Tenute Lunelli: un unico marchio per i vini della famiglia Lunelli in Trentino, Toscana e Umbria

E' stato presentato ieri sera a Roma il progetto delle Tenute Lunelli

04/09/2014

Tenute Lunelli: un unico marchio per i vini della famiglia Lunelli  in Trentino, Toscana e Umbria
Roma 4 settembre 2014. Lunelli non vuol dire soltanto Ferrari Trentodoc, le bollicine italiane per eccellenza. Significa anche vini fermi eleganti e longevi, fortemente rappresentativi dei territori di cui sono espressione:
il Trentino con la sua viticoltura di montagna, la Toscana delle dolci colline pisane e l’Umbria che si svela nella piccola, affascinante DOCG di Montefalco. I vini di questi tre territori dalla forte vocazione enologica sono ora resi riconoscibili da un unico marchio, Tenute Lunelli.

Dopo un lungo percorso di cura e sperimentazione, avviato negli anni Ottanta in Trentino e nei primi anni Duemila in Toscana e Umbria, la famiglia Lunelli ha deciso di mettere il proprio nome sulle etichette delle tre Tenute - Margon, Podernovo e Castelbuono - sottolineando così i valori e la cifra stilistica che ne accomunano le creazioni: sostenibilità, eleganza e longevità.

Il rispetto del territorio è il principio fondamentale e si declina da un lato nella volontà di valorizzare l’identità e la tradizione dei singoli luoghi, dall’altro nel forte senso di responsabilità verso l’ambiente in cui i vini nascono. La sostenibilità, che si tradurrà a regime nella totale conversione al biologico, è infatti alla base di ogni scelta agronomica e permette di coniugare la qualità dell’uva con la salute del viticoltore e la tutela dell’ambiente. La Tenuta toscana è stata la prima realtà del gruppo, nel 2012, ad ottenere la certificazione biologica, seguita dalla Tenuta umbra, che la otterrà a partire dalla vendemmia 2014. I vigneti trentini, iscritti al registro della certificazione biologica dal febbraio 2014, sono da anni coltivati secondo gli stringenti principi del protocollo per una “Viticoltura di montagna salubre e sostenibile”. Eliminati insetticidi e erbicidi, si lavora sulla naturale fertilità del terreno, prevedendo per la difesa solo elementi naturali.
La convinzione che il tempo sia fondamentale per la qualità del vino porta le Tenute Lunelli, forti dell’accurato lavoro fatto in campagna, ad attendere con sapiente lentezza, come artigiani del tempo, all’affinamento del vino. Per questo, eleganza e longevità sono tratti comuni ai nove vini delle Tenute, e per questo si è scelto di raffigurare la nuova identità ricorrendo alla simbologia delle fasi lunari.  
 
Matteo, Camilla, Alessandro, Marcello Lunelli
 
“Questo progetto – afferma Matteo Lunelli, amministratore delegato del Gruppo Lunelli – è coerente con il nostro obiettivo di costituzione di un Gruppo dell’eccellenza del bere italiano. Vogliamo affiancare al Ferrari Trentodoc realtà che ne condividano i valori e che ci permettano di raccontare la varietà di territori che è la grande ricchezza del vino italiano. Rispetto per il territorio e attenzione alla sostenibilità sono oggi valori comuni a tutti i nostri marchi”.
Il Gruppo Lunelli comprende, oltre alle Tenute e a Ferrari, una distilleria, Segnana, un’acqua minerale, Surgiva, e uno storico marchio del Prosecco Superiore quale Bisol.
Il progetto delle Tenute Lunelli è stato presentato ufficialmente a Roma ieri sera  nel corso di una serata che ha avuto come palcoscenico il Circolo Canottieri Aniene. Con l’occasione, è stata anche annunciata la partnership del gruppo trentino con il club che, presieduto da Giovanni Malagò, è tra i più esclusivi della capitale.
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner