Vincenzo De Luca sbarca all'Expo e dice: "La Campania è Terra Buona altro che Terra dei Fuochi, noi siamo sani e siamo pieni di eccellenza"

Il Presidente della Campania si esibisce anche in uno show con la chitarra

20/10/2015

Vincenzo De Luca sbarca all'Expo e dice: "La Campania è Terra Buona altro che Terra dei Fuochi, noi siamo sani e siamo pieni di eccellenza"
Milano Expo 2015. “La Campania entra nel mercato con la Terra Buona altro che Terra dei Fuochi, noi siamo sani, siamo pieni di eccellenza, il nostro territorio è fortissimo. Da oggi lanciamo la sfida per la trasparenza. La nostra Campania è oggi la prima Regione d'Italia per controlli e monitoraggio ambientale: è questo il primato che vogliamo rivendicare".

È il “mattatore” Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania che parla, al Media Center di Expo davanti ad una centinaia di invitati, tra amministratori e e anche ad un gruppo di giornalisti (non ci sono solo quelli a cui la Regione per tre giorni ha pagato Vitto e alloggio compresi, come ha scritto il Fatto Quotidiano).

E proprio al giornalista de Il Fatto Quotidiano che gli chiede conto di questo fatto De Luca risponde citando Goethe: “Non c’è nulla di peggio di un’ignoranza attiva“.
Una giornata in grande stile quindi quella di lunedì 19 ottobre per De Luca che punta a dare slancio e forza alla regione e non accetta critiche, nè domande impertinenti.

Ma veniamo ai dati snocciolati dal governatore nel suo discorso.
"Il 97% della Campania è incontaminato", ha tuonato De Luca mostrando i dati della ricerca dell'istituto zooprofilattico sperimentale del Mezzogiorno (è costata 18 milioni di euro) su acqua, aria e suoli della Terra dei Fuochi e della Campania.
"Abbiamo prodotti che tutto il mondo ci invidia e i risultati della ricerca sgomberano il campo da equivoci e strumentalizzazioni", continua De Luca che vuol far capire le potenzialità della regione che amministra da pochi mesi e sulla quale ha avuto non poche difficoltà. "Ciò che è stato fatto in Campania non ha eguali in Italia", ha detto ancora De Luca.
 
Vincenzo De Luca durante il discorso al Media Center di Expo

"Dovevamo recuperare un'immagine, una credibilità. In questi anni i nostri produttori hanno pagato un prezzo atroce, pur offrendo al mercato prodotti di eccellenza, hanno subito le ricadute di emergenze ambientali" e in alcuni casi anche di una "campagna di vera e propria aggressione commerciale", ha affermato De Luca.
“Solo sulla bonifica delle discariche siamo in ritardo”, ha ammesso il governatore, ma il governo ha deciso lo stanziamento di 450 milioni di euro per fare definitivamente la bonifica della terra dei fuochi, per eliminare le ecoballe, per eliminare Bagnoli".
E poi ha così concluso con voce tonante: "La Campania sta voltando pagina, come la sta voltando l'Italia".

Il presidente del comitato scientifico di questo lavoro è affidato a Roberto Bertollini, che ha ricordato come in Europa siano 340 mila i siti contaminati. Dunque non è un problema solo italiano.
"Sono stati studiati 2942 campioni tra prodotti ortofrutticoli ed erba spontanea, solo 4 campioni sono risultati non conformi". ha spiegato il commissario Antonio Limone, commissario dell'Istituto zooprofilattico del Mezzogiorno.
"C'è voglia di spiegare che la Campania non è terra dei veleni - ha detto Limone - che i suoi prodotti sono innocenti". E comunque, anche se il 97% del territorio è "pulito, gradevole, vergine e ambientalmente protetto", non si ferma il lavoro per risolvere i problemi nel restante 3,8%.

De Luca mentre imbraccia la chitarra

Al termine della presentazione del programma di monitoraggio della Campania, il governatore campano ha improvvisato un piccolo show con la chitarra.
Il Video del Mattino di Napoli
 
Nel pomeriggio si è svolto anche un incontro, promosso dal Corriere della Sera e moderato da Antonio Polito, direttore del Corriere del mezzogiorno, alcuni imprenditori e Vincenzo De Luca. Ne riparleremo.

Chi è la Regione più longeva?
Nella stessa giornata una delegazione di venti centenari ha viaggiato in Frecciarossa per arrivare a Expo Milano 2015, partendo da Salerno, e rivelare i segreti per vivere a lungo.

I viaggiatori speciali, in rappresentanza dei 115 centenari che il Cilento ospita, si sono goduti il viaggio a 300 km/h, tra le attenzioni del personale di Trenitalia e dei propri familiari, e sono approdati all'Esposizione Universale dedicata al cibo per mostrare con la propria testimonianza gli effetti benefici della dieta mediterranea.

Anche su questa iniziativa De Luca si è soffermando nel discorso al Media Center parlando della Campania come la Regione più longeva d'Italia.
Peccato che proprio lo stesso giorno la Regione Marche ufficializzava uno studio certificato dall'Università di Camerino da dove risulta che la regione più longeva d'Europa risulta la regione Marche.
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner