Tipicità EXPerience a Fabriano, nell'ambito dell'Expo della Creatività

Da giovedì 4 a domenica 7 settembre nel centralissimo loggiato di San Francesco

01/09/2014

Tipicità EXPerience a Fabriano, nell'ambito dell'Expo della Creatività
A Fabriano, il viaggio esperienziale di Tipicità “destinazione EXPO 2015” offre una quattro giorni per vivere intensamente il connubio tra manualità e creatività!

L’italian style è vincente nel mondo perché è creatività generativa che trova espressione in materie, forme e contenuti. Un’alchimia che nelle Marche incontra alcune delle sue più brillanti espressioni.
Da giovedì 4 a domenica 7 settembre, il suggestivo e centralissimo loggiato di San Francesco si trasformerà nel set sul quale si esibiranno gli attori protagonisti, ossia estrosi e coinvolgenti maestri artigiani, detentori dei segreti che danno vita all’arte del tanto decantato “saper fare” marchigiano.

Giovedì s’inizia con una performance dei “cordai di Jesi”, una tradizione antica tramandata nei secoli. Grazie all’esperienza del maestro cordaro Pietro Montesi, quest’antica arte oggi rinasce in nuove forme attraverso i giovani del Liceo artistico “Mannucci”. Accanto a loro si esibirà il liutaio Luciano Buscarini da Osimo che, con un vero e proprio “live show”, dimostrerà come legni pregiati si trasformano, come per incanto, in un melodioso ed armonico strumento musicale.
Venerdì riflettori puntati sull’arte orafa, con un susseguirsi di performances di artisti-artigiani del “Gruppo orafi maceratesi”, i quali mostreranno dal vivo forme e suggestioni realizzabili con il prezioso, biondo metallo.
Le merlettaie di Offida saranno le protagoniste del sabato fabrianese. Abilissime con l’immancabile “tombolo”, quasi a dettare le regole di un vero e proprio “gioco di prestigio”, un’antica tradizione che perpetuano accanto all’uscio di casa, lungo le pittoresche viuzze del suggestivo borgo.

Sempre sabato, va in onda anche l’arte della lavorazione della pipa, mostrata dall’esperto artigiano Luigi Catini da Fermo, primo maestro pipaio al mondo a realizzare una pipa adorna di artistici dipinti. Incontro di due arti: la pittura e l’abilità di modellare l’affascinante compagna dei fumatori.

Domenica gran finale dedicato all’artigianato che assurge ad icona del fashion: da Montappone dimostrazioni “live” della lavorazione della paglia che, magicamente, diventa cappello e raggiunge le più prestigiose boutique poste ai quattro angoli del mondo, mentre da Montegranaro, storica patria della calzatura d’autore, Mauro Testella, erede del famoso ciabattino “Vasì” le cui creazioni sono state calzate dagli uomini più potenti del globo, mostrerà come la maestrìa trasforma la pelle in accessori d’autore. Non solo calzature quindi, ma occhiali, borse, orologi.

Il progetto nasce dalla collaborazione tra Tipicità: Made in Marche Festival e l’Amministrazione Comunale della “città della carta”, divenuta partner del Gran Tour delle Marche, un innovativo progetto turistico che esplora tutti i territori delle Marche. Durerà un anno e vivrà anche sui social network attraverso due personaggi: Gioacchino, “marchigiano DOC”, ed il suo amico Francesco, che vive in Germania ed ha sposato Heidi. I due ciceroni, virtuali ma non troppo, stanno già riscuotendo un grande successo su Facebook e Twitter.

Tutte le info sul viaggio di Tipicità EXPerience sono disponibili su sito www.tipicita.it.
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner