Si è concluso a Fiere di Parma Cibus Tec Industry

La relazione del dottor Claudio Federici (Ismea): La domanda di salumi ed elaborati a base di carne: i nuovi orientamenti di acquisto delle famiglie

13/11/2012

Si è concluso a Fiere di Parma Cibus Tec Industry

Parma 12 novembre 2012. Si è conclusa lo scorso fine settimana la manifestazione Cibus Tec Industry, tappa di avvicinamento alla prossima edizione di Cibus Tec  che, con la nuova calendarizzazione che è passata da biennale a triennale, si svolgerà dal 21 al 24 ottobre 2014.

Durante la due giorni sono state presentate ai numerosi operatori del settore presenti al padiglione 2 di Fiere di Parma, le varie fasi di processo e di lavorazione del prodotto confezionato: affettato, macinato e porzionato.

Esperti e tecnici hanno infatti illustrato i vari passaggi di come il prodotto intero viene affettato, depositato su di una vaschetta, confezionato in ATM e controllato all’uscita dell' impianto.

L’iniziativa ha visto la partecipazione di Ceia, Coopbox, Eidos, Risco, Sealed Air- Cryovac, Siad, Treif e Veripack e la collaborazione della rivista Industria delle Carni e dei Salumi, edita da Assica, e della Camera di Commercio di Parma, che organizza settimanalmente presso le Fiere di Parma la Borsa Merci e relative Commissioni Uniche Nazionali per la carne suina e derivati. 

 

BP1090117 (2).jpg 

 

BP1090117.jpg 

 

BP1090117 (4).jpg

 Le varie fasi di come il prodotto viene affettato, macinato e confezionato 

 

<Sperimentando un nuovo format e concepito come tappa di avvicinamento alla prossima edizione di Cibus Tec 2014, -ha detto Rossano Bozzi, brand manager di Cibus Tec – la manifestazione ha abbinato una parte dimostrativa con la sfera convegnistica, registrando presso il pubblico di riferimento un interesse e una partecipazione che hanno fatto dell’evento speciale un autentico successo>. 

Ad arricchire la due giorni infatti, si sono svolti una serie di incontri e seminari di approfondimento dedicati alle tematiche di interesse per l’industria del settore. 

La relazione di apertura di Cibus Tec Industry è stata svolta da Claudio Federici dell'Ismea, Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare, sul tema “La domanda di salumi ed elaborati a base di carne: i nuovi orientamenti di acquisto delle famiglie”, mentre a conclusione della manifestazione, nel pomeriggio di venerdì scorso si è svolto un affollato workshop a cura di Assica, in collaborazione con Camera di Commercio di Parma e Stazione Sperimentale per le Industrie delle Conserve Alimentari in Parma, dal titolo ‘Si può viviere senza ossigeno? I salumi pre-affettati tra aspetti tecnologici e innovazioni normative’.

 

L

aP1090131 (2).jpg 

Andrea Zanlari, Presidente  Camera Commercio di Parma

 

 aP1090131 (4).jpg

Il pubblico durante il Seminario

 

 aP1090131.jpg

La presidenza del Workshop conclusivo

 

Rossano Bozzi ha aperto i lavori di questo seminario dando subito la parola al Presidente della Camera di Commercio di Parma e della Ssica-Stazione Sperimentale per le Industrie delle Conserve Alimentari, Andrea Zanlari, che nel dare il benvenuto ai presenti ha fatto riferimento alla Borsa Merci “dove il mercato delle carni suine prende forma, si concretizza e si esprime settimanalmente” e subito dopo ha sottolineato come “essere oggi a Parma non è un caso, ma una precisa volontà del settore che riconosce in questa terra la sua patria, non soltanto per la tradizione, ma soprattutto per la sua storica capacità di innovare: la Food valley è Food Valley sicuramente -ha precisato Zanlari- per le eccellenze gastronomiche che esprime, ma anche e forse soprattutto per la capacità imprenditoriale che caratterizza questa terra, dove le imprese sanno coniugare il rispetto del prodotto, e quindi del gusto del consumatore, e l'innovazione nelle tecniche di produzione e nelle tecnologie di confezionamento. Non è ancora un caso -ha sottolineato Zanlari- se Parma resta il polo fieristico di riferimento a livello internazionale nel settore alimentare e nelle tecnologie ad esse collegato”.

Il workshop conclusivo, “Si può vivere senza ossigeno?” Seminario sui salumi pre-affettati, è stato moderato dal capo servizio Economia della Gazzetta di Parma, Aldo Tagliaferro, ed ha visto le relazioni dei due tecnici della SsicaGiovanni Parolari Angela Montanari, che hanno illustrato i requisiti di prodotto e stato dell’arte dei materiali per il confezionamento. 

E' poi intervenuta Anastasia Alvizou, del Directorate General for Health & Consumers della Commissione Europea sul tema della nuova normativa europea sull’etichettatura che è ormai alle porte.

Nella tavola rotonda finale si sono confrontati due degli attori principali della filiera, Grande distribuzione e Industria: da un lato la Gdo rappresentata da Davide Pessina (Il Gigante) e Monica Ramaschi (Conad), dall'altro l'industria con Alberto Beretta (Assica). 

Il Sito www.cibustec.it



 img1.gifQUI la relazione del dottor Claudio Federici (Ismea): La domanda di salumi ed elaborati a base di carne: i nuovi orientamenti di acquisto delle famiglie  





  

Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner