La nuova Barilla 100% grano italiano protagonista del grande cinema italiano

Da domenica 28 giugno fino a settembre: Tre film di prodotto realizzati per la campagna ‘Nata sotto il cielo d’Italia’ e tre registi doc che si raccontano

di Silvia Armati

Ultima Modifica: 27/06/2020

Il racconto della nuova Pasta Barilla 100% Grano Italiano, attraverso tre film di prodotto realizzati per la campagna “Nata sotto il cielo d’Italia”.

Gli spot d’autore sono firmati da tre grandi registi Sergio Rubini, Daniele Luchetti e Alessandro Genovesi

Gli spot sono espressione di un cinema italiano che mette in scena l’universo valoriale Barilla e pone al centro le persone.

Protagonista comune è la nuova Pasta Barilla, il grande rilancio di un prodotto iconico in Italia e nel mondo, una pasta oggi ancora più buona, corposa e realizzata con grani selezionati coltivati e lavorati nel Bel Paese.

Barilla – brand sinonimo di qualità, casa e convivialità – ha voluto comunicare oggi più che mai l’importanza dello stare insieme, anche a tavola, dando voce alle relazioni e ai piccoli momenti di vita quotidiana e domestica. Dalle esperienze condivise ogni giorno, nelle nostre case con i nostri cari, alla complicità e ai sorrisi che contraddistinguono i rapporti di amicizia, famiglia e amore.

Proprio questi ultimi sono i contesti protagonisti delle storie, uniche ma al contempo universali, raccontate sul piccolo schermo dai tre registi. Colonna sonora di tutti i film è la celebre canzone italiana, Azzurro, in una nuova versione a pianoforte elaborata da Vittorio Cosma.

Dopo l’esperienza del lockdown, in una società che si sente profondamente cambiata e sta lavorando per tornare alla normalità, non era semplice produrre uno spot che potesse rappresentare questo momento: la voglia di tornare a vivere le piccole gioie quotidiane insieme alle persone che amiamo – spiega Elena Tabellini, VP Marketing Italia Barilla e VoielloAbbiamo scelto la strada dell’autenticità e chiesto a tre grandi registi di rappresentare con sincerità come vivono la quotidianità e le relazioni oggi. La massima espressione di questo concetto è stata manifestata anche nella regia e nella scelta delle location: le case dei registi e l’utilizzo di famigliari e amici negli spot. Ciascuno di loro ha dato una personale interpretazione della Nuova Barilla associando alla pasta significati in cui in realtà ognuno di noi può riconoscersi evocando quel sentimento di vicinanza ed empatia che la campagna ‘Nata sotto il cielo d’Italia’ vuole trasmettere”.

Da domenica 28 giugno fino a settembre il cinema italiano

Sergio Rubini

La triplice narrazione apre così uno spaccato sulle vite dei registi, sulle loro famiglie e amici e sulle loro abitudini e sui loro pensieri, creando un filo diretto con le persone. Una vicinanza e realismo palpabili anche per quanto riguarda la regia che, nonostante le limitazioni di presenza e distanziamento sui set oggi in vigore, ha visto una grande complicità e affiatamento fra tutte le persone coinvolte.

Sergio Rubini con la moglie Carla apre di nuovo le porte di casa propria a un gruppo di amici, compagni di una vita, per cui cucina un primo piatto ricco di sapori e aromi, Spaghetti n. 5 con calamari, pomodorini e prezzemolo, da condividere in terrazza in una mite giornata di sole. Musiche, profumi e risate superano lo schermo televisivo e raggiungono lo spettatore; elementi di realtà rubati a una quotidianità profondamente autentica e personale. Racconta il regista: “Quest’avventura con Barilla avrà qualcosa di indimenticabile. Dopo il lockdown sono tornato a girare e, se è stato sorprendente farlo a casa mia, il fatto di aver coinvolto mia moglie oltre ai miei veri amici – sia gli “attori” che ho messo in scena che i collaboratori che mi hanno supportato nella realizzazione dello spot – ha dato un sapore unico e genuino all’intera esperienza; anche perché la gioia di ritrovarsi dopo la lunga pausa è stata vera e palpabile da parte di tutti”.

Daniele Luchetti mostra un frammento intimo ed emozionante della sua vita famigliare. Lo vediamo in un casale fuori città insieme alle donne della sua vita, la moglie Elena e la figlia Sofia con la sorella Vittoria. Queste ultime dai gusti e caratteri così differenti eppure concordi e complici attorno a un tavolo, di fronte a un buon piatto di pasta fredda: Fusilli con pomodori freschi gialli, mozzarella e basilico e Penne con pomodori freschi rossi, mozzarella e basilico. “Canticchiare senza fare nulla in un giorno d’estate, cucinare due paste diverse per due sorelle diverse, i pomeriggi azzurri e lunghi. Questa manciata di suggestioni racconta quando in una giornata miracolosamente non accade nulla e quando in quel nulla si apre uno spazio gioioso”, commenta il regista. “È bello che Barilla ci abbia chiesto di aggiungere questa nuova foto all’album di famiglia, perché è un brand che fa parte della nostra storia emotiva”.

Alessandro Genovesi racconta invece una storia romantica, quella della nascita di un amore tra vicini di casa. I due da tempo si osservavano in attesa dell’occasione giusta per conoscersi: l’ora di pranzo, una confezione vuota di spaghetti, le note canticchiate di Azzurro usate da Genovesi per dare vita alle immagini della storia. Ed è subito amore: l’uno per l’altra ed entrambi per la nuova pasta Barilla, un piatto condiviso di Spaghetti grossi n.7 al pomodoro. “Mi sembrava fondamentale che lo spot fosse per me intimo e personale – spiega Genovesi – Ho provato quindi a raccontare come, qualche anno fa, è nata una delle storie d’amore più importanti della mia vita. L’ho fatto con un altro me e un’altra lei e la radio non suonava Azzurro, ma è andata esattamente così”.

Condividi L'Articolo

L'Autore

Redattore