi negli USA: a Parma il punto della situazione sulle novità normative

Venerdì 7 marzo presso la Camera di Commercio un importante incontro sul tema

06/03/2014

L'export dei salumi negli USA: a Parma il punto della situazione sulle novità normative

Parma 6 marzo 2014 - PNella capitale della Food Valley italiana, a Parma si terrò domani venerdì 7 marzo, presso la Camera di Commercio, un importante incontro sul tema delle esportazioni di prodotti a base di carne suina verso gli Stati Uniti, promosso da Assica, Consorzio del Prosciutto di Parma e Consorzio del Prosciutto di San Daniele.

Come noto, il venerdì è il giorno dedicato alle Commissioni Uniche Nazionali in Borsa merci, in cui la città emiliana diventa in centro focale della filiera suinicola. Ciò favorirà la presenza degli operatori del settore a un momento di confronto su uno dei temi più caldi per il comparto.

L’incontro sarà infatti l’occasione per chiarire i requisiti della nuova normativa voluta dal Ministero della Salute per garantire l’equivalenza dei sistemi di controllo nazionale e statunitense. Dallo scorso autunno sono in vigore misure che rendono difficoltoso per le aziende l’accesso al mercato americano ed è in atto una importante revisione dei regolamenti di esportazione che dovrebbe normalizzare a breve i flussi commerciali.
Il Convegno vedrà le Istituzioni in primo piano. Ministero della Salute, Regione Emilia-Romagna, Regione Lombardia, Regione Friuli Venezia Giulia saranno in prima fila nell’esporre le nuove regole per l’esportazione dei prodotti di salumeria verso gli Stati Uniti. L’argomento è molto importante e decisivo per la nostra economia. L’export è una fetta fondamentale del fatturato della aziende e compensa il difficile momento dei consumi interni.

L’export negli USA
Il settore dei salumi, che esporta oltre 1,1 miliardi di euro nel mondo ed è uno dei pilastri del Made in Italy alimentare, sta avendo significative difficoltà nelle sue esportazioni verso gli USA. In una situazione di mercato in cui i consumi interni dei nostri prodotti sono in preoccupante calo da ormai molti mesi, le esportazioni - soprattutto verso i Paesi terzi - costituiscono una risorsa vitale per il settore.
In particolare, gli USA rappresentano ormai un mercato insostituibile, giungendo in alcuni casi ad essere la principale destinazione per alcuni nostri prodotti (Prosciutti a Denominazione di Origine Protetta in primis), considerando anche i Paesi UE. Tenendo in considerazione tutti i prodotti della salumeria italiana, l'export verso gli USA nel 2012 è stato pari a 5.890 tonnellate (+21,5% rispetto al 2011) per un controvalore di 68,1 milioni di euro (+ 29,7%): questi dati fanno degli Stati Uniti il nostro primo partner commerciale extra UE.

Il programma dell’incontro
9:00 Registrazione dei partecipanti

9:15 Equivalenza dei sistemi di controllo pubblico statunitense e italiano: sintesi del percorso che ha portato all’emanazione delle nuove note ministeriali - BEATRICE CIORBA - Ministero della Salute
9:45 Il nuovo piano di sorveglianza per Listeria monocytogernes e Salmonella spp. L’attività di campionamento ufficiale da parte dei Servizi Veterinari - MARCO PIERANTONI - Regione Emilia-Romagna
11:00 Listeria monocytogenes: le nuove disposizioni ministeriali ed i relativi adempimenti aziendali
BEATRICE CIORBA - Ministero della Salute
MARCO PIERANTONI - Regione Emilia-Romagna
FILIPPO CASTOLDI - Regione Lombardia
12:00 Discussione
12:45 Le conclusioni saranno tratte da BEATRICE CIORBA del  Ministero della Salute


La locandina che annuncia un dibattito svoltosi nel 2013 promosso dal Consorzio del Prosciutto di Parma

Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner