Torna a Cremona la Festa del Torrone dal 16 al 24 novembre: degustazioni e tanti eventi

Il grande evento gastronomico-culturale avrà quest’anno come tema “il respiro del violino”

08/09/2013

Torna a Cremona la Festa del Torrone dal 16 al 24 novembre: degustazioni e tanti eventi

Cremona 9 settembre 2013.  Come ogni anno ritorna puntuale l'appuntamento più atteso da tutti i golosi d’Italia: dal 16 al 24 Novembre le strade e le piazze di Cremona saranno animate da eventi, spettacoli e degustazioni in occasione della Festa del Torrone.

Tema dell'edizione del 2013 è il respiro del violino, per celebrare la “Cremona Liutaria” iscritta nella Lista UNESCO del Patrimonio Immateriale, prestigiosissimo riconoscimento internazionale. Ciò rappresenta uno straordinario evento per la diffusione della conoscenza di un 'saper fare' tradizionale che da secoli è riconosciuto in tutto il mondo come eccellenza assoluta.

Molti saranno gli appuntamenti speciali che esalteranno la liuteria cremonese, fondendola allo stesso tempo con la ricchissima tradizione culturale e gastronomica della città. Una delle novità di quest’anno è l’apertura del Museo del violino di Cremona (dal 14 settembre) realizzato dalla Fondazione Arvedi Buschini con tanti strumenti storici, percorsi multimediali e il bellissimo Auditorium Giovanni Arvedi annesso al Museo.

L’altra novità per la Festa del Torrone di Cremona edizione 2013  è il  patrocinio di Expo 2015. Un riconoscimento importante per il grande appuntamento cremonese organizzato da Sgp Eventi.

Nei giorni scorsi si è svolto la presentazione ufficiale dell’evento gastronomico-culturale. A fare gli onori di casa il sindaco Oreste Perri, il presidente della Provincia Massimiliano Salini e Giuseppe Ghisani, in rappresentanza della Camera di Commercio. Erano inoltre presenti il consigliere regionale Carlo Malvezzi, ed Irene Nicoletta De Bona, assessore alla Cultura e Turismo del Comune di Cremona.

Accanto ai rappresentanti istituzionali, gli esponenti dei tre main sponsor dell’iniziativa,  Enrico Manfredini, responsabile marketing prodotti di ricorrenza del Gruppo Cloetta Italia (Sperlari), Massimo Rivoltini, amministratore della Rivoltini Alimentare Dolciaria, e Daniele Destefani, direttore commerciale della Secondo Vergani S.p.A., e Stefano Pellicciardi, rappresentante di SGP Eventi, la società incaricata dell’organizzazione dell’evento.

La Festa del Torrone è divenuta ormai un appuntamento molto atteso da chi apprezza questo dolce tipico della tradizione locale e sa inoltre apprezzare il fascino di una città ricca di arte e di storia.

Da sabato 16 a domenica 24 novembre, ben 9 giorni di festa che trasformeranno Cremona nella capitale nazionale dell’intrattenimento, della gola e del dolce star bene. L’obiettivo è di superare il grande successo degli ultimi anni.

Nel 2012 sono state 150mila le presenze in tre giorni, 36 tonnellate di torrone venduto, oltre 300 pullman arrivati in città, 530 camper da tutta Italia, ristoranti e locali della città assediati dai visitatori. La volontà è di diventare competitivi rispetto ad altre manifestazioni a carattere nazionale che si svolgono su un arco temporale simile. Per questo si è lavorato in stretta collaborazione tra produttori ed operatori commerciali così da raggiungere una tranquilla convivenza di tutte le attività.

Tantissimi, e molti ancora in fase di creazione, almeno un centinaio, gli eventi, anche di carattere culturale e musicale, e gli appuntamenti che animeranno il programma della festa più dolce d’Italia. A partire da importanti conferme, come l’immancabile rievocazione storica del matrimonio tra Francesco Sforza e Bianca Maria Visconti nella fascinosa cornice di piazza del Comune, a seguito della sfilata per le vie del centro storico della città tra le acrobazie degli sbandieratori, musicisti e le splendide figure delle dame e dei cavalieri. Oltre 150 i figuranti che animeranno il corteo. Non mancherà nemmeno la costruzione gigante in torrone che quest’anno, in linea con il tema della Festa, sarà una chiave di violino, simbolo della musica per eccellenza. Confermato anche lo spettacolo finale, quest’anno in doppia versione: due spettacoli finali differenti per le due domeniche 17 e 24 novembre. Due momenti eccezionali, travolgenti che esprimeranno suggestive ambientazioni, grandi effetti scenografici e musiche coinvolgenti.

Trattandosi delle Festa più dolce d’Italia, imprescindibili saranno le degustazioni di torrone in mille varianti di abbinamento, per poter apprezzare e scoprire sempre nuovi modi per gustare al massimo lo squisito dolce cremonese. Come ogni anno, poi, la Festa avrà molti ospiti prestigiosi che interverranno durante la kermesse, e ad uno di loro sarà consegnato il tradizionale Torrone d’Oro, riconoscimento che premia chi rappresenta Cremona ed il suo territorio in Italia e nel mondo.

Tra le novità della grande edizione del 2013, c’è il Villaggio degli Antichi Mestieri Rinascimentali. Sarà un simpaticissimo, ed istruttivo, intrattenimento che con fedeltà e rigore farà rivivere lo spirito cittadino rinascimentale, periodo in cui dame e cavalieri, armigeri e notabili percorrevano le antiche vie al suono delle trombe e al rullare dei tamburi, mentre artigiani creavano preziosi manufatti accanto a scaltri mercanti che contrattavano fino a tarda sera. Tornerà quindi a rivivere e a creare il ceramista, il candelatore, il cartaio, lo scalpellino, il mosaicista e molti altri artigiani. Si avrà la sensazione di trovarsi in un vero borgo rinascimentale.

Ma la vera e nuova avvincente sfida della Festa sarà il Palio del Torrone tra città lombarde. Il palio ricorderà un importante evento storico, ossia il fidanzamento di Bianca Maria Visconti con Francesco Sforza avvenuto nel 1430. In questa occasione il padre di Bianca Maria, Filippo Maria Visconti, offrì allo Sforza Cremona e le altre terre come anticipo sulla dote di nozze in cambio dei suoi servigi.

Bene, il Palio del Torrone farà vivere una particolare sfida ossia una gara di tiro con l’arco dove ogni arciere rappresenterà una città lombarda. Durante il corteo gli arcieri sfileranno accompagnati da una dama che avrà in mano lo stemma del comune lombardo che rappresenta, mentre la disfida sarà organizzata in varie volée di tiro. Al termine del palio in onore di seguirà, come momento di celebrazione del vincitore, una grande esibizione di sbandieratori in piazza.

Inoltre, in omaggio a Cremona Città europea dello sport, verrà organizzato un originale appuntamento dove protagonista sarà una disciplina che affonda le proprie radici nel passato e che tutt'ora rappresenta uno sport di cui l'Italia possiede il record di medaglie olimpiche, la scherma. Un vero e proprio salto in un universo parallelo dal passato al presente, in quanto  saranno previste esibizioni e gare di scherma antica e moderna in cui gli atleti si sfideranno sotto lo sguardo tifoso del pubblico.

Il visitatore avrà la possibilità di assistere a una dimostrazione dell'arte della scherma antica la quale appare nel tardo Medioevo ma che si consolida proprio in epoca rinascimentale. Inoltre l’area commerciale sarà sempre attiva nel corso dei nove giorni, in modo che tutti i visitatori possano esaudire i loro desideri per un dolce shopping.

Per la prima volta nella storia della kermesse, i visitatori della festa del Torrone potranno vivere l’originalissima esperienza della pausa salata: il Consorzio di tutela Salame Cremona Igp proporrà momenti salati gustosi e particolari. Pane e salame diventerà così la merenda ufficiale della festa, una consuetudine antica che si rinnova con prodotto del territorio qual è il salame.

Alcuni degli altri appuntamenti clou dell’evento sono stati quindi illustrati dai rappresentanti dei tre main sponsor. Sperlari,  in onore del violino, darà vita alla particolarissima infiorata di circa 100 mq, con la quale alcuni artisti di strada decoreranno il piazzale antistante la Cattedrale, davanti agli occhi degli spettatori, alla tradizionale maxi scultura di torrone, che quest’anno sarà realizzata in ben due versioni: una chiave di violino – simbolo della musica per eccellenza – e la S dello storico logo Sperlari. Due icone che presentano alcune analogie a livello grafico e che, collocate insieme sul palco, sapranno raccontare un’unione eccellente, quella tra armonia della musica e armonia di sapori.

Non mancheranno poi, come nelle precedenti edizioni, gli attesissimi Laboratori del gusto, in occasione dei quali Sperlari apre le sue porte al pubblico, che non solo potrà visitare lo stabilimento di produzione del famoso torrone, ma avrà anche la possibilità di degustare ricette preparate con questo delizioso ingrediente e di ricevere in regalo l’esclusivo Ricettario Sperlari, con tanti originali piatti, sia dolci che salati, ma sempre tutti rigorosamente a base di torrone (prenotazione obbligatoria allo 0372 482.327).

Tornano anche gli appuntamenti dell’area Torrone live allestita in piazza del Comune sotto la Loggia dei Militi. Sperlari sponsorizzerà lo spettacolo finale di domenica 24 novembre, che quest’anno si preannuncia particolarmente sorprendente, con giochi d’animazione e divertenti performance live.  Infine, nel week-end di apertura - sabato 16 e domenica 17 novembre - Sperlari si riconferma filo conduttore che unirà Milano a Cremona, lungo i binari dello Sweet Express: saranno infatti le mitiche carrozze Centoporte, trainate da una locomotiva a vapore del 1922 ad effettuare la tratta Milano–Cremona andata e ritorno, per collegare il capoluogo lombardo con la Festa del Torrone. Prenotando il proprio posto, si potrà godere di un vero e proprio viaggio nel passato, prima di immergersi nella gioia e nel divertimento della Festa del Torrone.

Rivoltini, la storica azienda di Vescovato nota nel mondo per la sua produzione di torrone tradizionale, promuove l’evento Le mani in pasta al cioccolato. Dopo il torrone, la mostarda e i dolci tradizionali della cucina cremonese prosegue anche quest’anno il percorso educativo che vedrà impegnati i bambini di alcune sezione delle scuole cremonesi con un nuovo protagonista: il cioccolato.

Con loro si andrà a realizzare il libro “Le Mani in Pasta – Il cioccolato”: saranno trattati la storia, gli ingredienti, le procedure di produzione e le caratteristiche nutrizionali del cioccolato, con la collaborazione della Barry Callebaut, azienda leader mondiale nella produzione di alta qualità di cacao e di cioccolato.

Rivoltini sarà soprattutto il promotore delle sfide golose. A partire da L'A-B-C del Torrone – Competition tra scuole alberghiere lombarde. Ogni scuola presenterà un dolce originale a base di torrone che sarà declinato nella moderna gastronomia. La gara si svilupperà attraverso una sorta di campionato e si decreterà la scuola vincitrice che riceverà sul palco in piazza un riconoscimento. Un vero e proprio campionato di pasticceria in cui tecnica, originalità e un pizzico di fantasia saranno i tasselli che porteranno alla vittoria. Il pubblico potrà vedere in tempo reale la preparazione contemporanea dei dolci. A valutare i piatti ci sarà una giuria tecnica composta da esperti di settore, chef e giornalisti.

Grande attesa poi per  La disfida del dolce lombardo al cioccolato, che vedrà confrontarsi pasticceri rappresentativi del territorio lombardo che prepareranno in modo originale ed elaborato dolci tipici delle loro zone di provenienza. Utilizzando il cioccolato come ingrediente principe della ricetta, i maestri pasticceri metteranno in mostra le loro abilità culinarie realizzando i dessert davanti ad un pubblico di appassionati che seguirà le fasi di preparazione e accoglierà con piacere i consigli e i suggerimenti di chi della pasticceria ne ha fatto un'arte.

Inoltre ci sarà un’altra tenzone, La disfida al cioccolato dolce-salato. Sempre su toni giocosi, gli chef si cimenteranno in pietanze a base di cioccolato dolce-salato. Utilizzando il cioccolato come ingrediente principe della ricetta, gli chef metteranno in mostra le loro abilità culinarie realizzando i piatti davanti ad un pubblico selezionato. Anche in questo caso si metteranno in discussione i pregi e i difetti di ciascun piatto che, dopo la realizzazione, sarà degustato e giudicato da esperti del settore e da una giuria popolare.

Infine un'ultima grande novità sarà la torta al torrone al sale di Cervia che suggellerà il gemellaggio fra Cervia e Cremona, legando indissolubilmente il torrone a un’eccellenza alimentare di Cervia. Ma il sale di Cervia con il torrone non potrebbe suonare come un’eresia? L’idea è stata quindi quella di creare una crema di panna e caramello con una connotazione di sale di Cervia. Con questa crema è stato variegato il torrone morbido alla mandorla creando una torta con guarnizione superficiale dall’aspetto molto invitante e dal gusto delicato.

Secondo Vergani S.p.A., la storica azienda dolciaria cremonese fondata nel 1881, fa il suo ingresso come sponsor per l’edizione 2013 della grande Festa del Torrone. Si rinsalda quindi il legame tra la festa più famosa di Cremona e la storica azienda dolciaria Vergani, che torna tra i main sponsor della kermesse in questa importante. Diventata celebre per il suo squisito torrone e per la mostarda cremonese, con l’avvento della famiglia Lameri a capo dell’azienda ha ampliato la propria produzione e ricerca con la pralineria di cioccolato, mantenendo la tradizione senza tralasciare l’innovazione e la contemporaneità.

In occasione dell’edizione 2013 della Festa del Torrone, Vergani presenterà il nuovo torrone con nuova ricetta ottenuta e realizzata in collaborazione tra l’Accademia del Torrone Vergani e lo chef pasticciere cremonese Alberto Naponi. Per presentarlo e conoscerlo, Vergani organizzerà uno show coking Il Torrone nella Pasticceria, sabato 16 novembre alle ore 16,00, dove lo stesso Naponi si esibirà nella realizzazione di un dolce della tradizione, utilizzando il nuovo torrone.

INformaCIBO vi invita  a scoprire la città durante la sua festa più dolce: un appuntamento semplicemente da non perdere.

Per qualsiasi approfondimento si potrà fare riferimento al sito ufficiale dell'evento Cliccando QUI

Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner