Parma Alimentare vola a Stoccarda per Slow Food Market

19/04/2017

Dal 20 al 23 aprile, Parma Alimentare vola a Stoccarda per partecipare al Markt des Guten Geschmacks: il Salone del Buon Gusto organizzato ogni anno nella città tedesca da Slow Food. Tra gli appuntamenti food più attesi dai tedeschi - nel 2016 questa Mostra Mercato ha richiamato circa 95.000 tra foodie e gourmand, professionisti della ristorazione e dell’hotellerie, proprietari di gourmet store - Slow Food Market rappresenta un’ottima vetrina per promuovere i tesori gastronomici della Food Valley.

A Stoccarda Parma Alimentare accompagna sei aziende del nostro territorio: Antica Hostaria Tre Ville, Azienda Agricola Guareschi Fratelli, Gusto, Nonno Fereoli, Nuova Pasticceria Lady e Zuker.
Come spiega Alessandra Foppiano, Executive Manager di Parma Alimentare: «Slow Food Market ha una forte connotazione di eccellenza, che discende dall’autorevolezza di Slow Food: è l’Associazione fondata da Carlo Petrini, infatti, a selezionare i prodotti che verranno esposti a Stoccarda. Questo garantisce ai visitatori della Mostra Mercato, consumatori evoluti o operatori professionali che siano, la qualità delle materie prime, l’artigianalità dei metodi di produzione, l’assenza di additivi: per il sistema alimentare parmense è quindi importante garantirsi uno spazio all’interno di un contesto così qualificato. Il tutto considerando anche la vitalità della manifestazione, che quest’anno vedrà la partecipazione di 549 espositori, di cui 187 non tedeschi, con un incremento stimato di visitatori che sfiora il 20%».
Per le aziende che saranno a Stoccarda al fianco di Parma Alimentare, Slow Food Market rappresenta un’opportunità anche in termini di business. Innanzitutto perché la quasi totalità dei visitatori acquista effettivamente specialità alimentari, con un indice di soddisfazione altissimo, tanto da arrivare a consigliare nel 98% dei casi Slow Food Market ad amici e conoscenti. Ma c’è anche un’altra buona ragione per essere a Stoccarda: la strategicità del mercato tedesco. «Anche nel 2016 la Germania si è confermata il secondo Paese di destinazione dell’export del settore alimentare parmense - afferma Alessandra Foppiano -. L’export alimentare verso la Germania ha raggiunto il valore record di 276 milioni di euro e incide per il 18% del totale delle esportazioni. Tra il 2006 e il 2016 la crescita è stata del 73,6%: si è passati infatti da 159,3 a 276,7 milioni di euro. I prodotti parmensi più richiesti in Germania sono quelli da forno e farinacei (28% dell’export alimentare), le conserve vegetali (19%), le conserve animali (15%) e i prodotti lattiero/caseari (10%). Proprio questi ultimi hanno fatto registrare negli ultimi 12 mesi l’incremento più significativo, crescendo del 13%».
 
L’edizione 2017 di Slow Food Market Stoccarda prevede degustazioni, cooking show, seminari sul vino, tavole rotonde sul tema del cibo “buono, pulito e giusto”, come da manifesto di Slow Food, competizioni ai fornelli. Grande è l’attenzione per i più giovani, destinati a diventare i consumatori responsabili del futuro: la giornata del 21 aprile sarà interamente dedicata a loro, con attività didattiche ad hoc per gli studenti.
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner