Milano Expo 2015 – Padiglione Italia

La vetrina delle eccellenze, mille più una idee per raccontare il meglio del nostro Paese

08/07/2014

Milano Expo 2015 – Padiglione Italia
La prima sfida porterà a valorizzare,  insieme alle bellezze artistiche e culturali, anche l’importanza della enogastronomia e del paesaggio della regione; fare il meglio affinché i venti milioni di visitatori previsti tornino a visitarci negli anni successivi. La seconda sfida sarà vincere la battaglia alla contraffazione dei prodotti agroalimentari che rappresenta un danno di 60 miliardi per l’economia italiana. In questo senso è stato siglato un accordo di collaborazione tra la Regione e l’Università di Pavia.
Milano è la quarta tappa del Lombardia Expo Tour e l’assessore regionale dell’agricoltura Gianni Fava ha espresso il concetto che l’agricoltura lombarda deve essere al centro degli interessi economici, in quanto proprio la Lombardia è la prima regione agricola in Italia e seconda a livello europeo. L’obiettivo è far capire al mondo che cosa produce la Lombardia.

“Feeding the planet, Energy for life”. Sotto tale titolo, ovviamente col patrocinio di Expo 2015  e con la partecipazione di importanti sponsor, si è svolta a Villa Castelbarco  a Vaprio d’Adda la riuscitissima manifestazione “Alta Qualità”, le eccellenze enogastronomiche italiane. La manifestazione ha avuto luogo  dal 30 maggio al 2 giugno. L’atmosfera era unica ed avvincente:  la villa, ex monastero cistercense,  si presenta come un impareggiabile gioiello incastonato in un parco di ottocentomila mq che si snoda lungo il corso dell’Ada e del naviglio Martesana.

Presenti alla manifestazione cento piccoli produttori provenienti da tutta Italia, sloow coocking di importanti chef, degustazioni, presentazione di prodotti culinari e vinicoli di alta ualità. Presenti il laboratorio del gusto e l’orto didattico sensoriale.  L’eccellenza gastronomica ha conquistato i palati più esigenti, coinvolgendo i presenti in un mondo di sapori.  Ha partecipato alla  manifestazione il ministro per le Politiche Agricole Alimentari e Forestali Maurizio Martina, il Curatore Padiglione “O” Expo Davide Rampello  e la Conduttrice Cristina Parodi. Una fantastica kermesse della cultura del mangiar bene.  Il percorso, tracciato da seminari ed incontri espositivi, ha messo in evidenza come vivere di una alimentazione sana e sostenibile, in parallelo a quanto previsto dal tema Expo 2015.

Nel Padiglione Italia l’albero della vita sarà  uno degli “effetti speciali” del regista Balich (che ha incantato il pubblico delle Olimpiadi di Torino e di Sochi) : 35 metri di torre in legno e acciaio, un faro interattivo che diffonderà musica e luce sulla superficie del lago artificiale a nord della località espositiva. Il fantastico intreccio richiamerà il disegno della piazza del Campidoglio ideato da Michelangelo. Spettacolo nello spettacolo, a pian terreno i monitor saranno collegati in diretta con tre mercati, il Rialto a Venezia, Campo dei Fiori a Roma, il Vuccìria di Palermo.  Più sopra una mappa del Mediterraneo senza lo stivale, mostrerà al monda cosa sarebbe questo mare se l’Italia non ci fosse. Ancora, un giardino con i semi delle venti regioni con l’indicazione dei loro successi.  Sufficiente per una lode alla creatività?

I prodotti bresciani verranno conosciuti in tutto il mondo grazie al connubio con “Gusto”. La manifestazione si è tenuta il 17 giugno al workshop di Villa Baiana a Monticelli Brusati, presenti  rappresentanti di Expo 2015 ed i consorzi di promozione turistica della Valle Canonica, dei Laghi di Garda, Iseo,  Idro e Valle Sabbia. In mostra numerose attività produttive e l’evento “Franciacortando” che si è tenuto con successo il 14 e 15 giugno al Castello di Passirano. Tema principale lo Street Food a cui hanno collaborato  sette chef stellati e sette chef del territorio creando  piatti esaltanti che sono stati  proposti agli ospiti  lungo il magico mondo della Strada del Vino Franciacorta.


Il percorso sottile che lega il cibo al mondo dell’arte è passato attraverso Como dove ha fatto tappa l’Expo Tour Regione Lombardia. La mostra si è aperta il 15 giugno nel foyer del Teatro Sociale di Como in una sintesi che lega l’edizione 2014 di Miniartextil che ha avuto come tema Gea, la terra, con l’anno internazionale dell’agricoltura familiare ed Expo 2015 in cui si è voluto porre un evidenza la creatività di tre artisti Anna Moro-Lin, Maria Lai e Philip Hausey-Leplat che hanno proposto sculture in seta per celebrare il cibo. L’evento ha pure ospitato  80 produttori agricoli di Compagnia Amica che hanno esposto  cibo locale di alta tradizione, sapori di terra e di lago e prodotti biologici.  

Mi tornano in mente le parole espresse dal direttore di Informacibo dott. Donato Troiano: “Passione, autenticità, storia, tradizione, sostenibilità: queste le parole chiave della cultura enogastronomica italiana, un viaggio alla ricerca del piacere e della felicità a tavola.”
 

Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner