Rimini Fiera in piena salute, via libera al percorso verso la quotazione

Lorenzo Cagnoni: “Ottimi conti i nostri del 2014 del tutto in linea con il business plan

29/06/2015

Rimini Fiera in piena salute, via libera al percorso verso la quotazione
Rimini, 29 giugno 2015 - Oggi, in conferenza stampa, a margine dell’Assemblea dei Soci, il presidente di Rimini Fiera, Lorenzo Cagnoni è intervenuto sui temi che conducono alla prossima quotazione in Borsa della Spa romagnola che punta a privatizzare il 20% del capitale, con la quota pubblica in discesa fino a circa il 60% e quella privata in salita fino a circa il 40%.

“Ottimi conti i nostri del 2014 - ha scandito Cagnoni - del tutto in linea con il business plan, con un utile netto di 3,1 milioni di euro contro i 2,4 previsti, e con un bilancio che non ha beneficiato di partite straordinarie. A questi brillanti risultati 2014 si aggiungono i dati del primo semestre 2015 con le belle performance di Sigep e RiminiWellness, l'ingresso di Beer Attraction, e la definizione degli accordi con l'associazione di riferimento che ha scelto, dal 2016, di fare di Rimini il nuovo e unico polo del dentale in Italia, spostandolo da Milano. Anche sul secondo semestre 2015 le grandi manifestazioni come TTG ed Ecomondo stanno rispettando i budget e si registrano inoltre l'ingresso della nuova Flora Trade e la presenza per la prima volta a Rimini Fiera del Macfrut, annunciato in forte crescita”.

Cagnoni si è poi soffermato sui dati del congressuale: "Si avvera quanto annunciai in merito alle ottime prospettive dei nostri congressi. A fine maggio 2014 gli eventi programmati erano 83 e a fine dello scorso anno sono arrivati a 116. Oggi siamo a 102 eventi già confermati, con una crescita tendenziale del 23% e un aumento della domanda dell’11%. A fine 2015 avremo portato a Rimini 1.110.000 convegnisti, con un +10%, e raggiunto l’obiettivo di budget della BU congressuale: 9.100.000 euro. Cresce anche l’internazionalizzazione del congressuale, + 4% rispetto al 2014. E proprio la prossima settimana ospiteremo il mondiale dell’illusionismo: 5mila maghi di tutto il mondo e una ricaduta economica per il territorio di almeno 5 milioni di euro”.
“A fronte dei dati fieristici e di quelli congressuali - ha detto Lorenzo Cagnoni - sono dunque in grado di espormi con una previsione sull'utile netto 2015 pari a oltre i 3 milioni di euro, l'annuncio della distribuzione dei dividendi ordinari e l'allineamento al business plan”.
Ricordiamo che nel 2014 il Gruppo Rimini Fiera ha fatturato 67,5 milioni di euro (+6,9%), con un mol di 11 milioni (+38,5%) e un utile netto di 3,094 milioni. Il valore della produzione della capogruppo Rimini Fiera SpA si è attestato a 56 milioni di euro (+9,4% ), con un mol di 10,6 milioni (+ 40,4%) e un utile di 2,99 milioni. Il debito assunto per la costruzione del nuovo quartiere fieristico – che costò 300 milioni di euro - è stato completamente azzerato, esclusivamente attraverso i rendimenti di Rimini Fiera.

“Ecco che - ha spiegato il presidente Cagnoni - il nostro percorso di privatizzazione è sostenuto dalla piena salute dei nostri conti e dalla credibilità sui mercati delle nostre visioni prospettiche e si è formalmente avviato dopo le recenti decisioni del nostro CdA e gli orientamenti del Socio di maggioranza. Abbiamo un duplice obiettivo: il finanziamento della nuova fase di crescita di Rimini Fiera sull'estero attraverso una politica di alleanze con partner internazionali di rango, senza però trascurare il mercato domestico; il reperimento di risorse finanziarie che permettano al Socio di maggioranza di assorbire la parte di debito assunta per la costruzione di un'opera strategica per l'economia qual è il nuovo palacongressi di Rimini”.
Il percorso prevede una doppia operazione, un OPV (offerta pubblica di vendita) e un OPS (offerta pubblica di sottoscrizione): dunque una ricapitalizzazione seguita dal collocamento sul libero mercato. "Abbiamo individuato - ha aggiunto Cagnoni - il segmento AIM che è quello dedicato alle piccole medie imprese che mostrano un alto potenziale di crescita”.

“Oggi il Gruppo Rimini Fiera - ha concluso il presidente - è una realtà solida, senza un euro di debito, in piena salute e giudicata in modo lusinghiero in Italia e all'estero per accreditamento e serietà. Pronta per quotarsi al libero mercato”.
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner