Per la nascita del “royal baby” saranno piantati un ulivo, una vite ed un leccio: tutti possono partecipare

Così il Salento ringrazia il popolo inglese. H. Mirren, A. Lamb e Lord McAlpine tra gli estimatori

09/07/2013

Per la nascita del “royal baby” saranno piantati un ulivo, una vite ed un leccio: tutti possono partecipare

C’è chi dice che nascerà tra il 13 ed il 15 luglio, c’è chi invece ipotizza che anticiperà di qualche giorno (e quindi sarebbe molto imminente) e c’è addirittura dice che se ne parlerà dopo il 18, insomma, sulla data di nascita del figlio/a dei Duchi di Cambridge, William e Kate, non v’è certezza mentre di certo c’è che appena vedrà la luce il nuovo erede al trono del Regno Unito, in Italia, e precisamente nella città di Lecce, i promotori di “Pro Salento”, studenti dell’istituto “Galilei - Costa” insieme a Francesco Pacella,  assessore al turismo e all’agricoltura della Provincia di Lecce, in nome ed in onore del “royal baby”, pianteranno alcune giovanissime piante nei giardini pubblici della città.

Con “Thank_UK” gli studenti del “Galilei - Costa” e la Provincia di Lecce dimostrano la gratitudine per il crescente interesse nel tacco d’Italia. Negli ultimi anni, infatti, la Gran Bretagna ed il mondo anglosassone in genere è sempre più presente e coinvolto e dimostra di apprezzare profondamente l’ospitalità, l’arte, la natura, il mare, la ruralità, l’enogastronomia e la tipica “slow life” del Salento e della Puglia. Si va dall’acquisto di immobili storici nei comuni e nelle campagne (esempi eclatanti sono l’antica masseria acquistata dalla stella del cinema e premio Oscar Helen Mirren, l’ex convento convertito in B&B da parte di Lord Alistair McAlpine e l’acquisto di un appartamento in un palazzo ottocentesco da parte della conduttrice tv Amanda Lamb)alla sempre più numerosa pubblicazione di articoli sui media anglosassoni (in coda una serie di link), all’incremento della quantità di prodotti agroalimentari richiesti ed importati in Uk e, infine, alla positiva crescita delle presenze turistiche, tanto che è da un po’ che si sente parlare di “Salentoshire”, ossia della nuova meta preferita dagli inglesi dopo il “Chantishire” in Toscana.

Il singolare gesto è un augurio speciale rivolto sia al bebè che alle piante: che possano crescere sani e forti e continuare a rappresentare con grande onore e dignità i rispettivi territori.

A condividere e supportare l’emblematico gesto, oltre agli organi della scuola rappresentati dalla dirigente Addolorata Mazzotta e alla consulenza professionale dell’agronomo Antonio Bruno, vi è il sindaco di Lecce Paolo Perrone, che ha concesso l’utilizzo della bella e importante area verde cittadina.

Come è facile comprendere, non si è assolutamente in grado di comunicare la data e l’ora in cui avverrà l’iniziativa, si è nelle mani, come dire, …della cicogna; da questo momento in poi ogni momento è buono. Di sicuro c’è che le piante troveranno accoglienzanel giardino pubblico della città, la centralissima villa comunale e, a meno che non ci sia qualche novità dell’ultima ora, i promotori stanno pensando di piantare un piccolo ulivo, simbolo di pace, forza, longevità e della Dieta Mediterranea, una giovanissima vite, a rappresentare l’abbondanza, la vita, la capacità di adattamento e l’attaccamento al territorio, e infine un leccio, antico simbolo e stemma, insieme alla lupa, della città di Lecce.

Subito dopo l’annuncio della nascita reale, i promotori dirameranno una nota con la comunicazione di data e ora in cui saranno fisicamente piantati gli alberelli. A partecipare all’evento sono invitati tutti, amministratori locali, cittadinanza, media e chiunque abbia voglia di essere presente e vivere in prima persona questa originale e bella esperienza.

Per ricevere un invito via mail, con luogo, data e ora esatta dell’iniziativa, è sufficiente inviare un messaggio avente per oggetto “Voglio esserci” all’indirizzo e20@clio.it

La scelta della location naturalmente non è casuale. La Villa comunale è infatti da sempre considerata il “giardino” della scuola promotrice dell’iniziativa, l’Istituto “Galilei - Costa”, in quanto è esattamente adiacente allo storico edificio che dal 1885 ospita la più antica e prestigiosa scuola tecnica del territorio, è il polmone verde della città, è in pieno centro, quindi facilmente raggiungibile e visitabile da parte di eventuali curiosi e turisti, e, infine, è già una zona della città molto visitata e frequentata da residenti e non.

Anche questo evento è a supporto della candidatura di Lecce a “Capitale Europea della Cultura 2019”.

Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner