Merano WineFestival: che la caccia abbia inizio

08/11/2017

Vademecum di sopravvivenza di Chiara Iasiuolo

 
Non siamo nella romantica campagna inglese dell’800, tra matrimoni combinati e il tè delle 5. Tuttavia qui ci sono tutti i tipici elementi di una battuta di caccia alla volpe, un po’ particolare a onor del vero. Il Maestro di Caccia -  o il cacciatore -  è il signor Koecher, mentre le prede, consapevoli e desiderose di essere cacciate in questo caso, sono le migliori case vitivinicole italiane e del mondo, 450 in totale (ma anche artigiani del gusto e chef).

Il risultato è The Wine Hunter Awards 2017, la guida di tutti i prodotti che hanno ottenuto il prestigioso riconoscimento, suddivisi nelle categorie Award ROSSO, GOLD e PLATINUM.

Siamo dunque Merano in occasione della XXVI edizione del Merano WineFestival, in programma dal 10 al 14 novembre con un ricco calendario di iniziative.
Se la caccia del patron Koecher si è conclusa da un pezzo, la nostra invece comincia proprio adesso. Per essere dunque dei buoni cacciatori anche noi e sviluppare il nostro fiuto, ecco un vademecum incompleto per neofiti e non per sopravvivere alla manifestazione.
  1. Superate presto l’imbarazzo del costo biglietto. Non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca (!) perché…
  2. … è un’occasione unica per degustare l'eccellenza italiana e internazionale – a volte costosissima – del vino, un po’ come avere una Ferrari a disposizione per un giorno
Tradotto: quando vi ricapita nella vita … se non alla prossima edizione del Merano Wine Festival?
  1. Non lasciate casa o il vostro hotel senza aver fatto un’abbondante colazione
  2. Per i più consapevoli: studiate il vostro percorso. Concentratevi su una regione, un paio di denominazioni, scegliete anche semplicemente un colore…
  3. Per i meno consapevoli: leggete almeno qualcosa
  4. Bevete un po’ d’acqua ogni tanto che non fa sempre ruggine
  5. Vi piacciono i biologici, i biodinamici, i naturali? Ci sono, ma leggete prima qualcosa, anche qui!
  6. Vestitevi a cipolla 
  7. Chiedete e vi sarà dato. Fate domande, siate curiosi. Imparerete molto di più così che su qualsiasi altro libro in circolazione
  8. Puzzettina sotto il naso? Il 14 novembre non perdetevi il Catwalk Champagne, appuntamento con le migliori Maison de Champagne
  9. Se tracannate tutto, non vedrete la fine. Usa quindi la sputacchiera (personalmente eviterei di sputarci dentro a meno che non abbiate classe ed eleganza da vendere, il Cary Grant delle sputacchiere).
  10. Se siete un po’ sfaticati, fate un salto alle Masterclasses, degustazioni guidate per voi e farete del bene visto che il ricavato andrà in beneficenza 
  11. La pausa toilette potrebbe durare un po’ più del dovuto, soprattutto per le signore
  12. Lasciate roteare i calici a chi lo sa fare
  13. Non ne avete ancora abbastanza di cibo, chef, ricette e ingredienti segreti? Bene, per voi allora c’è la Cooking Farm
Da 16 in poi è Work in progress

E ora che la vostra caccia abbia inizio.
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner