Unaprol sostiene #PizzaUnesco: annunciato impegno per 100.000 firme

08/05/2017

A TuttoFood Milano, il Presidente della Fondazione UniVerde Alfonso Pecoraro Scanio, il Presidente Coldiretti Roberto Moncalvo, Unaprol e Napoli Pizza Village hanno rilanciato la World Petition #pizzaUnesco che chiede il riconoscimento dell'Arte dei pizzaiuoli napoletani a Patrimonio immateriale dell'Umanità. Il Consorzio Olivicolo Italiano si impegna a raccogliere 100.000 firme a sostegno della petizione mondiale.
Roberto Moncalvo, Alfonso Pecoraro Scanio e David Granieri
Milano, 8 maggio 2017.  Anche Unaprol, la più grande realtà dell’associazionismo olivicolo italiano, ha annunciato l'adesione e il sostegno alla petizione mondiale #pizzaUnesco. Da TuttoFood – l'esposizione internazionale dedicata agli operatori del settore agroalimentare alla Fiera Milano Rho – giunge l’impegno del Presidente David Granieri a raccogliere 100.000 firme per l’Arte dei pizzaiuoli napoletani a Patrimonio immateriale dell’Umanità, puntando al più generale traguardo di 2.000.000 di sottoscrizioni entro il prossimo autunno.
 
Il Presidente della Fondazione UniVerde Alfonso Pecoraro Scanio, il Presidente Coldiretti Roberto Moncalvo, Unaprol e Napoli Pizza Village si sono raccolti intorno alla campagna più popolare nella storia delle candidature Unesco al convegno “L'olio extravergine & #pizzaUnesco: la forza dell'autenticità nel Made in Italy”.

In vista della decisione finale sulla candidatura italiana, attesa a dicembre a Seoul, Pecoraro Scanio, promotore di #pizzaUnesco – che da Presidente della Commissione Agricoltura ha varato le prime norme a tutela dell’olio extravergine di oliva e da Ministro le norme sulla tracciabilità – commenta così: “È molto importante che anche Unaprol, la più rappresentativa associazione del settore olivicolo italiano, abbia aderito a questa campagna che unisce l'eccellenza agroalimentare del Belpaese. La pizza è uno dei prodotti simbolo della cucina e della nostra cultura così come l'olio extra vergine di oliva, immancabile sulle tavole di tutto il mondo. Buono, sano, autenticamente italiano. I pizzaiuoli napoletani, da tradizione, ne assicurano il rispetto nelle preparazioni, esaltandone le qualità con cuore e fantasia. Il successo di #pizzaUnesco nasce proprio dal suo obiettivo, quello della tutela del made in Italy, perché difende la cultura di una realtà e la qualità degli ingredienti per fare una pizza a regola d'arte”.
 
“L'Arte dei pizzaiuoli napoletani è una candidatura legata alla nostra agricoltura - commenta il Presidente Coldiretti Roberto Moncalvo -. La pizza è il simbolo della nostra tradizione alimentare e del legame fra la capacità di saper fare un prodotto, i territori e i prodotti agricoli. Un patrimonio straordinario, impossibile da falsificare. Siamo convinti che la vittoria finale sia a portata di mano”.

“Un prodotto tipico, ma ormai globalizzato, come la pizza ha bisogno di un’ancora come l’olio extra vergine di oliva che, tra tutti i prodotti del made in Italy, è sicuramente il più italiano. Richiama nel consumatore mondiale il legame indissolubile tra prodotto e territorio. L’olio extra vergine di oliva di qualità italiano – ha detto il Presidente di Unaprol David Granieriè glocale e, per questo motivo, in grado di imprimere un ritmo diverso al prodotto da forno più famoso al mondo”.

All'evento è intervenuto anche Claudio Sebillo, Brand manager del Napoli Pizza Village, la pizzeria più grande al mondo con i suoi 50 forni all'aperto, attesa sul suggestivo lungomare di Napoli dal 17 al 25 giugno: “Il nostro è il più imponente happening d'Italia e rappresenta il momento più alto di promozione della specialità napoletana, la pizza, e dei suoi artigiani, i pizzaiuoli. #pizzaUnesco è una sfida che abbiamo abbracciato con tutte le nostre energie fin dall'inizio, la vittoria sarebbe la finalizzazione di un percorso iniziato proprio al Napoli Pizza Village”. 
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner